3 modi per avere fede come Gesù

È facile pensare che Gesù abbia avuto un grande vantaggio – essendo il Figlio di Dio incarnato, com’era – nel pregare e ottenere risposte alle sue preghiere. Ma disse ai Suoi seguaci: “Puoi pregare per qualsiasi cosa, e se hai fede, la riceverai” (Matteo 21:22, NLT).

La prima generazione di seguaci di Gesù apparentemente prese le sue promesse sul serio. Pregarono per l’audacia e la ricevettero (Atti 4:29). Pregavano che i prigionieri venissero rilasciati, ed è successo (Atti 12: 5). Pregarono che i malati fossero guariti e furono guariti (Atti 28: 8). Hanno anche pregato che i morti fossero risuscitati e sono tornati in vita (Atti 9:40).

Per noi sembra un po ‘diverso, no? Noi abbiamo fede Ma abbiamo il tipo di fede di cui Gesù parlava, il tipo di fede che quei primi cristiani sembravano avere? Cosa significa pregare “con fede, credendo”, come alcune persone lo hanno definito? Può significare più di quanto segue, ma penso che significhi almeno:

1) Non essere timido.
“Vieni audacemente al trono della grazia”, ​​scrisse l’autore di Ebrei (Ebrei 4:16, KJV). Ricordi la storia di Esther? Si prese la vita tra le mani e marciò nella sala del trono del re Assuero per fargli richieste che cambiano la vita e che cambiano il mondo. Il suo non era certo un “trono di grazia”, ​​eppure lei gettò tutte le precauzioni e ottenne ciò che le chiedeva: ciò di cui lei e tutto il suo popolo avevano bisogno. Non dovremmo fare di meno, soprattutto perché il nostro re è gentile, misericordioso e generoso.

2) Non cercare di coprire le tue scommesse.
A volte, in particolare nei servizi di adorazione e nelle riunioni di preghiera, dove gli altri possono sentirci pregare, cerchiamo di “coprire le nostre scommesse”, per così dire. Potremmo pregare: “Signore, guarisci la sorella Jackie, ma in caso contrario, mettila a suo agio”. Questa è una fede che non muove le montagne. Dobbiamo sempre sforzarci di pregare in linea con le priorità di Dio (“Possa il tuo nome essere santo; che il tuo regno venga; che la tua volontà sia fatta”), ma la fede non copre una scommessa . Si spegne su un arto. Fa pressione sulla folla per toccare l’orlo della veste del Maestro (vedere Matteo 9: 20-22). Colpisce la freccia per terra ancora e ancora e ancora e ancora (vedi 2 Re 13: 14-20). Chiede anche le briciole dal tavolo del maestro (vedi Marco 7: 24-30).

3) Non cercare di “proteggere” Dio dall’imbarazzo.
Tendi a pregare per risposte “realistiche” alla preghiera? Chiedete risultati “probabili”? O preghi preghiere commoventi in montagna? Pregate per cose che non potrebbero accadere se Dio non interviene chiaramente? A volte penso che i cristiani ben intenzionati provino a proteggere Dio dall’imbarazzo. Sai, se preghiamo “Guarisci ora o guarisci in cielo”, possiamo dire che Dio ha risposto alla nostra preghiera anche se la sorella Jackie muore. Ma Gesù non sembrava pregare in quel modo. Né disse agli altri di pregare in quel modo. Disse: “Abbi fede in Dio. In verità, io ti dico, chiunque dica a questa montagna: ‘Sii preso e gettato in mare’, e non ha dubbi nel suo cuore, ma crede che ciò che dice avverrà, sarà fatto per lui ” (Marco 11: 22-23, ESV).

Quindi prega audacemente. Esci su un arto. Prega per cose che non possono accadere senza l’intervento di Dio. Prega con fede, credendo.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri