Alla ricerca di una vita spirituale attiva? Prova a memorizzare le preghiere

Imparare le preghiere a memoria è assicurarsi che siano lì quando hai più bisogno di Dio.

Non riuscivo quasi a crederci quando mi sono ritrovato a recitare l’Ave Maria mentre sono stato rapidamente portato in sala operatoria per un taglio cesareo d’emergenza lo scorso gennaio. Mentre le emozioni predominanti degli ultimi momenti che hanno portato alla nascita di mia figlia sono state la paura (“Il mio bambino starà bene?”) E la delusione (“Questo non sta andando come speravo.”), Ricordo anche la sorpresa che questo una particolare preghiera è emersa nella mia coscienza. Prima dell’intervento erano passati anni da quando avevo pregato Mary. Anche se non sono contrario alla devozione mariana, non è il mio stile spirituale personale più che Doc Martens è la mia prima scelta di calzature. Nel momento in cui sono diventata mamma, tuttavia, pregare Maria sembrava giusto e, anche se mi ha sorpreso, mi ha confortato.

Grazie ad aver memorizzato l’Ave Maria, pregare Maria venne naturalmente nel mio momento di bisogno, nonostante la mia ordinaria distanza da lei. Sono uno dei milioni di cattolici per i quali la devozione mariana non è un aspetto ordinario della loro vita spirituale e tuttavia è in grado di recitare un’Ave Maria in un cappello. Sia grazie alla scuola cattolica, l’educazione religiosa basata sul catechismo di Baltimora o le preghiere notturne della famiglia, questa base della vita di preghiera cattolica è radicata nelle nostre menti come la promessa di fedeltà.

La pratica di apprendere e recitare preghiere scritte da altri ha una lunga storia. Fin da piccolo Gesù avrebbe imparato preghiere a memoria recitate nella sinagoga. Una delle preghiere fondamentali della nostra fede – la preghiera del Signore – venne da Gesù stesso. San Paolo esaltava i primi cristiani a tenere fede agli insegnamenti trasmessi a loro, che presumibilmente avrebbero incluso la preghiera che Gesù ci ha insegnato, e molti padri della chiesa hanno attestato l’uso comune delle preghiere come il segno della croce e il Preghiera del Signore. Intorno al 200 EV Tertulliano scrisse: “In tutti i nostri viaggi e movimenti, in tutti i nostri ingressi e uscite, nel mettere le nostre scarpe, al bagno, al tavolo, nell’accendere le nostre candele, nel sdraiarci, nel sederci, qualunque occupazione ci occupi, contrassegniamo le nostre fronti con il segno della croce ”e all’inizio del V secolo, SS.

Oggi la chiesa continua a tramandare queste preghiere di base (e quelle sviluppate successivamente, come l’Ave Maria e l’Atto di Contrizione), insegnando che la memorizzazione delle preghiere è un supporto essenziale per una vita spirituale attiva. Tuttavia, seguendo le tendenze più ampie dell’educazione degli Stati Uniti, la pratica della memorizzazione nell’educazione religiosa è caduta fuori dal favore pedagogico.

Nel mio lavoro come direttore della formazione della fede, insegno il programma di conferma della mia parrocchia e molti dei miei studenti ammettono di non conoscere le preghiere di base della nostra tradizione. A dire il vero, hanno imparato e conosciuto le preghiere ad un certo punto. La devota catechista di seconda elementare della nostra parrocchia di oltre una dozzina di anni dà a ciascuno dei suoi giovani allievi una tessera “So le mie preghiere” e, quando ricevono la loro prima Eucaristia, hanno tutti recitato con orgoglio e ricevuto adesivi per la preghiera del Signore, Gloria e Ave Maria. Ma per molti dei nostri studenti la loro iscrizione al nostro programma di formazione per la fede è la loro unica connessione con la chiesa, e senza rinforzo a casa o durante la messa le preghiere scivolano attraverso i loro ricordi come la capitale del Bangladesh ha fatto dalla mia anni fa.

Di tanto in tanto mi chiedevo se avrei dovuto addestrare i catechisti a porre maggiormente l’accento sulla memorizzazione delle preghiere durante le loro lezioni settimanali di formazione della fede, al fine di radicare le parole più profondamente nella mente dei nostri studenti. Allo stesso tempo, mi chiedevo anche se una parte di ogni classe dovesse essere dedicata al completamento di un progetto di servizio, alla lettura del vangelo della domenica o all’esplorazione di diversi tipi di preghiera. Il fatto è che c’è solo così tanto tempo in un anno del programma di educazione religiosa (23 ore nel nostro, per l’esattezza; il nostro programma è abbastanza tipico in quanto va dalla fine di settembre ai primi di maggio e non si riunisce durante le vacanze o fine settimana di vacanze scolastiche). Ogni momento dedicato a un degno obiettivo di apprendimento è tempo preso da un altro, e mi capita di credere che conoscere le parabole di Gesù,

A parte il fatto che il tempo in classe scarseggia mentre abbondano materiali importanti, non sono mai stato sicuro che la promozione della memorizzazione delle preghiere trasmetta il messaggio che voglio inviare. Se le lezioni della domenica mattina sono l’unico posto in cui molti dei nostri studenti sono esposti alla conversazione sulla fede e Dio, dobbiamo stare molto attenti a ciò che diciamo loro sulla fede e Dio. Se non altro, voglio che i nostri figli sappiano che Dio li ama in ogni caso, che sono esseri umani preziosi in qualunque cosa e che la loro fede sarà lì per loro in ogni caso. Non penso che memorizzare le preghiere contribuisca a questa conoscenza.

O meglio, non pensavo che fosse così fino a quando non ho avuto la mia crisi nella stanza del lavoro e del parto. In quel momento mi sono reso conto che la memorizzazione delle preghiere compie più di quanto io tenda a dargli credito. Far memorizzare la Ave Maria significava che non dovevo pensare a come pregare o cosa pregare; la preghiera mi è venuta in mente naturalmente come il respiro.

In un momento troppo stimolante e spaventoso, questo è stato un vero dono. Mentre pregavo le parole memorizzate, le parole che, francamente, non significano molto per me per la maggior parte del tempo, ho sentito la pace – un’esperienza dell’amore di Dio – lavarmi addosso. In altre parole, avere una preghiera memorizzata ha reso la mia fede e il mio Dio accessibili a me in un momento di bisogno.

Di recente ho letto una storia sui metodi di allenamento di Anson Dorrance, l’allenatore di calcio femminile dell’Università della Carolina del Nord e un uomo con uno dei record di allenatore di maggior successo nella storia dell’atletica leggera. Oltre a tutte le strategie previste – il condizionamento, l’allungamento, le esercitazioni – Dorrance richiede ai suoi giocatori di memorizzare tre diverse citazioni letterarie ogni anno, ciascuna scelta scelta perché comunica uno dei valori fondamentali della squadra. Dorrance comprende che nei momenti di sfida sul campo, la mente dei suoi giocatori andrà da qualche parte, e sta spianando la strada per loro di andare in posti positivi riempiendoli di citazioni che comunicano coraggio, forza, possibilità e coraggio. Dove vanno le menti dei giocatori, seguono le loro azioni.

Ciò che abbiamo memorizzato costituisce una colonna sonora per le nostre vite; proprio come la musica ha il potere di influenzare il nostro umore e la nostra energia, così fa questa colonna sonora mentale. Non possiamo necessariamente scegliere quando la musica colpisce o quale canzone suona in un determinato momento, ma possiamo controllare, almeno in una certa misura, ciò che bruciamo sulla colonna sonora in primo luogo.

Per molti di noi, i contenuti della nostra colonna sonora sono stati determinati dai nostri genitori, insegnanti, fratelli o abitudini televisive durante i nostri primi anni di vita. Ogni volta che io e i miei fratelli abbiamo combattuto per tutta la nostra infanzia, mia madre ci ha fatto impazzire cantando la preghiera di San Francesco. Ora, quando sto per restituire un commento passivo e aggressivo con uno svelto e sono in grado di trattenermi perché le parole “rendimi un canale della tua pace” mi passano per la testa, sono grato. Su una nota meno nobile, la maggior parte dei viaggi in biblioteca innescano il canto un po ‘irritante “divertirti non è difficile quando hai una tessera della biblioteca” dallo spettacolo PBS Arthur.

Che le nostre colonne sonore siano piene degli aforismi dei nostri genitori, delle poesie che abbiamo memorizzato durante le lezioni di inglese di settima elementare, jingle di pubblicità di shampoo o declinazioni latine, la buona notizia è che non sono incastonate nella pietra. Vengono costantemente riscritti e possiamo controllare ciò che accade loro scegliendo intenzionalmente di memorizzare particolari poesie, versetti delle Scritture, passaggi di libri o preghiere; aggiungere una traccia è semplice come ripetere le parole che desideriamo memorizzare ancora e ancora. Il vantaggio extra della pratica della memorizzazione è che recitare parole ripetute ha dimostrato di rallentare la respirazione, inducendo così la calma e migliorando la concentrazione. La memoria, dopo tutto, è come un muscolo; più lo usi, più lo rinforzi.

Non mancano le pratiche di preghiera all’interno della Chiesa cattolica e sono grato di far parte di una tradizione che offre vari metodi di connessione con Dio. Riconoscendo che le nostre preferenze e i nostri desideri sono dati da Dio come i nostri talenti e abilità, non penso che ci sia qualcosa di sbagliato nel gravitare verso certe pratiche. Allo stesso tempo, sono anche grato per le esperienze di vita che mi spingono a rimanere aperto a nuovi modi di conoscere Dio e approfondire la mia fede. La mia esperienza durante la nascita di mia figlia è stata una di quelle esperienze, poiché mi ha portato a sentire il tocco calmante di Maria e mi ha aiutato a vedere il valore della memorizzazione.

Memorizzare le preghiere è come mettere i soldi in un conto di previdenza: è facile dimenticare che il conto esiste perché è inaccessibile per il prossimo futuro, ma poi è lì per te nel momento in cui ne hai più bisogno. Ora vedo che vale la pena spendere un po ‘di tempo investendo in questo account e aiutare anche gli altri a farlo.

Articoli correlati