Bibbia: perché i miti erediteranno la terra?

“Beati i miti, perché erediteranno la terra” (Matteo 5: 5).

Gesù pronunciò questo versetto familiare su una collina vicino alla città di Cafarnao. È una delle Beatitudini, un gruppo di istruzioni che il Signore ha dato al popolo. In un certo senso, fanno eco ai Dieci Comandamenti che Dio diede a Mosè, in quanto forniscono indicazioni per una vita retta. Questi si concentrano sulle caratteristiche che i credenti devono possedere.

Devo confessare che guardavo questo verso come se fosse un elemento in una lista di cose da fare spirituale, ma questa è una visione troppo superficiale. Ero anche un po ‘perplesso da questo: mi chiedevo cosa significasse essere mansueto e come questo avrebbe portato alla benedizione. Ti sei chiesto anche questo?

Quando ho esplorato di più questo verso, Dio mi ha mostrato che ha un significato molto più profondo di quanto pensassi. Le parole di Gesù sfidano il mio desiderio di gratificazione immediata e mi offrono benedizioni mentre lascio che Dio abbia il controllo della mia vita.

“Guida gli umili in ciò che è giusto e insegna loro la sua via” (Salmo 76: 9).

Cosa significa “i miti erediteranno la terra”?
Dividere questo versetto in due sezioni mi ha aiutato a capire quanto fosse importante la scelta delle parole di Gesù.

“Beati i miti …”
Nella cultura moderna, il termine “mite” potrebbe evocare l’immagine di una persona mite, passiva e persino timida. Ma mentre cercavo una definizione più completa, ho scoperto che bel tratto è in realtà.

Gli antichi greci, vale a dire Aristotele – “il carattere di chi ha la passione del risentimento sotto controllo, e quindi è tranquillo e sereno”.
Dictionary.com – “umilmente paziente sotto la provocazione di altri, compiacente, gentile, gentile”
Dizionario Merriam-Webster – “sopportare le ferite con pazienza e senza risentimento”.
I dizionari biblici aumentano l’idea della mansuetudine portando un senso di calma all’anima. Il King James Bible Dictionary dice “mite di temperamento, non facilmente provocato o irritato, sottomesso alla volontà divina, non orgoglioso o autosufficiente”.

La voce del dizionario evangelico di Baker si basa sulla nozione di mansuetudine connessa con avere una visione più ampia: “Descrive persone forti che si trovano in posizioni di debolezza che continuano ad andare avanti senza sprofondare nell’amarezza o nel desiderio di vendetta”.

La mansuetudine, quindi, non deriva dalla paura, ma da un solido fondamento di fiducia e fede in Dio. Riflette una persona che tiene gli occhi fissi su di Lui, che è in grado di resistere con grazia a trattamenti ingiusti e ingiustizie.

“Cercate il Signore, voi tutti umili del paese, voi che fate ciò che egli comanda. Cercate la giustizia, cercate l’umiltà …” ( Zef. 2: 3 ).

La seconda metà di Matteo 5: 5 si riferisce al risultato di vivere con vera mitezza di spirito.

“… perché erediteranno la Terra.”
Questa frase mi ha confuso finché non ho capito di più di quella visione più lunga che Dio vuole che abbiamo. In altre parole, viviamo idealmente qui sulla Terra pur essendo consapevoli della vita che deve ancora venire. Nella nostra umanità, questo può essere un difficile equilibrio da raggiungere.

L’eredità che Gesù significa è pace , gioia e contentezza nella nostra vita quotidiana, ovunque ci troviamo, e speranza per il nostro futuro. Ancora una volta, questa non è un’idea popolare in un mondo che attribuisce importanza all’acquisizione di fama, ricchezza e risultati il ​​prima possibile. Evidenzia le cose che contano per Dio rispetto a quelle degli uomini, e Gesù voleva che le persone vedessero la chiara differenza tra i due.

Gesù sapeva che la maggior parte delle persone nel suo tempo si guadagnava da vivere come agricoltori, pescatori o commercianti. Non erano ricchi o potenti, ma avevano a che fare con quelli che lo erano. Essere oppressi sia dal dominio romano che dai capi religiosi portò a momenti frustranti e persino paurosi. Gesù voleva ricordare loro che Dio era ancora presente nella loro vita e furono chiamati a vivere secondo le Sue norme.

Questo passaggio nel suo insieme accenna anche alla persecuzione che prima Gesù e poi i suoi seguaci avrebbero dovuto affrontare. Presto avrebbe condiviso con gli Apostoli come sarebbe stato messo a morte e risorto. La maggior parte di loro, a sua volta, in seguito avrebbe subito lo stesso trattamento. Sarebbe di vitale importanza che i discepoli vedessero le circostanze di Gesù e le loro con occhi della fede .

Quali sono le beatitudini?
Le Beatitudini fanno parte di un insegnamento molto più ampio che Gesù diede vicino a Cafarnao. Lui ei dodici discepoli avevano viaggiato attraverso la Galilea, con Gesù che insegnava e guariva durante il viaggio. Presto cominciarono ad arrivare folle da tutta la regione per vederlo. Alla fine, Gesù salì su una collina per parlare all’enorme raduno. Le Beatitudini sono l’apertura a questo messaggio, popolarmente noto come Il discorso della montagna .

Attraverso questi punti, riportati in Matteo 5: 3-11 e Luca 6: 20-22 , Gesù ha esposto le caratteristiche che i veri credenti devono avere. Possono essere visti come un “codice etico cristiano” che mostra chiaramente quanto siano diverse le vie di Dio rispetto a quelle del mondo. Gesù intendeva che le Beatitudini servissero come bussola morale per guidare le persone quando affrontano tentazioni e problemi in questa vita.

Ciascuno inizia con “Beati” e presenta un tratto specifico. Quindi, Gesù afferma quale sarà la ricompensa finale per coloro che vi sono fedeli, subito o in un momento futuro. Da lì continua a insegnare altri principi per una vita divina.

Nel capitolo 5 del Vangelo di Matteo, il versetto 5 è la terza beatitudine di otto. Prima di allora, Gesù ha introdotto i tratti dell’essere poveri in spirito e del lutto. Tutte queste prime tre qualità parlano del valore dell’umiltà e riconoscono la supremazia di Dio.

Gesù continua, parlando di fame e sete di giustizia, di essere misericordioso e puro di cuore, di cercare di fare la pace e di essere perseguitato.

Tutti i credenti sono chiamati a essere miti
La Parola di Dio sottolinea la mansuetudine come uno dei tratti più essenziali che un credente possa avere. In effetti, questa resistenza silenziosa ma potente è un modo in cui ci distinguiamo da quelli del mondo. Secondo la Scrittura, chiunque desideri piacere a Dio:

Considera il valore della mansuetudine, abbracciandola come parte di una vita divina.
Desiderio di crescere nella mitezza, sapendo che non possiamo farlo senza Dio.
Prega per avere l’opportunità di mostrare mansuetudine agli altri, sperando che li conduca a Dio.
L’Antico e il Nuovo Testamento sono pieni di lezioni e richiami su questa caratteristica. Molti dei primi eroi della fede lo vissero.

“Ora Mosè era un uomo molto umile, più umile di chiunque altro sulla faccia della terra” ( Numeri 12: 3 ).

Gesù ha insegnato ripetutamente sull’umiltà e sull’amare i nostri nemici. Questi due elementi mostrano che essere mansueti non è passivo, ma fare una scelta attiva motivata dall’amore di Dio.

“Hai sentito che è stato detto:” Ama il tuo prossimo e odia il tuo nemico “. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per coloro che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli “( Matteo 5: 43-44 ).

In questo passo di Matteo 11 , Gesù ha parlato di Se stesso in questo modo, quindi ha invitato altri a unirsi a Lui.

“Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, poiché sono mite e umile di cuore, e troverete riposo per le vostre anime” ( Matteo 11:29 ).

Gesù ci ha mostrato l’ultimo esempio di mansuetudine durante la sua prova e crocifissione. Tollerava volentieri gli abusi e poi la morte perché sapeva che il risultato sarebbe stato la salvezza per noi. Isaia ha condiviso una profezia di questo evento che recita: “era oppresso e afflitto, ma non aprì la bocca; fu condotto come un agnello al macello, e come una pecora davanti ai suoi tosatori tace, non aprì la sua bocca … “( Isaia 53: 7 ).

In seguito, l’apostolo Paolo incoraggiò i nuovi membri della chiesa a rispondere alla mitezza di Gesù “mettendosela addosso” e lasciando che fosse lui a governare il loro comportamento.

“Pertanto, come popolo eletto di Dio, santo e amato, rivestitevi di compassione, gentilezza, umiltà, dolcezza e pazienza” ( Colossesi 3:12 ).

Mentre pensiamo di più alla mansuetudine, tuttavia, dobbiamo tenere presente che non dobbiamo rimanere in silenzio tutto il tempo. Dio si prende sempre cura di noi, ma può chiamarci per parlare e difenderlo agli altri, forse anche ad alta voce. Gesù ci fornisce un modello anche per questo. Conosceva le passioni del cuore di Suo Padre e lasciò che quelle Lo guidassero durante il Suo ministero. Per esempio:

“Quando ebbe detto questo, Gesù gridò ad alta voce: ‘Lazzaro, vieni fuori!'” ( Giovanni 11:43 ).

“Così fece una frusta con le corde e scacciò tutti i cortili del tempio, sia pecore che bovini; sparse le monete dei cambiavalute e rovesciò i loro tavoli. A coloro che vendevano colombe disse: ‘Portateli via di qui ! Smettila di trasformare la casa del Padre mio in un mercato! ‘”( Giovanni 2: 15-16 ).

Cosa significa questo verso per i credenti oggi?
La mansuetudine può sembrare un’idea obsoleta. Ma se Dio ci chiama a questo, ci mostrerà come si applica alla nostra vita. Potremmo non affrontare una persecuzione aperta, ma certamente possiamo trovarci coinvolti in circostanze ingiuste. La domanda è come gestiamo quei momenti.

Ad esempio, come pensi che risponderesti se qualcuno parlasse di te alle tue spalle, o se la tua fede fosse presa in giro, o un’altra persona si approfittasse di te? Possiamo provare a difenderci, oppure possiamo chiedere a Dio di fornirci una tranquilla dignità per andare avanti. Un modo porta a un sollievo momentaneo, mentre l’altro porta alla crescita spirituale e può anche essere un testimone per gli altri.

Se devo essere sincero, la mansuetudine non è sempre la mia prima risposta, perché va contro la mia tendenza umana a ottenere giustizia ea difendermi. Il mio cuore ha bisogno di cambiare, ma non succederà senza il tocco di Dio. Con una preghiera, posso invitarlo nel processo. Il Signore rafforzerà ognuno di noi, rivelando modi pratici e potenti per abbandonare il tratto ogni giorno.

La mentalità della mitezza è una disciplina che ci rafforzerà per affrontare qualsiasi tipo di difficoltà o cattivo trattamento. Avere questo tipo di spirito è uno degli obiettivi più difficili ma più gratificanti che possiamo fissare. Ora che vedo cosa significa essere mansueti e dove mi porterà, sono più determinato a fare il viaggio.

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Come chiedere perdono a Dio

Come chiedere perdono a Dio

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

È un peccato interrogare Dio?

È un peccato interrogare Dio?

Cosa dovrebbero sapere i cristiani sull'anno del Giubileo

Cosa dovrebbero sapere i cristiani sull'anno del Giubileo