7 modi in cui la meditazione può salvarti la vita

Perché ci sono più persone che bevono alcolici che persone che meditano? Perché più persone mangiano fast food che esercitano? Il fumo è una delle principali cause di morte negli Stati Uniti, così come la cattiva alimentazione e il consumo di alcol, quindi perché amiamo tutto ciò che è male per noi e teniamo lontano dalle cose che ci fanno bene?

Presumibilmente è perché non ci piacciamo molto. Una volta iniziato il ciclo dell’autodifesa, ci vogliono un’enorme quantità di determinazione e impegno per apportare cambiamenti. E la mente è un perfetto servitore, come farà tutto ciò che viene detto, ma è un padrone terribile in quanto non ci aiuta ad aiutare noi stessi.

Il che può essere ancora più difficile quando la nostra mente è come una scimmia squilibrata, che salta da un pensiero o dramma all’altro, senza mai concederci il tempo di essere tranquilli, pacifici e immobili.

Ma la meditazione può salvarci la vita! Questo può sembrare inverosimile, ma la meditazione è un modo diretto per attraversare la mente caotica delle scimmie facendo costantemente scuse e supportando la nostra nevrosi. È fondamentale. Eppure così tante persone prestano così poca attenzione. Bere alcol può uccidere e la meditazione può salvare, ma ci sono molte più persone che bevono.

La meditazione in sette modi può salvarti la vita

Chill Out È noto che lo stress è responsabile del 70-90 percento delle malattie e che il tempo di quiete è il rimedio più efficace per una mente occupata e oberata di lavoro. In uno stato di stress, è facile perdere il contatto con la pace interiore, la compassione e la gentilezza; in uno stato rilassato, la mente si schiarisce e ci connettiamo con un senso più profondo di scopo e altruismo. Il tuo respiro è il tuo migliore amico. Ogni volta che senti lo stress che sale, il cuore che si chiude, la mente che si abbatte, ti concentri solo sul tuo respiro e ripeti piano: inspirando, calmo il corpo e la mente; espirando, sorrido.
Rilasciare la rabbia e la paura La rabbia può portare all’odio e alla violenza. Se non accettiamo i nostri sentimenti negativi, è probabile che li reprimiamo o li rinneghiamo e, se negati, possono causare vergogna, depressione e rabbia. La meditazione ci consente di vedere come l’egoismo, l’avversione e l’ignoranza creano infiniti drammi e paure. Potrebbe non essere una cura per tutti, non farà scomparire tutte le nostre difficoltà o trasformerà improvvisamente le nostre debolezze in punti di forza, ma ci consente di rilasciare atteggiamenti egocentrici e arrabbiati e generare una profonda felicità interiore. Questo può essere molto liberatorio.
Generare apprezzamento Una mancanza di apprezzamento porta facilmente ad abusi e sfruttamento. Quindi, inizia prendendo un momento solo per apprezzare la sedia su cui sei seduto. Considera come è stata realizzata la sedia: il legno, il cotone, la lana o altre fibre, gli alberi e le piante che venivano usati, la terra che faceva crescere gli alberi, il sole e la pioggia, gli animali che forse davano la vita, le persone che preparavano i materiali, la fabbrica dove è stata costruita la sedia, il designer, il falegname e la sarta, il negozio che l’ha venduta – tutto questo solo per farti sedere qui, ora. Quindi estendi questo apprezzamento a ogni parte di te, quindi a tutti e tutto nella tua vita. Per questo sono grato.
Sviluppa gentilezza e compassione Ogni volta che vedi o senti sofferenza, in te stesso o in un altro, ogni volta che commetti un errore o dici qualcosa di stupido e stai quasi per metterti giù, ogni volta che pensi a qualcuno che stai attraversando un momento difficile con, ogni volta che vedi qualcuno che lotta, è turbato o irritato, basta fermarsi e portare amorevole gentilezza e compassione. Respirare delicatamente, ripetere silenziosamente: Che tu stia bene, che tu sia felice, che tu sia pieno di amorevole gentilezza.
C’è un serbatoio di bontà fondamentale in tutti gli esseri, ma spesso perdiamo il contatto con questa espressione naturale di cura e amicizia. Nella meditazione, passiamo dal vedere la nostra natura essenzialmente egoista e legata all’ego al riconoscere che siamo parte integrante di un tutto molto più grande, e quando il cuore si apre possiamo portare compassione alla nostra fallibilità e umanità. La meditazione è, quindi, il dono più compassionevole che possiamo fare a noi stessi.

Praticare l’innocuità Semplicemente con l’intento di causare meno dolore possiamo portare una maggiore dignità al nostro mondo, in modo che il danno sia sostituito dall’innocuità e dalla mancanza di rispetto con rispetto. Ignorare i sentimenti di qualcuno, affermare la nostra disperazione, non amare il nostro aspetto o vedere noi stessi come incompetenti o indegni sono tutte cause di danno personale. Quanto risentimento, colpa o vergogna stiamo trattenendo, perpetuando così tale dannosità? La meditazione ci permette di trasformarlo riconoscendo la nostra bontà essenziale e la preziosità di tutta la vita.
Condividi e cura Senza condividere e prenderci cura viviamo in un mondo isolato, disconnesso e solitario. Prendiamo la meditazione “fuori dal cuscino” e la mettiamo in atto man mano che diventiamo più profondamente consapevoli della nostra connessione con tutti gli esseri. Dall’essere egocentrici, diventiamo centrati sull’altro, preoccupati per il benessere di tutti. Quindi, protendersi oltre noi stessi diventa un’espressione spontanea di genuina generosità vista nella nostra capacità di lasciar andare conflitti o perdonare errori, o nel nostro desiderio di aiutare chi è nel bisogno. Non siamo soli qui, camminiamo tutti sulla stessa terra e respiriamo la stessa aria; più partecipiamo, più siamo connessi e realizzati.
Essere con ciò che è La natura stessa della vita comprende il cambiamento, il desiderio insoddisfatto e il desiderio che le cose siano diverse da come sono, tutto ciò porta malcontento e insoddisfazione. Quasi tutto ciò che facciamo è ottenere qualcosa: se lo facciamo, lo otterremo; se lo facciamo, allora succederà. Ma in meditazione lo facciamo solo per farlo. Non c’è altro scopo se non quello di essere qui, nel momento presente, senza cercare di andare da nessuna parte o raggiungere qualcosa. Nessun giudizio, nessun giusto o sbagliato, semplicemente essere consapevoli.
La meditazione ci consente di vedere chiaramente, di testimoniare i nostri pensieri e comportamenti e ridurre il nostro coinvolgimento personale. Senza una tale pratica di autoriflessione non c’è modo di frenare le richieste dell’ego. Uscire dalla mente concettuale, tuttavia, non significa entrare nel nulla o niente; non significa che non vi è alcuna connessione con una realtà mondana. Piuttosto, sta entrando nella sanità mentale e, cosa ancora più importante, nella connessione ancora maggiore. Quindi non abbiamo più bisogno di farci del male!

Articoli correlati