629 ragazze Pakistane vendute come spose

Pagina dopo pagina, i nomi si accumulano: 629 ragazze e donne provenienti da tutto il Pakistan che sono state vendute come spose a uomini cinesi e portate in Cina. L’elenco, ottenuto da The Associated Press, è stato compilato da investigatori pakistani determinati a rompere le reti di trafficanti sfruttando i poveri e i vulnerabili del paese.

L’elenco fornisce la cifra più concreta per il numero di donne coinvolte negli schemi di tratta dal 2018.

Ma dal momento in cui è stato messo insieme a giugno, l’aggressiva spinta degli investigatori contro le reti si è in gran parte fermata. Funzionari con conoscenza delle indagini affermano che ciò è dovuto alla pressione esercitata dai funzionari governativi che temono di ferire i lucrosi legami del Pakistan con Pechino.

Il più grande caso contro i trafficanti è crollato. A ottobre, un tribunale di Faisalabad ha assolto 31 cittadini cinesi accusati di traffico. Diverse donne inizialmente intervistate dalla polizia hanno rifiutato di testimoniare perché minacciate o corrotte in silenzio, secondo un funzionario del tribunale e un investigatore della polizia che ha familiarità con il caso. I due parlarono a condizione di anonimato perché temevano una punizione per aver parlato apertamente.

Allo stesso tempo, il governo ha cercato di limitare le indagini, esercitando “un’enorme pressione” sui funzionari dell’Agenzia federale di ricerca che perseguono reti di trafficanti, ha affermato Saleem Iqbal, un attivista cristiano che ha aiutato i genitori a salvare diverse ragazze dalla Cina e ha impedito ad altri di essere inviato lì.

“Alcuni (funzionari della FIA) sono stati addirittura trasferiti”, ha dichiarato Iqbal in un’intervista. “Quando parliamo con sovrani pakistani, non prestano attenzione. “

Alla domanda sulle denunce, i ministeri interni ed esteri del Pakistan hanno rifiutato di commentare.

Diversi alti funzionari che hanno familiarità con gli eventi hanno affermato che le indagini sulla tratta sono rallentate, gli investigatori sono frustrati e i media pakistani sono stati spinti a frenare le loro notizie sulla tratta. I funzionari hanno parlato a condizione di anonimato perché temevano rappresaglie.

“Nessuno sta facendo nulla per aiutare queste ragazze”, ha detto uno dei funzionari. “L’intera racchetta sta continuando e sta crescendo. Perché? Perché sanno che possono cavarsela. Le autorità non lo seguiranno, a tutti viene chiesto di non indagare. Il traffico sta aumentando ora. “

Ha detto che stava parlando “perché devo vivere con me stesso. Dov’è la nostra umanità?

Il ministero degli Esteri cinese ha dichiarato di non essere a conoscenza dell’elenco.

“I due governi di Cina e Pakistan sostengono la formazione di famiglie felici tra i loro cittadini su base volontaria in conformità con le leggi e i regolamenti, mentre allo stesso tempo hanno tolleranza zero e combattono risolutamente contro chiunque si impegni in un matrimonio illegale transfrontaliero comportamento “, ha detto il ministero in una nota inviata lunedì all’ufficio AP di Pechino.

Un’indagine dell’AP all’inizio di quest’anno ha rivelato come la minoranza cristiana pakistana sia diventata un nuovo obiettivo dei broker che pagano i genitori poveri per sposare le loro figlie, alcune adolescenti, con i mariti cinesi che tornano con loro in patria. Molte spose vengono quindi isolate e maltrattate o costrette a prostituirsi in Cina, contattando spesso casa e chiedendo di essere ricondotte. L’AP ha parlato con agenti di polizia e di tribunale e più di una dozzina di spose – alcune delle quali sono tornate in Pakistan, altre rimaste intrappolate in Cina – nonché genitori, vicini di casa, parenti e lavoratori per i diritti umani rimorsi.

I cristiani sono presi di mira perché sono una delle comunità più povere del Pakistan a maggioranza musulmana. Gli anelli del traffico sono costituiti da intermediari cinesi e pakistani e includono ministri cristiani, per lo più da piccole chiese evangeliche, che ricevono tangenti per sollecitare il loro gregge a vendere le loro figlie. Gli investigatori hanno anche scoperto almeno un religioso musulmano che gestisce un ufficio matrimoniale dalla sua madrassa, o scuola religiosa.

Gli investigatori hanno messo insieme l’elenco di 629 donne del sistema di gestione integrata delle frontiere del Pakistan, che registra digitalmente i documenti di viaggio negli aeroporti del paese. Le informazioni includono i numeri di identità nazionali delle spose, i nomi dei loro mariti cinesi e le date dei loro matrimoni.

Tutti, tranne una manciata di matrimoni, hanno avuto luogo nel 2018 e fino ad aprile 2019. Uno degli alti funzionari ha affermato che si riteneva che tutti i 629 fossero stati venduti agli sposi dalle loro famiglie.

Non si sa quante altre donne e ragazze siano state trafficate da quando la lista è stata messa insieme. Ma il funzionario ha detto che “il commercio redditizio continua”. Ha parlato con l’AP in un’intervista condotta a centinaia di chilometri dal suo posto di lavoro per proteggere la sua identità. “I broker cinesi e pakistani guadagnano dai 4 ai 10 milioni di rupie ($ 25.000 e $ 65.000) dallo sposo, ma solo circa 200.000 rupie ($ 1.500) vengono donati alla famiglia”, ha detto.

Il funzionario, con anni di esperienza nello studio della tratta di esseri umani in Pakistan, ha affermato che molte delle donne che hanno parlato con gli investigatori hanno riferito di trattamenti per la fertilità forzata, abusi fisici e sessuali e, in alcuni casi, prostituzione forzata. Sebbene non sia emersa alcuna prova, almeno un rapporto di indagine contiene accuse di organi raccolti da alcune delle donne inviate in Cina.

A settembre, l’agenzia investigativa pakistana ha inviato al Primo Ministro Imran Khan un rapporto intitolato “casi di falsi matrimoni cinesi”. Il rapporto, una cui copia è stata ottenuta dall’AP, ha fornito dettagli sui casi registrati contro 52 cittadini cinesi e 20 dei loro associati pakistani in due città nella provincia orientale del Punjab – Faisalabad, Lahore – nonché nella capitale Islamabad. I sospetti cinesi includevano i 31 successivamente assolti in tribunale.

Il rapporto afferma che la polizia ha scoperto due uffici di matrimonio illegale a Lahore, tra cui uno gestito da un centro islamico e madrassa – il primo rapporto noto di poveri musulmani anche preso di mira dai broker. Il religioso musulmano coinvolto è fuggito dalla polizia.

Dopo le assoluzioni, ci sono altri casi davanti ai tribunali che coinvolgono arrestati pakistani e almeno altri 21 sospetti cinesi, secondo il rapporto inviato al primo ministro a settembre. Ma agli imputati cinesi nei casi è stata concessa la cauzione e hanno lasciato il paese, dicono attivisti e un funzionario del tribunale.

Attivisti e operatori dei diritti umani affermano che il Pakistan ha cercato di mantenere silenzioso il traffico di spose per non compromettere le relazioni economiche sempre più strette del Pakistan con la Cina.

La Cina è stata una fedele alleata del Pakistan per decenni, in particolare nelle sue difficili relazioni con l’India. La Cina ha fornito a Islamabad assistenza militare, compresi dispositivi nucleari pre-testati e missili a capacità nucleare.

Oggi, il Pakistan riceve massicci aiuti nell’ambito dell’iniziativa Belt and Road della Cina, uno sforzo globale volto a ricostituire la via della seta e collegare la Cina a tutti gli angoli dell’Asia. Nell’ambito del progetto di corridoio economico Cina-Pakistan da 75 miliardi di dollari, Pechino ha promesso a Islamabad un vasto pacchetto di sviluppo di infrastrutture, dalla costruzione di strade e centrali elettriche all’agricoltura.

La domanda di spose straniere in Cina è radicata nella popolazione di quel paese, dove ci sono circa 34 milioni di uomini in più rispetto alle donne – un risultato della politica del figlio unico che si è conclusa nel 2015 dopo 35 anni, insieme a una schiacciante preferenza per i ragazzi che hanno portato agli aborti di bambine e infanticidio femminile.

Un rapporto pubblicato questo mese da Human Rights Watch, che documenta il traffico di spose dal Myanmar alla Cina, afferma che la pratica si sta diffondendo. Ha detto che Pakistan, Cambogia, Indonesia, Laos, Myanmar, Nepal, Corea del Nord e Vietnam sono “tutti diventati paesi di origine per un business brutale”.

“Una delle cose che colpisce di più di questo problema è la velocità con cui sta crescendo l’elenco dei paesi che sono noti per essere i paesi di origine nel settore del traffico di sposi”, ha detto ad AP Heather Barr, l’autore del rapporto HRW.

Omar Warriach, direttore delle campagne di Amnesty International per l’Asia meridionale, ha dichiarato che il Pakistan “non deve lasciare che le sue strette relazioni con la Cina diventino un motivo per chiudere gli occhi sugli abusi dei diritti umani contro i propri cittadini” – sia in abusi di donne vendute come spose o separazione di donne pakistane di mariti della popolazione musulmana uigura della Cina mandate in “campi di rieducazione” per allontanarle dall’Islam.

“È terrificante che le donne vengano trattate in questo modo senza che le autorità di entrambi i paesi manifestino alcuna preoccupazione. Ed è scioccante che stia accadendo su questa scala “, ha detto.

Articoli correlati