Buddismo: quello che devi sapere sui monaci buddisti

Il monaco buddista sereno vestito di arancione è diventato una figura iconica in Occidente. Recenti notizie su violenti monaci buddisti in Birmania rivelano che non sono sempre sereni. E non tutti indossano abiti arancioni. Alcuni di loro non sono nemmeno vegetariani celibi che vivono nei monasteri.

Un monaco buddista è un bhiksu (sanscrito) o bhikkhu (pali), credo che la parola pali sia usata più frequentemente. È pronunciato (approssimativamente) bi-KOO. Bhikkhu significa qualcosa come “mendicante”.

Sebbene il Buddha storico avesse discepoli laici, il primo buddismo era principalmente monastico. Dalle basi del buddismo il sangha monastico è stato il contenitore principale che ha mantenuto l’integrità del dharma e l’ha trasmesso alle nuove generazioni. Per secoli i monaci furono insegnanti, studiosi e clero.

A differenza della maggior parte dei monaci cristiani, nel buddismo il bhikkhu o bhikkhuni (suora) completamente ordinato è anche l’equivalente di un sacerdote. Vedi ” Monachesimo buddista contro cristiano ” per ulteriori confronti tra monaci cristiani e buddisti.

L’istituzione della tradizione del lignaggio
L’ordine originale di bhikkhus e bhikkhunis fu stabilito dallo storico Buddha. Secondo la tradizione buddista, all’inizio non ci fu una cerimonia di ordinazione formale. Ma con l’aumentare del numero di discepoli, il Buddha adottò procedure più rigorose, in particolare quando le persone venivano ordinate da discepoli anziani in assenza del Buddha.

Una delle clausole più importanti attribuite al Buddha era che i bhikkhus pienamente ordinati dovevano essere presenti all’ordinazione dei bhikkhus e i bhikkhus e i bhikkhunis completamente ordinati all’ordinazione dei bhikkhunis. Se eseguito, ciò creerebbe una stirpe ininterrotta di ordinazioni che risalgono al Buddha.

Questa stipulazione ha creato una tradizione di un lignaggio che è rispettato – o no – fino ad oggi. Non tutti gli ordini di clero nel buddismo affermano di essere rimasti nella tradizione del lignaggio, ma altri lo fanno.

Si pensa che gran parte del buddismo Theravada abbia mantenuto una discendenza ininterrotta per i bhikkhu ma non per i bhikkhunis, quindi in gran parte del sud-est asiatico alle donne viene negata la piena ordinazione perché non ci sono più bhikkhunis completamente ordinati per partecipare alle ordinazioni. C’è un problema simile nel buddismo tibetano perché sembra che i lignaggi bhikkhuni non siano mai stati trasmessi in Tibet.

Il Vinaya
Le regole per gli ordini monastici attribuiti al Buddha sono conservate nel Vinaya o Vinaya-pitaka, uno dei tre “canestri” dei Tipitaka . Come spesso accade, tuttavia, esiste più di una versione di Vinaya.

I buddisti Theravada seguono i Pali Vinaya. Alcune scuole Mahayana seguono altre versioni che sono state conservate in altre prime sette del buddismo. E alcune scuole, per un motivo o per l’altro, non seguono più alcuna versione completa del Vinaya.

Ad esempio, il Vinaya (tutte le versioni, credo) prevede che i monaci e le monache siano completamente celibi. Ma nel 19 ° secolo, l’imperatore del Giappone revocò il celibato nel suo impero e ordinò ai monaci di sposarsi. Oggi ci si aspetta spesso da un monaco giapponese di sposare e generare piccoli monaci.

Due livelli di ordinazione
Dopo la morte del Buddha, il sangha monastico adottò due cerimonie di ordinazione separate. La prima è una specie di ordinazione per principianti che viene spesso definita “uscita di casa” o “uscita”. Di solito, un bambino deve avere almeno 8 anni per diventare un novizio,

Quando il novizio raggiunge i 20 anni circa, può richiedere l’ordinazione completa. Di solito, i requisiti di discendenza spiegati sopra si applicano solo alle ordinazioni complete, non alle ordinazioni per principianti. La maggior parte degli ordini monastici del buddismo ha mantenuto una qualche forma di sistema di ordinazione a due livelli.

Nessuna delle ordinazioni è necessariamente un impegno che dura tutta la vita. Se qualcuno desidera tornare alla vita laicale, può farlo. Ad esempio, il 6 ° Dalai Lama ha scelto di rinunciare alla sua ordinazione e di vivere come profano, eppure era ancora il Dalai Lama.

Nei paesi Theravadin del sud-est asiatico, esiste una vecchia tradizione di adolescenti che prendono l’ordinazione per principianti e vivono come monaci per un breve periodo, a volte solo per pochi giorni, e poi tornano alla vita laicale.

Vita e lavoro monastici
Gli ordini monastici originali imploravano i loro pasti e trascorrevano gran parte del loro tempo in meditazione e studio. Il buddismo Theravada continua questa tradizione. I bhikkhus dipendono dalle elemosine per vivere. In molti paesi Theravada, le suore alle prime armi che non hanno alcuna speranza di ordinazione piena dovrebbero essere governanti per i monaci.

Quando il buddismo raggiunse la Cina , i monaci si ritrovarono in una cultura che non approvava l’accattonaggio. Per questo motivo, i monasteri Mahayana sono diventati il ​​più autosufficienti possibile e le faccende domestiche – cucinare, pulire, fare il giardinaggio – sono diventate parte dell’addestramento monastico e non solo per i novizi.

Nei tempi moderni, non è inaudito che i bhikkhus e i bhikkhunis ordinati vivano al di fuori di un monastero e mantengano un lavoro. In Giappone e in alcuni ordini tibetani, potrebbero persino vivere con un coniuge e dei figli.

A proposito degli abiti
Gli abiti monastici buddisti sono disponibili in molti colori, dall’arancione ardente, marrone rossiccio e giallo, al nero. Vengono anche in molti stili. Il numero arancione delle spalle dell’iconico monaco si vede generalmente solo nel sud-est asiatico.

La Madonnina del Duomo di Milano: storia e bellezza

La Madonnina del Duomo di Milano: storia e bellezza

San Giuseppe Moscati uomo di fede e medico dei poveri

San Giuseppe Moscati uomo di fede e medico dei poveri

Cristiani protestanti: Credenze e pratiche luterane

Cristiani protestanti: Credenze e pratiche luterane

Giudaismo: il ruolo di Gesù per gli ebrei

Giudaismo: il ruolo di Gesù per gli ebrei

Mondo religione: Perché l'equanimità è una virtù buddista essenziale

Mondo religione: Perché l'equanimità è una virtù buddista essenziale

Un uomo clinicamente morto per un'ora dice di aver visto il Paradiso "ho visto i miei amici morti"

Un uomo clinicamente morto per un'ora dice di aver visto il Paradiso "ho visto i miei amici morti"

Spiritualità: i 5 principi Rieki per la pace interiore

Spiritualità: i 5 principi Rieki per la pace interiore