5 consigli da seguire per ottenere la liberazione

I benefici sensibili legati all’opera di liberazione sono spesso lenti e faticosi. D’altro canto si riscontrano grandi frutti spirituali, che aiutano a capire perché il Signore abbia permesso una tale sofferenza, portando a riavvicinarsi alla vita sacramentale ed alla preghiera. Le liberazioni veloci, invece, sono spesso poco utili in quanto la persona non si è ancora sinceramente radicata in Dio e rischia di ritornare ad essere vittima del male.

I tempi necessari per la liberazione sono quindi impossibili da determinare a priori e legati anche alla prontezza con cui si identifica il sorgere di un male malefico e lo si “estirpa”.

Nei casi gravi di mali radicati nel tempo, è già da considerarsi buona una liberazione che avviene entro 4-5 anni ricevendo un esorcismo alla settimana.

Mettere in pratica ciò che è indicato di seguito rappresenta, in accordo con la volontà di Dio, una certezza sull’esito della liberazione di una persona, a meno che non vi siano ostacoli che ne rallentino o impediscano l’attuazione:

– Conversione personale e deciso riavvicinamento a Dio: è ciò che Dio vuole principalmente. Se ad esempio esiste una situazione di irregolarità di vita è necessario cambiare radicalmente. In particolare impediscono la liberazione le situazioni di convivenza fuori dal matrimonio (specialmente se si proviene da un precedente matrimonio religioso), il sesso fuori dal matrimonio, l’impurità sessuale (masturbazione), la perversione, ecc.

– Perdonare tutti, soprattutto coloro che ci hanno arrecato i maggiori mali e sofferenze. Può essere realmente un difficile sforzo chiedere a Dio di aiutarci a perdonare tali persone ma è indispensabile se vogliamo guarire ed essere liberati. Sono innumerevoli le testimonianze di guarigioni proprie ed altrui dopo avere perdonato di cuore chi aveva fatto del male. Un ulteriore passo avanti sarebbe riappacificarsi personalmente con la persona che ci ha arrecato sofferenza, sforzandosi di dimenticare il male subito (cfr. Mc 11,25).

– Essere vigilanti e gestire con attenzione tutti quegli ambiti della vita che si fa più fatica a controllare: i vizi, le pulsioni, le cattive inclinazioni, alcuni sentimenti quali la rabbia, il rancore, la critica accesa, la calunnia, i pensieri tristi, perché proprio queste situazioni possono diventare canali privilegiati da cui può entrare il Maligno.

– Rinunciare ad ogni potere e legame occulto (e ad ogni pratica connessa), ad ogni forma di superstizione, a frequentare veggenti, guru, magnetizzatori, pseudo-guaritori, sette o movimenti religiosi alternativi (es. New Age), ecc.

– Recita quotidiana del Santo Rosario (per intero): il Diavolo trema e fugge di fronte all’invocazione di Maria che ha il potere di schiacciargli la testa. E’ inoltre importante recitare quotidianamente vari tipi di preghiere, dalle classiche a quelle di liberazione concentrandosi su quelle che sembrano più efficaci o che comunque risultano più difficili da pronunciare (il Maligno cerca di deviare dalla recita di quelle che gli danno più fastidio).

– Messa (quotidiana se possibile): se vi si partecipa in maniera attiva essa rappresenta un potentissimo ministero di guarigione e liberazione.

– Confessione frequente: se ben fatta senza tralasciare volutamente nulla, è efficacissima per tranciare ogni rapporto e dipendenza con il Maligno. Questo è il motivo per cui egli cerca tutti gli ostacoli possibili per evitare che ci si confessi e, qualora avvenga, di farci confessare male. Cerchiamo di eliminare ogni riluttanza nei confronti della confessione quali: “non ho ammazzato nessuno”, “il Prete è uno come me forse anche peggio”, “io mi confesso direttamente con Dio” ecc. Queste sono tutte scuse suggerite dal Demonio per non farvi confessare. Ricordiamo bene che il Prete è si un uomo come tutti che risponderà delle sue eventuali azioni sbagliate (non ha il Paradiso assicurato), ma è anche stato investito da Gesù di un’autorità particolare per lavare le anime dal peccato.

Articoli correlati