Alla ricerca di Dio nel mezzo di una crisi di sanitaria

In pochi minuti, il mio mondo è stato capovolto. I test sono tornati e abbiamo ricevuto una diagnosi devastante: mia madre aveva il cancro. Le crisi di salute possono farci sentire senza speranza e spaventati da un futuro sconosciuto. In mezzo a questa perdita di controllo, quando siamo addolorati per noi stessi o per una persona cara, possiamo sentire che Dio ci ha abbandonati. Come possiamo trovare Dio nel mezzo di una crisi sanitaria come questa? Dov’è Dio nel mezzo di così tanto dolore? Dov’è lui nel mio dolore?

Lottando con le domande
Dove sei? Ho passato anni a ripetere questa domanda nelle mie preghiere mentre guardavo il viaggio di mia madre con il cancro: diagnosi, chirurgia, chemioterapia, radiazioni. Perché hai lasciato che succedesse? Perché ci hai abbandonato? Se queste domande suonano familiari, è perché non sei solo. I cristiani sono alle prese con queste domande da migliaia di anni. Ne troviamo un esempio nel Salmo 22: 1-2: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Perché sei così lontano dal salvarmi, così lontano dalle mie grida di angoscia? Mio Dio, grido di giorno, ma tu non rispondi, di notte, ma non trovo riposo “. Come il salmista, mi sono sentito abbandonato. Mi sono sentito impotente, guardando le persone che amo, le persone migliori che conosco, soffrire immeritatamente a causa di crisi di salute. Sono stato arrabbiato con Dio; Ho messo in dubbio Dio; e mi sono sentito ignorato da Dio. Impariamo dal Salmo 22 che Dio convalida questi sentimenti. E ho imparato che non solo è accettabile per noi porre queste domande, ma Dio lo incoraggia ( Salmo 55:22 ). In noi, Dio ha creato esseri intelligenti con una profonda capacità di amore ed empatia, capaci di provare tristezza e rabbia per noi stessi e per coloro a cui teniamo. Nel suo libro,Ispirata: Slaying Giants, Walking on Water, and Loving the Bible Again, Rachel Held Evans esamina la storia di Giacobbe che lotta contro Dio ( Genesi 32: 22-32 ), scrivendo “Sto ancora lottando e, come Giacobbe, lotterò fino a Io sono BENEDETTO. Dio non mi ha ancora lasciato andare. ” Siamo figli di Dio: egli ci ama e si prende cura di noi nel bene e nel male; in mezzo alle nostre sofferenze è ancora il nostro Dio.

Trovare la speranza nelle Scritture
Quando ho saputo per la prima volta della diagnosi di cancro di mia madre diversi anni fa, ero sconvolto. La mia vista offuscata da un senso di impotenza, mi rivolsi a un passaggio familiare della mia infanzia, il Salmo 23 : “Il Signore è il mio pastore, non mi manca nulla”. Uno dei preferiti della scuola domenicale, avevo memorizzato questo verso e l’avevo recitato innumerevoli volte. Il significato è cambiato per me quando è diventato il mio mantra, in un certo senso, durante l’intervento chirurgico, la chemioterapia e le radiazioni di mia madre. Il verso 4 mi attacca in particolare: “Anche se cammino attraverso la valle più buia, non temerò alcun male, perché tu sei con me”. Possiamo ricorrere a versetti, passaggi e storie familiari per trovare speranza nelle Scritture. In tutta la Bibbia, Dio ci assicura che, sebbene camminiamo nelle valli più buie, non dobbiamo aver paura: Dio “ogni giorno porta i nostri fardelli” ( Salmo 68:19) e ci esorta a ricordare che “Se Dio è per noi, chi può essere contro di noi?” ( Romani 8:31 ).

In qualità di badante e di persona che cammina al fianco di coloro che affrontano crisi di salute, trovo speranza anche in 2 Corinzi 1: 3-4 : “Lode a Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, Padre di compassione e Dio di ogni conforto, che ci conforta in tutti i nostri guai, in modo che possiamo confortare coloro che sono in difficoltà con il conforto che noi stessi riceviamo da Dio “. Un vecchio adagio dice che per prendersi cura degli altri, dobbiamo prima prenderci cura di noi stessi. Trovo speranza nel sapere che Dio mi darà conforto e pace in modo da trasmetterlo a coloro che combattono le difficoltà delle crisi di salute.

Sentire la pace attraverso la preghiera
Recentemente, un mio amico ha avuto un attacco epilettico. È andata in ospedale e le è stato diagnosticato un tumore al cervello. Quando le ho chiesto come potevo sostenerla, ha risposto: “Penso che pregare sia la cosa principale”. Attraverso la preghiera, possiamo portare il nostro dolore, la nostra sofferenza, il nostro dolore, la nostra rabbia e lasciarlo a Dio.

Come molti, vedo regolarmente un terapista. Le mie sessioni settimanali mi forniscono un ambiente sicuro per esprimere tutte le mie emozioni e ne esco più leggero. Mi avvicino alla preghiera più o meno allo stesso modo. Le mie preghiere non seguono una forma specifica né avvengono in un momento designato. Prego semplicemente per le cose che appesantiscono il mio cuore. Prego quando la mia anima si sente stanca. Prego per avere forza quando non ne ho. Prego affinché Dio possa rimuovere i miei fardelli e darmi il coraggio di affrontare un altro giorno. Prego per la guarigione, ma prego anche che Dio estenda la sua grazia a coloro che amo, a coloro che soffrono nel mezzo di diagnosi, test, interventi chirurgici e trattamenti. La preghiera ci permette di esprimere la nostra paura e di partire con un senso di pace in mezzo all’ignoto.

Prego che possiate trovare conforto, speranza e pace attraverso Dio; possa la sua mano posarsi su di te e riempire il tuo corpo e la tua anima.

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo