Bibbia: Dio manda uragani e terremoti?

Cosa dice la Bibbia su uragani, tornado e altri disastri naturali? La Bibbia fornisce una risposta al perché il mondo è in un tale casino se Dio ha davvero il controllo? Come può un Dio dell’amore lasciare che masse di persone muoiano a causa di uragani assassini, terremoti catastrofici, tsunami, attacchi terroristici e malattie? Perché una strage e un caos così bizzarri? Il mondo sta finendo? Dio sta riversando la sua ira sui peccatori? Perché sono così spesso i corpi gonfiati dei poveri, degli anziani e dei bambini che sono sparsi tra le macerie? Queste sono le domande a cui molte persone chiedono una risposta.

Dio è responsabile delle catastrofi naturali?
Sebbene Dio sia spesso visto come Colui che causa queste terribili catastrofi, non è responsabile. Dio non si occupa di provocare disastri naturali e calamità. Al contrario, è il donatore di vita. La Bibbia dice: “poiché i cieli svaniranno come fumo, e la terra diventerà vecchia come un indumento, e coloro che abitano in essi moriranno in modo simile: ma la mia salvezza sarà per sempre e la mia giustizia non sarà abolita “(Isaia 51: 6). Questo testo dichiara una drammatica differenza tra le calamità naturali e l’opera di Dio.

 

Quando Dio venne sulla terra sotto forma di uomo, non fece nulla per ferire le persone, solo per aiutarle. Gesù disse: “Poiché il Figlio dell’uomo non è venuto per distruggere le vite degli uomini, ma per salvarle” (Luca 9:56). Disse: “Molte opere buone ti ho mostrato da mio padre. Per quale di queste opere mi lapidi?” (Giovanni 10:32). Dice “… non è la volontà di tuo Padre che è nei cieli che uno di questi piccoli perisca” (Matteo 18:14).

Il disegno di Dio era che i suoi figli e le sue figlie sentissero per sempre il profumo dei fiori esotici, non dei cadaveri in decomposizione. Dovrebbero sempre gustare le prelibatezze della frutta tropicale e piatti gustosi, non affrontare la fame e la fame. È quello che fornisce l’aria fresca da una montagna e da una fresca acqua frizzante, non un brutto inquinamento.

Perché la natura sembra diventare sempre più distruttiva?

Quando Adamo ed Eva peccarono portarono una naturale conseguenza sulla terra. “E ad Adamo Egli [Dio] disse:” Perché hai ascoltato la voce di tua moglie e hai mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato, dicendo: “Non ne mangerai”, la maledizione è il terreno per il tuo bene; nel dolore ne mangerai tutti i giorni della tua vita (Gen. 3:17). I discendenti di Adamo divennero così violenti e corrotti che Dio permise al mondo di essere distrutto da un diluvio globale (Genesi 6: 5,11). Le fontane degli abissi furono distrutte (Genesi 7:11). C’era una grande attività vulcanica. Si formarono gli strati della crosta terrestre e la natura fu respinta dal suo corso dato da Dio. Il palcoscenico era pronto per i terremoti e le tempeste assassine. Mentre le conseguenze del peccato sono progredite da quel giorno a questo, il mondo naturale si sta avvicinando alla sua fine; i risultati della disobbedienza dei nostri primi genitori stanno diventando sempre più evidenti mentre questo mondo si sta esaurendo. Ma Dio si occupa ancora di salvare, aiutare e guarire. Dà la salvezza e la vita eterna a tutti coloro che Lo riceveranno.

Se Dio non porta disastri naturali, chi lo fa?
Molte persone non credono in un vero diavolo, ma la Bibbia è molto chiara su questo punto. Satana esiste ed è il distruttore. Gesù disse: “Ho visto Satana cadere come un fulmine dal cielo” (Luca 10:18, NKJV). Satana era un tempo un angelo santo alla destra di Dio in cielo (Isaia 14 ed Ezechiele 28). Si ribellò a Dio e fu scacciato dal cielo. “Così il grande drago fu scacciato, quel vecchio serpente, chiamato il Diavolo e Satana, che inganna il mondo intero; fu gettato sulla terra e i suoi angeli furono scacciati con lui ”(Apocalisse 12: 9). Gesù disse: “il diavolo era un assassino sin dall’inizio e padre di menzogne” (Giovanni 8:44). La Bibbia dice che il diavolo tenta di ingannare il mondo intero, e un modo in cui cerca di farlo è diffondere l’idea che non esiste un vero diavolo. Secondo recenti sondaggi, sempre meno persone in America credono che il diavolo esista davvero. L’esistenza di un vero diavolo è l’unica cosa che può spiegare l’esistenza del male in un mondo che è prevalentemente buono. “Guai agli abitanti della terra e del mare! Perché il diavolo è disceso da te, avendo una grande ira, perché sa di avere poco tempo ”(Apocalisse 12:12, NKJV).

La storia di Giobbe nell’Antico Testamento è un classico esempio di come Dio a volte permetta a Satana di portare calamità. Giobbe perse il suo bestiame, i suoi raccolti e la sua famiglia a causa di violenti attacchi, un uragano assassino e una tempesta di fuoco. Gli amici di Giobbe dissero che queste catastrofi venivano da Dio, ma un’attenta lettura del libro di Giobbe rivela che fu Satana a portare questi mali (vedere Giobbe 1: 1-12).

Perché Dio dà a Satana il permesso di distruggere?
Satana ingannò Eva, e attraverso di lei condusse Adamo al peccato. Poiché aveva tentato i primi umani – il capo della razza umana – nel peccato, Satana affermò di averlo scelto come il dio di questo mondo (vedere 2 Corinzi 4: 4). Afferma di essere il legittimo sovrano di questo mondo (vedere Matteo 4: 8, 9). Nel corso dei secoli, Satana ha combattuto contro Dio, cercando di stabilire la sua pretesa su questo mondo. Indica tutti coloro che hanno scelto di seguirlo come prova che è il legittimo sovrano di questo mondo. La Bibbia dice: “Non sai che a chi ti presenti schiavo per obbedire, sei lo schiavo di quello a cui obbedisci, sia che il peccato porti alla morte, sia che l’obbedienza porti alla giustizia?” (Romani 6:16, NKJV ). Dio ha dato i suoi Dieci Comandamenti come regole eterne per vivere, per determinare ciò che è giusto e sbagliato. Si offre di scrivere queste leggi nei nostri cuori e nelle nostre menti. Molti, tuttavia, scelgono di trascurare la sua offerta di una nuova vita e scelgono di vivere al di fuori della volontà di Dio. In tal modo supportano l’affermazione di Satana contro Dio. La Bibbia dice che questa situazione peggiorerà solo col passare del tempo. Negli ultimi giorni, “uomini e impostori malvagi peggioreranno sempre di più, ingannando e ingannando” (2 Timoteo 3:13, NKJV). Quando gli uomini e le donne si allontanano dalla protezione di Dio, sono soggetti all’odio distruttivo di Satana. NKJV). Quando gli uomini e le donne si allontanano dalla protezione di Dio, sono soggetti all’odio distruttivo di Satana. NKJV). Quando gli uomini e le donne si allontanano dalla protezione di Dio, sono soggetti all’odio distruttivo di Satana.

Dio è amore e il suo personaggio è perfettamente altruista e giusto. Pertanto, il suo personaggio gli impedisce di fare qualsiasi cosa sia ingiusta. Non interferirà con la libera scelta dell’uomo. Coloro che scelgono di seguire Satana sono liberi di farlo. E Dio permetterà a Satana di dimostrare all’universo quali sono veramente le conseguenze del peccato. Nelle calamità e nei disastri che colpiscono la terra e distruggono le vite, possiamo vedere com’è il peccato, com’è la vita quando Satana ha la sua strada.

Un adolescente ribelle può scegliere di uscire di casa perché trova le regole troppo restrittive. Potrebbe trovare un mondo crudele in attesa di insegnargli le dure realtà della vita. Ma i genitori non smettono di amare il loro figlio o figlia ribelle. Non vogliono che siano feriti, ma possono fare poco per prevenirlo se il bambino è determinato a seguire la propria strada. I genitori sperano e pregano che le difficili realtà del mondo riporteranno a casa il loro bambino, proprio come il figliol prodigo nella Bibbia (vedere Luca 15:18). Parlando di coloro che scelgono di seguire Satana, Dio dice: “Li abbandonerò e nasconderò loro la mia faccia e saranno divorati. E molti mali e difficoltà li colpiranno, così che in quel giorno diranno: “Questi mali non ci sono mai venuti addosso perché il nostro Dio non è in mezzo a noi?” “(Deuteronomio 31:17, NKJV). Questo è il messaggio che possiamo imparare dalle calamità e dalle catastrofi naturali. Possono condurci a cercare il Signore.

Perché Dio ha creato il diavolo?
In realtà, Dio non ha creato il diavolo. Dio ha creato un bellissimo angelo perfetto di nome Lucifero (vedi Isaia 14, Ezechiele 28). Lucifero, a sua volta, ha fatto di se stesso un diavolo. L’orgoglio di Lucifero lo fece ribellare a Dio e sfidarlo a supremazia. Fu scacciato dal cielo e venne su questa terra dove tentò un uomo e una donna perfetti di peccare. Quando lo fecero, aprirono un fiume di malvagità sul mondo.

Perché Dio non uccide il diavolo?
Alcuni si sono chiesti: “Perché Dio non ferma il diavolo? Se non è volontà di Dio che le persone muoiano, perché lascia che accada? Le cose sono andate oltre il controllo di Dio? ”

Dio avrebbe potuto distruggere Satana quando si ribellò in cielo. Dio avrebbe potuto distruggere Adamo ed Eva quando peccarono – e ricominciare. Tuttavia, se lo avesse fatto, avrebbe governato dal punto di vista della forza, piuttosto che dell’amore. Gli angeli in cielo e gli esseri umani sulla Terra Lo servirebbero dalla paura, non dall’amore. Affinché l’amore fiorisca, deve operare secondo il principio della libertà di scelta. Senza la libertà di scegliere, non esisterebbe il vero amore. Saremmo semplicemente dei robot. Dio ha scelto di preservare la nostra libertà di scelta e di governare con l’amore. Ha scelto di permettere a Satana e al peccato di seguire il loro corso. Permetterebbe a noi e all’universo di vedere dove porterebbe il peccato. Ci farebbe vedere le ragioni per fare la scelta di servirlo con amore.

Perché sono così spesso i poveri, gli anziani e i bambini che soffrono di più?
È giusto che gli innocenti soffrano? No, non è giusto. Il punto è che il peccato non è giusto. Dio è giusto, ma il peccato non è giusto. Questa è la natura del peccato. Quando Adam peccò, diede se stesso e la razza umana nelle mani di un cacciatorpediniere. Dio permette a Satana di diventare attivo nel lavoro attraverso la natura per provocare la distruzione come conseguenza della scelta dell’uomo. Dio non vuole che accada. Non voleva che Adamo ed Eva peccassero. Ma lo permise, perché era l’unico modo in cui gli esseri umani potevano avere il dono della libertà di scelta.

Un figlio o una figlia possono ribellarsi contro i buoni genitori ed uscire nel mondo e vivere una vita di peccato. Potrebbero avere figli. Potrebbero abusare dei bambini. Questo non è giusto, ma succede quando le persone fanno scelte sbagliate. Un genitore o un nonno affettuoso vorrebbe salvare i bambini maltrattati. E anche Dio. Questo è il motivo per cui Gesù venne su questa terra.

Dio manda calamità per uccidere i peccatori?
Alcuni pensano erroneamente che Dio mandi sempre calamità per punire i peccatori. Questo non è vero. Gesù ha commentato atti di violenza e calamità naturali accadute ai suoi giorni. La Bibbia dice: “C’erano presenti in quella stagione alcuni che gli dissero dei Galilei il cui sangue Pilato si era mescolato con i loro sacrifici. E Gesù, rispondendo, disse loro:” Supponiamo che questi Galilei fossero peccatori sopra tutti gli altri Galilei, perché loro ha sofferto cose del genere? Ti dico, no; ma a meno che non vi pentiate, perirete tutti allo stesso modo. O quei diciotto su cui è caduta la torre di Siloam e li hanno uccisi, pensate che fossero peccatori sopra tutti gli altri uomini che dimoravano a Gerusalemme? Ti dico, no; ma a meno che non vi pentiate, perirete tutti allo stesso modo “(Luca 13: 1-5).

Queste cose sono successe perché in un mondo di peccati ci sono calamità e atrocità che avvengono che non accaderebbero in un mondo perfetto. Ciò non significa che chiunque muoia in tali calamità sia un peccatore, né significa che Dio provoca la calamità. Spesso sono gli innocenti a soffrire le conseguenze della vita in questo mondo di peccato.

Ma Dio non ha distrutto città malvagie come Sodoma e Gomorra?
Sì. In passato, Dio ha giudicato i malvagi come ha fatto nel caso di Sodoma e Gomorra. La Bibbia dice: “Anche come Sodoma e Gomorra, e le città che li circondano in modo simile a questi, dopo essersi abbandonati all’immoralità sessuale e aver cercato una carne strana, sono riportati come esempio, soffrendo la vendetta del fuoco eterno” (Giuda 7, NKJV). La distruzione di queste città malvagie fu un esempio dei giudizi che arriveranno su tutto il mondo alla fine dei tempi a causa del peccato. Nella sua misericordia, Dio permise che il suo giudizio cadesse su Sodoma e Gomorra in modo che molti altri potessero essere avvertiti. Ciò non significa necessariamente che quando un terremoto, un tornado o uno tsunami colpiscono il fatto che Dio sta riversando la sua ira in giudizio su città come New York, New Orleans o Port-au-Prince.

Alcuni hanno suggerito che le catastrofi naturali sono forse l’inizio dei giudizi finali di Dio sui malvagi. Non si dovrebbe escludere la possibilità che i peccatori stiano ricevendo le conseguenze della loro ribellione contro Dio, ma non possiamo correlare particolari disastri con la punizione divina contro peccatori o peccati specifici. Questi eventi orribili potrebbero essere semplicemente il risultato della vita in un mondo che è caduto così lontano dall’ideale di Dio. Anche se questi disastri potessero essere considerati avvertimenti iniziali del giudizio finale di Dio, nessuno dovrebbe concludere che tutti coloro che muoiono in essi sono eternamente persi. Gesù disse che nel giudizio finale sarebbe stato più tollerabile per alcuni di quelli distrutti a Sodoma, che per quelli che rifiutano il Suo invito alla salvezza in città che non sono state distrutte (vedere Luca 10: 12-15).

Qual è l’ira di Dio che verrà riversata negli ultimi giorni?
La Bibbia spiega l’ira di Dio come consentire agli esseri umani di scegliere di separarsi da Dio se lo desiderano. Quando la Bibbia parla dell’ira di Dio, ciò non significa che Dio sia vendicativo o ritorsivo. Dio è amore e vuole che tutti siano salvati. Ma permette a uomini e donne di andare per la propria strada se insistono nel farlo. La Bibbia dice che la distruzione arriva ai malvagi, perché “Il mio popolo ha commesso due mali: mi hanno abbandonato, la fonte delle acque vive e si sono scavati cisterne – cisterne rotte che non possono contenere acqua” (Geremia 2:13, NKJV ).

Questo ci dice che l’ira di Dio è l’inevitabile conseguenza che arriva a coloro che scelgono di separarsi da Lui. Dio non vuole rinunciare alla distruzione di nessuno dei suoi figli. Dice: “Come posso lasciarti, Efraim? Come posso consegnarti, Israele? Come posso farti amare Admah? Come posso impostarti come Zeboiim? Il mio cuore batte dentro di me; la mia simpatia è commossa ”(Osea 11: 8, NKJV). Il Signore desidera ardentemente con tutto il suo cuore vedere tutti eternamente salvati. “’Mentre vivo’, dice il Signore Dio, non ho alcun piacere nella morte dei malvagi, ma che i malvagi si allontanino dalla sua strada e vivano. Voltati, voltati dai tuoi modi malvagi! Perché mai dovresti morire, casa d’Israele? ”(Ezechiele 33:11, NKJV).

Dio è in vacanza? Perché sembra che stia vicino e lasci che tutto questo accada?
Dov’è Dio quando tutto ciò accade? Le brave persone non pregano per la sicurezza? La Bibbia dice: “Sono un Dio a portata di mano, dice l’Eterno, e non un Dio lontano?” (Geremia 23:23). Il Figlio di Dio non è rimasto in disparte dalla sofferenza. Soffre di innocenti. Era il classico esempio della sofferenza degli innocenti. È un dato di fatto, sin dall’inizio, ha fatto solo del bene. Ha accettato le conseguenze della nostra ribellione contro se stesso. Non è rimasto lontano. È venuto in questo mondo e ha sofferto per la nostra sofferenza. Dio stesso ha sperimentato il dolore più orribile che si possa immaginare sulla croce. Ha sopportato il dolore dell’ostilità di una razza umana peccaminosa. Ha preso su di sé le conseguenze dei nostri peccati.

Quando si verificano disastri, il vero punto è che potrebbero accadere a chiunque di noi in qualsiasi momento. È solo perché Dio è amore che un battito del cuore ne segue un altro. Dà vita e amore a tutti. Ogni giorno miliardi di persone si svegliano all’aria aperta, al sole caldo, al cibo delizioso e alle case confortevoli, perché Dio è amore e mostra le sue benedizioni sulla terra. Non abbiamo pretese individuali sulla vita, tuttavia, come se avessimo creato noi stessi. Dobbiamo riconoscere che viviamo in un mondo che è soggetto alla morte da una varietà di fonti. Dobbiamo ricordare, come disse Gesù, che se non ci pentiamo, periremo tutti allo stesso modo. Le calamità servono a ricordarci che, a parte la salvezza che Gesù offre, non c’è speranza per la razza umana. Possiamo aspettarci sempre più distruzione man mano che ci avviciniamo al momento del suo ritorno sulla terra. “Ora è giunto il momento di svegliarsi dal sonno; per ora la nostra salvezza è più vicina di quando credevamo per la prima volta ”(Romani 13:11, NKJV).

Nessun altra sofferenza
Le calamità e le catastrofi che avvolgono il nostro mondo servono a ricordare che questo mondo di peccato, dolore, odio, paura e tragedia non durerà per sempre. Gesù ha promesso che tornerà sulla Terra per salvarci dal nostro mondo che sta andando in pezzi. Dio ha promesso di rendere tutto nuovo di nuovo e che il peccato non risorgerà mai più (vedere Naum 1: 9). Dio vivrà con il suo popolo e ci sarà la fine della morte, del pianto e del dolore. “E udii una voce forte dal trono che diceva: ‘Ora l’abitazione di Dio è con gli uomini e vivrà con loro. Saranno il suo popolo e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio. Si asciugherà ogni lacrima dai loro occhi. Non ci sarà più morte, lutto, pianto o dolore, poiché il vecchio ordine delle cose è morto ”(Apocalisse 21: 3, 4, NIV).

Articoli correlati