Anche San Giuseppe Lavoratore una volta era senza lavoro

Con la disoccupazione di massa ancora alta mentre la pandemia di coronavirus si trascina, i cattolici possono considerare San Giuseppe come un intercessore speciale, hanno detto due sacerdoti.

Citando la fuga della Sacra Famiglia in Egitto, lo scrittore devozionale padre Donald Calloway ha detto che San Giuseppe è “molto empatico” nei confronti di coloro che soffrono di disoccupazione.

“Lui stesso a un certo punto sarebbe stato disoccupato nella Fuga in Egitto”, ha detto il sacerdote a CNA. “Hanno dovuto impacchettare tutto e andare in un paese straniero senza niente. Non avevano intenzione di farlo. “

Calloway, autore del libro “Consecration to St. Joseph: The Wonders of Our Spiritual Father”, è un sacerdote dei Padri Mariani dell’Immacolata Concezione residente in Ohio.

Ha suggerito che San Giuseppe “ad un certo punto era sicuramente molto preoccupato: come farà a trovare lavoro in un paese straniero, non conoscendo la lingua, non conoscendo le persone?”

Secondo recenti rapporti, circa 20,6 milioni di americani hanno presentato istanza di sussidio di disoccupazione a fine novembre. Molti altri lavorano da casa con le restrizioni di viaggio del coronavirus, mentre innumerevoli lavoratori si trovano ad affrontare luoghi di lavoro dove potrebbero essere a rischio di contrarre il coronavirus e portarlo a casa dalle loro famiglie.

Padre Sinclair Oubre, un difensore del lavoro, pensava in modo simile alla fuga in Egitto come un periodo di disoccupazione per San Giuseppe, e anche un periodo che mostrava un esempio di virtù.

“Rimane concentrato: resta aperto, continua a lottare, non abbatterti. È stato in grado di costruire un sostentamento per lui e la sua famiglia “, ha detto Oubre. “Per coloro che sono disoccupati, San Giuseppe ci offre un modello per non permettere che le difficoltà della vita schiaccino il proprio spirito, ma piuttosto confidando nella provvidenza di Dio, e aggiungendo a quella provvidenza il nostro atteggiamento e una forte etica del lavoro”.

Oubre è moderatore pastorale del Catholic Labour Network e direttore dell’Apostolato dei mari della diocesi di Beaumont, che serve i marittimi e altri nel lavoro marittimo.

Calloway rifletteva che la maggior parte delle persone nella vita sono lavoratori, sia fuori che a una scrivania.

“Possono trovare un modello a San Giuseppe Lavoratore”, ha detto. “Non importa quale sia il tuo lavoro, puoi portare Dio in esso e può essere utile per te, la tua famiglia e la società nel suo insieme”.

Oubre ha detto che c’è molto da imparare riflettendo su come l’opera di San Giuseppe ha nutrito e protetto la Vergine Maria e Gesù, e così è stata una forma di santificazione del mondo.

“Se Joseph non avesse fatto quello che ha fatto, non c’era modo che la Vergine Maria, una fanciulla single incinta, sarebbe potuta sopravvivere in quell’ambiente”, ha detto Oubre.

“Ci rendiamo conto che il lavoro che facciamo non è solo per questo mondo, ma piuttosto possiamo lavorare per aiutare a costruire il regno di Dio”, ha continuato. “Il lavoro che svolgiamo si prende cura dei nostri familiari e dei nostri figli e aiuta a costruire le generazioni future che sono presenti”.

Calloway ha messo in guardia contro le “ideologie di ciò che dovrebbe essere il lavoro”.

“Può diventare schiavitù. Le persone possono trasformarsi in maniaci del lavoro. C’è un malinteso su cosa debba essere il lavoro “, ha detto.

San Giuseppe ha dato dignità al lavoro “perché, come il prescelto per essere il padre terreno di Gesù, ha insegnato al Figlio di Dio a fare il lavoro manuale”, ha detto Calloway. “Gli fu affidato il compito di insegnare al figlio di Dio un mestiere, essere un falegname”.

“Non siamo chiamati a essere schiavi di un mestiere, o a trovare il nostro senso ultimo della vita nel nostro lavoro, ma a permettere al nostro lavoro di glorificare Dio, di edificare la comunità umana, di essere fonte di gioia per tutti, ” Lui continuò. “Il frutto del tuo lavoro è pensato per essere goduto da te stesso e dagli altri, ma non a scapito di danneggiare gli altri o privarli di un giusto salario o sovraccaricarli, o avere condizioni di lavoro che vanno oltre la dignità umana”.

Oubre ha trovato una lezione simile, dicendo “il nostro lavoro è sempre al servizio della nostra famiglia, della nostra comunità, della nostra società, del mondo stesso”.

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo