Adempire alla nostra missione

“Ora, Maestro, puoi lasciare andare il tuo servitore in pace, secondo la tua parola, poiché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, che hai preparato agli occhi di tutti i popoli: una luce per la rivelazione ai Gentili e la gloria per il tuo popolo Israele ”. Luca 2: 29-32

Celebriamo oggi il glorioso evento di Gesù presentato nel Tempio da Maria e Giuseppe. Simeone, un uomo “giusto e devoto”, aveva aspettato questo momento per tutta la sua vita. Il passaggio sopra è quello di cui ha parlato quando finalmente è arrivato il momento.

Questa è un’affermazione profonda che proviene da un cuore umile e pieno di fede. Simeone stava dicendo qualcosa del genere: “Signore dei cieli e della terra, la mia vita ora è completa. L’ho visto. L’ho tenuto. Lui è l’unico. Lui è il Messia. Non c’è più nulla di cui ho bisogno nella vita. La mia vita è soddisfatta. Ora sono pronto a morire. La mia vita ha raggiunto il suo scopo e il suo culmine. “

Simeone, come qualsiasi altro essere umano ordinario, avrebbe avuto molte esperienze nella vita. Avrebbe avuto molte ambizioni e obiettivi. Molte cose per cui ha lavorato duramente. Quindi per lui dire che ora era pronto per “andare in pace” significa semplicemente che lo scopo della sua vita è stato raggiunto e che tutto ciò per cui ha lavorato e per cui ha lottato è giunto al culmine in questo momento.

Questo dice molto! Ma è davvero una grande testimonianza per noi nella nostra vita quotidiana e ci dà un esempio di ciò per cui dovremmo lottare. Vediamo in questa esperienza di Simeone che la vita deve riguardare l’incontro con Cristo e il raggiungimento del nostro scopo secondo il piano di Dio. Per Simeone, quello scopo, che gli era stato rivelato attraverso il dono della sua fede, era di ricevere il Cristo Bambino nel tempio alla sua presentazione e quindi di consacrare questo Bambino al Padre in conformità con la legge.

Qual è la tua missione e il tuo scopo nella vita? Non sarà lo stesso di Simeon ma avrà somiglianze. Dio ha un piano perfetto per te che ti rivelerà con fede. Questa chiamata e questo scopo alla fine riguarderanno il fatto che tu riceva Cristo nel tempio del tuo cuore e poi lo lodi e lo adori affinché tutti lo vedano. Assumerà una forma unica in accordo con la volontà di Dio per la tua vita. Ma sarà significativo e importante come la chiamata di Simeone e sarà parte integrante dell’intero piano divino di salvezza per il mondo.

Rifletti oggi sulla tua chiamata e missione nella vita. Non perdere la tua chiamata. Non perdere la tua missione. Continua ad ascoltare, anticipare e agire con fede mentre il piano si sviluppa in modo che anche tu un giorno possa rallegrarti e “andare in pace” fiducioso che questa chiamata sia stata adempiuta.

Signore, sono il tuo servo. Cerco la tua volontà. Aiutami a risponderti con fede e apertura e aiutami a dirti “Sì” affinché la mia vita raggiunga lo scopo per il quale sono stata creata. Ti ringrazio per la testimonianza di Simeone e prego che anch’io un giorno mi rallegri che la mia vita sia stata adempiuta. Gesù io credo in te.

Articoli correlati