Arrestate 33 persone in relazione a un gruppo WhatsApp

La polizia spagnola afferma che 33 persone sono state arrestate a livello globale in relazione a un gruppo di WhatsApp per immagini di abusi sessuali su minori e altri contenuti violenti.

Le molte immagini “estreme” condivise nel gruppo erano state “normalizzate dalla maggior parte dei suoi membri”, ha detto la forza.

Gli arresti furono fatti in 11 paesi diversi in tre continenti, ma la maggior parte – 17 – erano in Spagna.

Molti degli arrestati o indagati in Spagna hanno meno di 18 anni, incluso un ragazzo di 15 anni.

In Uruguay, la polizia ha arrestato due persone, una delle quali era una madre che ha abusato di sua figlia e ha inviato immagini di questo al gruppo.

In un altro caso, un uomo di 29 anni è stato arrestato non solo per aver scaricato le immagini, ma anche per incoraggiare altri membri del gruppo a mettersi in contatto con le ragazze, in particolare i migranti che difficilmente sarebbero andati alla polizia.

Come sono stati rintracciati?
La polizia nazionale spagnola ha iniziato a indagare sul gruppo più di due anni fa, dopo aver ricevuto un’e-mail con un suggerimento.

Hanno quindi chiesto l’aiuto di Europol, Interpol e della polizia in Ecuador e Costa Rica.

Oltre alla Spagna e all’Uruguay, sono stati fatti arresti nel Regno Unito, Ecuador, Costa Rica, Perù, India, Italia, Francia, Pakistan e Siria.

Cosa ha condiviso il gruppo?
In una dichiarazione, la polizia ha affermato che il gruppo ha condiviso “contenuti pedofili, a volte di estrema gravità, insieme ad altri contenuti legali ma non adatti ai minori a causa della loro natura estrema”.

Alcuni membri del gruppo avevano persino creato “adesivi” – piccole immagini digitali facilmente condivisibili, simili agli emoji – dei bambini che venivano maltrattati.

La polizia ha anche affermato che tutti gli arrestati in Spagna erano uomini o ragazzi e che provengono da un mix di contesti sociali e culturali.

Uno di questi uomini era fuggito da casa sua in Italia durante una ricerca. Andò a casa di un parente a Salamanca, ignaro del fatto che fosse stata la polizia nazionale spagnola a ordinare il suo arresto.

L’operazione si concentrerà ora sull’identificazione dei bambini maltrattati nelle immagini.

Articoli correlati