manoscritto papa francesco

A Papa Francesco è stato presentato lo storico manoscritto di preghiera salvato dallo Stato islamico

A Papa Francesco è stato presentato mercoledì con uno storico manoscritto di preghiera aramaico salvato dalla distruttiva occupazione dell’Iraq settentrionale da parte dello Stato Islamico. Risalente a un periodo compreso tra il XIV e il XV secolo, il libro contiene preghiere liturgiche in aramaico per il tempo di Pasqua nella tradizione siriaca. Il manoscritto era precedentemente conservato nella Grande Cattedrale dell’Immacolata Concezione di Al-Tahira (nella foto sotto), la cattedrale siro-cattolica di Bakhdida, nota anche come Qaraqosh. La cattedrale è stata saccheggiata e incendiata quando lo Stato Islamico ha avuto il controllo della città dal 2014 al 2016. Papa Francesco visiterà la cattedrale di Bakhdida nel suo prossimo viaggio in Iraq dal 5 all’8 marzo. Il libro è stato scoperto nel nord dell’Iraq nel gennaio 2017 dai giornalisti – quando Mosul era ancora nelle mani dello Stato islamico – e inviato al vescovo locale, l’arcivescovo Yohanna Butros Mouché, che lo ha affidato a una federazione di ONG cristiane per la custodia. Come la stessa cattedrale dell’Immacolata Concezione di Bakhdida, il manoscritto è stato recentemente sottoposto a un accurato processo di restauro. L’Istituto Centrale per la Conservazione dei Libri (ICPAL) di Roma ha curato il restauro del manoscritto, finanziato dal Ministero dei Beni Culturali. Il processo di restauro di 10 mesi ha comportato la consultazione con esperti della Biblioteca Vaticana, che ha volumi siriaci risalenti allo stesso periodo. L’unico elemento originale del libro che è stato sostituito è stato il filo che lo lega insieme.

Papa Francesco ha ricevuto una piccola delegazione nella biblioteca del Palazzo Apostolico il 10 febbraio. Il gruppo ha presentato al Papa il testo liturgico restaurato. La delegazione comprendeva il capo del laboratorio di restauro dell’ICPAL, l’arcivescovo Luigi Bressan, l’arcivescovo in pensione di Trento, e il leader della Federazione delle organizzazioni cristiane nel servizio volontario internazionale (FOCSIV), la federazione italiana di 87 ONG che hanno contribuito a garantire il la sicurezza del libro quando è stato trovato nel nord dell’Iraq. Durante l’incontro con il papa, la presidente della FOCSIV Ivana Borsotto ha detto: “Siamo alla vostra presenza perché in questi anni abbiamo salvato e restaurato in Italia, grazie al Ministero per i Beni Culturali, questo ‘libro dei profughi’ – un libro sacro del Chiesa siro-cristiana dell’Iraq, uno dei più antichi manoscritti conservati nella Chiesa dell’Immacolata Concezione nella città di Qaraqosh nelle pianure di Ninive”.

“Oggi siamo felici di restituirlo simbolicamente nelle mani di Sua Santità per restituirlo alla sua casa, alla sua Chiesa in quella terra tormentata, come segno di pace, di fratellanza”, ha detto. Un portavoce del FOCSIV ha detto che l’organizzazione spera che il papa possa portare con sé questo libro durante la sua visita apostolica in Iraq il mese prossimo, ma non può dire in questo momento se sarà possibile. “Crediamo che nel riportare i profughi del Kurdistan nelle loro città di origine, nell’ambito dell’azione di cooperazione allo sviluppo e di solidarietà internazionale, sia necessario riscoprire anche le radici culturali comuni, quelle che nei secoli hanno intessuto una storia di tolleranza e pacifica convivenza in questa zona ”, ha detto Borsotto dopo l’udienza. “Ciò consente di ricreare le condizioni che possono condurre la popolazione a una nuova vita collettiva e comunitaria coesa e pacifica, specialmente per queste persone per le quali il lungo periodo di occupazione, violenza, guerra e condizionamento ideologico ha profondamente colpito i loro cuori. ” “Spetta ai progetti di cooperazione culturale, educazione, formazione riscoprire le proprie tradizioni e la millenaria cultura dell’accoglienza e della tolleranza dell’intero Medio Oriente”. Borsotto ha aggiunto che, sebbene le pagine finali del manoscritto rimangano gravemente danneggiate, le preghiere in esso contenute “continueranno a celebrare l’anno liturgico in aramaico e saranno ancora cantate dal popolo della Piana di Ninive, ricordando a tutti che un altro futuro è ancora possibile”.

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo