Cardinale Pell: Le donne “chiare” aiuteranno i “maschi sentimentali” a ripulire le finanze del Vaticano

Intervenendo durante un webinar del 14 gennaio sulla trasparenza finanziaria nella Chiesa cattolica, il cardinale Pell ha elogiato le nominate come “donne altamente competenti con un grande background professionale”.

Il cardinale George Pell ha accolto con favore l’inclusione di donne laiche nel consiglio di economia vaticano da parte di Papa Francesco, dicendo che spera che le donne “lucide” aiutino i “maschi sentimentali” a fare la cosa giusta riguardo alle finanze della Chiesa.

Nell’agosto 2020, Papa Francesco ha nominato 13 nuovi membri, tra cui sei cardinali, sei laiche e un laico, al Consiglio per l’Economia, che sovrintende alle finanze del Vaticano e al lavoro del Segretariato per l’Economia.

Parlando durante un webinar del 14 gennaio sulla trasparenza finanziaria nella Chiesa cattolica, il cardinale Pell ha elogiato le nominate come “donne altamente competenti con un grande background professionale”.

“Quindi spero che saranno molto chiari sulle questioni di base e insistono sul fatto che noi maschi sentimentali mettiamo insieme il nostro atto e facciamo la cosa giusta”, ha detto.

“Finanziariamente non sono sicuro che il Vaticano possa continuare a perdere soldi come stiamo perdendo soldi”, ha continuato il cardinale australiano. Pell, che è stato prefetto della Segreteria per l’Economia dal 2014 al 2019, ha sottolineato che “oltre a questo, ci sono pressioni molto reali … dal fondo pensione”.

“La grazia non ci esenterà da queste cose”, ha affermato il cardinale.

Il cardinale Pell, che è stato assolto quest’anno dopo essere diventato il religioso cattolico di più alto rango ad essere stato condannato per abusi sessuali, è stato il relatore ospite di un webinar dal titolo “Creare una cultura trasparente nella Chiesa cattolica”, ospitato dal Global Institute of Church Management (GICM).

Ha affrontato la questione di come avere trasparenza finanziaria sia in Vaticano che nelle diocesi cattoliche e nelle congregazioni religiose.

Ha descritto la trasparenza finanziaria come “far entrare la luce su queste cose”, aggiungendo: “se c’è un pasticcio, è bene saperlo”.

La mancanza di trasparenza sui passi falsi rende i laici cattolici sconcertati e preoccupati, ha avvertito. Dicono che hanno bisogno di sapere delle cose “e questo deve essere rispettato e le loro domande di base devono rispondere”.

Il cardinale ha detto di essere fortemente a favore di regolari audit esterni per diocesi e congregazioni religiose: “Penso che una qualche forma di audit sia possibile in quasi tutte le situazioni. E sia che la chiamiamo responsabilità o che la chiamiamo trasparenza, ci sono diversi livelli di interesse e di educazione tra i laici sul voler sapere del denaro “.

Il cardinale Pell ha anche ipotizzato che molti degli attuali problemi finanziari del Vaticano, in particolare il controverso acquisto di una proprietà a Londra, avrebbero potuto essere prevenuti, o “sarebbero stati riconosciuti prima”, se un audit esterno di Pricewaterhouse Cooper non fosse stato annullato nell’aprile 2016. .

Riguardo alle recenti modifiche alle finanze in Vaticano, come il trasferimento della gestione degli investimenti dalla Segreteria di Stato all’APSA, il cardinale ha osservato che quando era in Vaticano, ha detto che era meno importante chi controllava alcune sezioni del denaro , poi che era gestito bene e che il Vaticano stava vedendo un buon ritorno sugli investimenti.

Il trasferimento all’APSA deve essere fatto bene e con competenza, ha affermato, e la Segreteria dell’Economia deve avere il potere di poter fermare le cose se devono essere fermate.

“Il piano del papa di costituire un consiglio di esperti per la gestione degli investimenti, usciti da Covid, usciti dalle pressioni finanziarie che stiamo vivendo, sarà assolutamente vitale”, ha aggiunto.

Secondo il cardinale Pell, il fondo di beneficenza del papa, chiamato Peter’s Pence, “deve affrontare una sfida gigantesca”. Il fondo è destinato alle attività caritative del papa e per sostenere alcune delle spese di gestione della Curia romana.

Il fondo non avrebbe mai dovuto essere utilizzato per investimenti, ha affermato, sottolineando che ha “lottato per anni per il principio che se i donatori danno denaro per uno scopo specifico, dovrebbe essere utilizzato per quello scopo specifico”.

Mentre la riforma finanziaria continua ad essere promulgata in Vaticano, il cardinale ha sottolineato l’importanza di avere il personale giusto.

Ha detto che avere persone competenti incaricate degli affari finanziari è un primo passo essenziale verso il cambiamento della cultura in una di maggiore responsabilità e trasparenza.

“C’è una stretta connessione tra l’incompetenza e l’essere derubati”, ha commentato il cardinale Pell. “Se disponi di persone competenti che sanno cosa stanno facendo, è molto più difficile essere derubati.”

In una diocesi, un aspetto importante è avere un consiglio finanziario composto da persone esperte che “capiscono il denaro”, che si incontrano spesso, che il vescovo consulta e di cui segue il consiglio.

“Un rischio ovviamente è se il tuo consiglio delle finanze non capisce che sei una Chiesa e non un’azienda”. La prima priorità non è il profitto finanziario, ma la cura dei poveri, degli sfortunati, dei malati e l’assistenza sociale, ha detto.

Il cardinale ha elogiato il contributo dei laici, dicendo: “a tutti i livelli, dalla diocesi, all’arcidiocesi, a Roma sono rimasto colpito dal gran numero di persone competenti che sono disposte a dedicare il loro tempo alla Chiesa per niente”.

“Abbiamo bisogno di dirigenti laici lì, dirigenti della Chiesa lì, che conoscano le basi della gestione del denaro, che possano porre le domande giuste e trovare le risposte giuste”.

Ha anche incoraggiato le diocesi a non aspettare che il Vaticano sia sempre all’avanguardia nell’attuazione della riforma finanziaria, anche se dovrebbe.

“Abbiamo fatto dei progressi in Vaticano e sono d’accordo che il Vaticano dovrebbe prendere l’iniziativa – Papa Francesco lo sa e sta cercando di farlo. Ma proprio come qualsiasi organizzazione, non puoi sempre fare in modo che tutto accada velocemente come vuoi “, ha affermato.

Il cardinale Pell ha avvertito che il denaro può essere “una cosa contaminante” e affascina molti religiosi. “Ero prete da decenni quando qualcuno mi ha fatto notare i pericoli del denaro legati all’ipocrisia”, ha detto. “Non è la cosa più importante che stiamo facendo.”

“Per la Chiesa, il denaro non è di primaria importanza o di ogni importanza”.

Il cardinale Pell è stato inizialmente condannato in Australia nel 2018 per molteplici accuse di abusi sessuali. Il 7 aprile 2020, l’Alta corte australiana ha annullato la sua condanna a sei anni di carcere. L’Alta Corte ha stabilito che non avrebbe dovuto essere ritenuto colpevole delle accuse e che l’accusa non aveva provato il loro caso oltre ogni ragionevole dubbio.

Il cardinale Pell ha trascorso 13 mesi in isolamento, durante i quali non gli è stato permesso di celebrare la messa.

Il cardinale deve ancora affrontare un’indagine canonica presso la Congregazione per la Dottrina della Fede a Roma, anche se dopo che la sua condanna è stata ribaltata, diversi esperti canonici hanno affermato che era improbabile che avrebbe affrontato un processo della Chiesa.

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo