5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

La mia visione d’infanzia del Natale era colorata, pulita e piacevole. Ricordo che papà marciava lungo la navata della chiesa a Natale, cantando: “We Three Kings”. Avevo anche una visione disinfettata dei cammelli, finché non ne ho visitato uno sporco, per sua scelta. A volte proiettava quella sua sporcizia in direzione degli spettatori. La mia visione romantica di una stalla e del viaggio dei tre saggi svanì.

È sparita anche l’idea infantile che il primo Natale fosse tutto gioia e pace per i personaggi principali. Maria e Giuseppe hanno sperimentato una serie di emozioni e sfide che includevano tradimento, paura e solitudine. In altre parole, il primo Natale offre molte speranze per le persone reali in un mondo caduto le cui celebrazioni natalizie non sono all’altezza dell’ideale mitico.

La maggior parte di noi conosce Mary. Ma anche Joseph merita uno sguardo più approfondito. Consideriamo cinque lezioni dalla fede di Giuseppe quel primo Natale.

1. Per fede Giuseppe mostrò gentilezza sotto pressione
“ È così che nacque Gesù il Messia. Sua madre, Maria, era fidanzata con Giuseppe. Ma prima che il matrimonio avesse luogo, mentre era ancora vergine, rimase incinta per il potere dello Spirito Santo. Giuseppe, con il quale era fidanzata, era un uomo giusto e non voleva disonorarla pubblicamente, così decise di rompere il fidanzamento in silenzio ”( Matteo 1: 18-19 ).

La gentilezza e la devozione vanno insieme. In effetti, Proverbi ci dice che i giusti mostrano rispetto anche per i loro animali (P ro. 12:10 ). La nostra cultura soffre di una carenza di gentilezza. Commenti odiosi sui social media mostrano che anche i credenti abbattono i compagni di fede. L’esempio di gentilezza di Giuseppe può insegnarci molto sulla fede in mezzo alla delusione.

Da un punto di vista umano, Joseph aveva tutto il diritto di essere arrabbiato. Il suo fidanzato ha lasciato inaspettatamente la città per tre mesi ed è tornato incinta di tre mesi! La sua storia sulla visita di un angelo e sul fatto di essere ancora vergine, ma incinta, deve averlo fatto vacillare.

Come poteva essere stato così ingannato sul carattere di Mary? E perché avrebbe inventato una storia così ridicola sulla visita di un angelo per coprire il suo tradimento?

Lo stigma dell’illegittimità seguì Gesù per tutta la sua vita ( Giovanni 8:41 ). Nella nostra società moralmente lassista, non possiamo apprezzare appieno la vergogna che questa etichetta portava nella cultura di Mary. I libri scritti meno di un secolo fa forniscono un’idea dello stigma e delle conseguenze di un errore morale. Una lettera di compromesso era sufficiente per escludere una donna dalla società educata e impedire un matrimonio rispettabile.

Secondo la legge mosaica, chiunque fosse colpevole di adulterio sarebbe lapidato ( Lev. 20:10 ). In ” The Indescribable Gift ” , Richard Exley spiega le tre fasi di un matrimonio ebraico e l’impegno vincolante di un fidanzamento. Prima c’era il fidanzamento, un contratto stipulato dai familiari. Poi è arrivato il fidanzamento, “una ratifica pubblica dell’impegno”. Secondo Exley, “durante questo periodo la coppia è considerata marito e moglie, sebbene il matrimonio non sia stato consumato. L’unico modo in cui un fidanzamento poteva essere terminato era con la morte o il divorzio … ‘

“L’ultima fase è il matrimonio vero e proprio, quando lo sposo porta la sua sposa nella camera nuziale e consuma il matrimonio. Questo è seguito da una festa di matrimonio “.

Non c’era mai stata una nascita verginale prima. Era naturale per Giuseppe dubitare della spiegazione di Maria. Eppure la fede di Giuseppe lo guidò a essere gentile anche quando le sue emozioni gli turbinavano dentro. Ha scelto di divorziare silenziosamente da lei e di proteggerla dalla vergogna pubblica.

Giuseppe modella una risposta simile a quella di Cristo al tradimento. La gentilezza e la grazia lasciano la porta aperta affinché il trasgressore si penti e venga restituito a Dio e al suo popolo. Nel caso di Giuseppe, quando la reputazione di Maria fu chiarita, dovette fare i conti solo con l’aver dubitato della sua storia. Non aveva rimpianti per come aveva gestito la questione.

La gentilezza di Giuseppe con Maria – quando credeva che lei lo avesse tradito – mostra la gentilezza che la fede produce anche sotto pressione ( Galati 5:22 ).

2. Per fede Joseph mostrò coraggio
“Ma dopo aver considerato questo, un angelo del Signore gli apparve in sogno e disse: ‘Giuseppe, figlio di Davide, non aver paura di portare a casa Maria come tua moglie, perché ciò che è concepito in lei viene dal Santo Spirito ‘”( Matt. 1:20 ).

Perché Joseph aveva paura? La risposta ovvia è che temeva che Mary fosse coinvolta o che fosse stata con un altro uomo, che fosse immorale e non la persona che lui credeva che fosse. Dato che in quel momento non aveva avuto notizie da Dio, come poteva credere a Maria? Come avrebbe mai potuto fidarsi di lei? Come poteva crescere il figlio di un altro uomo?

L’angelo placò questa paura. Non c’era nessun altro uomo. Mary gli aveva detto la verità. Stava portando il Figlio di Dio.

Immagino che anche altre paure abbiano provocato Joseph. Mary era incinta di tre mesi a questo punto. Prenderla come sua moglie lo faceva sembrare immorale. Che effetto avrebbe questo sulla sua posizione nella comunità ebraica? La sua attività di falegnameria ne avrebbe sofferto? Sarebbero stati cacciati dalla sinagoga ed evitati da familiari e amici?

Ma quando Joseph seppe che questo era il piano di Dio per lui, tutte le altre preoccupazioni svanirono. Mise da parte le sue paure e seguì Dio con fede. Giuseppe non ha negato le sfide implicate, ma ha accettato il piano di Dio con fede coraggiosa.

Quando conosciamo e crediamo in Dio, anche noi troviamo il coraggio di affrontare le nostre paure e seguirlo.

3. Per fede Joseph ricevette guida e rivelazione
“Lei darà alla luce un figlio, e tu gli devi dare il nome Gesù, perché salverà il suo popolo dai suoi peccati” ( Matteo 1:21 ).

Quando se ne furono andati, un angelo del Signore apparve a Giuseppe in sogno. «Alzati», disse, «prendi il bambino e sua madre e fuggi in Egitto. Rimani lì finché non te lo dico, perché Erode cercherà il bambino per ucciderlo ‘”( Matteo 2:13 ).

Quando mi sento nel panico perché non sono sicuro del passo successivo, il ricordo di come Dio ha trattato Joseph mi rassicura. In tutta questa storia, Dio ha avvertito e guidato Joseph passo dopo passo. La Bibbia dice che Dio condivide ancora le intuizioni con coloro che camminano con Lui ( Giovanni 16:13 ) e dirige il nostro cammino (P ro. 16: 9 ).

Le vie di Dio spesso mi lasciano perplesso. Se avessi diretto gli eventi del primo Natale, avrei evitato la tensione e l’incomprensione tra Maria e Giuseppe mandando l’angelo a Giuseppe prima che incontrasse Maria. Lo avrei avvertito della loro necessità di fuggire prima che a notte fonda dovessero partire. Ma le vie di Dio non sono le mie – sono migliori ( Is. 55: 9 ). E così è il suo tempismo. Dio mandò a Giuseppe la direzione di cui aveva bisogno quando ne aveva bisogno, non prima. Farà lo stesso per me.

4. Per fede Joseph obbedì a Dio
“Quando Giuseppe si svegliò, fece quello che l’angelo del Signore gli aveva comandato e portò Maria a casa come sua moglie” ( Matteo 1:24 ).

Joseph dimostra l’obbedienza della fede. Tre volte quando un angelo gli parlava in sogno, lui obbedì immediatamente. La sua risposta rapida significava fuggire, magari a piedi, lasciarsi alle spalle ciò che non potevano portare e ricominciare da capo in una nuova posizione ( Luca 2:13 ). Uno di fede minore potrebbe aver aspettato di finire e di essere pagato per il progetto di falegnameria a cui stava lavorando.

L’obbedienza di Giuseppe dimostrò la sua fiducia nella saggezza e nel provvedimento di Dio per l’ignoto.

5. Per fede Joseph visse entro i suoi mezzi
“Ma se non può permettersi un agnello, deve portare due colombe o due giovani piccioni, uno per l’olocausto e l’altro per il sacrificio per il peccato. In questo modo il sacerdote farà per lei l’espiazione e sarà pura ”( Levitico 12: 8 ).

“Offrirono anche un sacrificio come richiesto dagli insegnamenti del Signore: ‘una coppia di colombe in lutto o due giovani piccioni’” ( Luca 2:24 ).

A Natale, noi, soprattutto genitori e nonni, non vogliamo che i nostri cari si sentano delusi o meno dei loro amici. Questo può spingerci a spendere più di quanto dovremmo. Apprezzo che la storia del Natale mostri l’umiltà di Giuseppe. Alla circoncisione di Gesù – lo stesso Figlio di Dio – Maria e Giuseppe non offrirono un agnello, ma l’offerta minore di una coppia di colombe o piccioni. Charles Ryrie dice nella Ryrie Study Bible che questo mostra la povertà della famiglia.

Quando siamo tentati di reagire, dispiacerci per noi stessi, ritardare l’obbedienza o viziarci troppo in questa stagione, possa l’esempio di Joseph rafforzare la nostra fede per vivere coraggiosamente e al passo con il nostro Salvatore.

Cosa significa "Bibbia" e come ha preso quel nome?

Cosa significa "Bibbia" e come ha preso quel nome?

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Come chiedere perdono a Dio

Come chiedere perdono a Dio

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

Ogni momento della nostra vita condiviso con Dio attraverso la Bibbia

Ogni momento della nostra vita condiviso con Dio attraverso la Bibbia