Caserta mio figlio di due anni muto dice mamma dopo che ho pregato Sant’Antonio

Caserta mio figlio di due anni muto. La Bella storia di oggi nella città di Caserta ci viene raccontata da una nonna che quando ci ha trasmesso questa notizia tramite una email di un suo nipote ventenne non esitava a singhiozzare dal pianto.

Infatti la signora di 70 anni, Maria, ha un nipote che dalla nascita aveva gravi problemi di neurologia. Visitato da più dottori specialisti non riuscivano a capire il problema del bimbo. Nel frattempo il bambino cresceva ma i suoi problemi non venivano risolti.

Il nipote di Maria, figlio di Teresa, una giovane mamma di 38 anni, non riusciva in nessun modo ad avere miglioramenti dalla sua malattia. La mamma Teresa l’unica sua consolazione la trovava nella fede, nella preghiera e nella devozione a Sant’Antonio da Padova, un Santo che aveva attirato l’attenzione di Teresa, mamma del bimbo.

Ascoltiamo il racconto di Teresa che ci è pervenuto tramite email:
“stavo andando in Chiesa con il mio piccolo come di solito faccio ogni giorno. Questa volta però per caso mi sono anticipato dalla Santa Messa di circa venti minuti e quindi ho deciso di andare nelle cappella di Sant’Antonio, il mio Santo preferito che prego ogni giorno, per fare una preghiera. Mi siedo nella cappella vicino alla statua del Santo dove c’è anche una sua reliquia.

Verona

Mentre pregavo venivo sempre più rapito dalla intensità del colloquio che stavo facendo con Sant’Antonio. Chiedevo un aiuto disperato per mio figlio. Sant’Antonio chiamato il Santo dei miracoli e quindi mi chiedevo: perchè a me no? E insistevo sempre di più. Fino a quando mio figlio muto dalla nascita per un suo problema neurologico sconosciuto di tocca, cerca di attirare l’attenzione e dice “MAMMA” mi chiama solo perchè voleva andare via scocciato che stava ad aspettarmi. E più volte il bimbo dice: mamma, mamma, ed io inizio a piangere dalla commozione.

Ora mio figlio si è sbloccata la lingua, riesce a dire qualche parola e comunicare anche se è in cura per un problema neurologico sconosciuto ai medici. Ringrazio Sant’Antonio per la grazia che mi ha concesso”.

Caserta mio figlio di due anni muto. Bella testimonianza di Teresa che ci dimostra a tutti che le preghiera di una mamma vengono sempre ascoltate.

PREGHIERA A SANT’ ANTONIO PER QUALUNQUE BISOGNO

Indegno per le colpe commesse di comparire davanti a Dio
Vengo ai tuoi piedi, amorosissimo Sant’Antonio,
per implorare la tua intercessione nella necessità in cui verso.
Siimi propizio del tuo possente patrocinio,
liberami da ogni male, specie dal peccato,
e impetrami la grazia di……………
Caro Santo, sono anch’io nel numero dei tribolati

che Dio ha commesso alle tue cure, e alla tua provvidente bontà.
Sono certo che anche io per mezzo tuo avrò quanto chiedo
e così vedrò calmati i miei dolori, confortate le mie angustie,
asciugate le mie lacrime, ritornato alla calma il mio povero cuore.
Consolatore dei tribolati
non negarmi il conforto della tua intercessione presso Dio.
Così sia!

Questo articolo scritto il 21 Aprile 2020 è stato aggiornato il 9 Maggio 2021

Poliziotto legge la Bibbia a una donna che vuole suicidarsi e la salva

Poliziotto legge la Bibbia a una donna che vuole suicidarsi e la salva

"Per la Grazia di Dio", bimbo di 7 anni salva la vita al padre e alla sorellina

"Per la Grazia di Dio", bimbo di 7 anni salva la vita al padre e alla sorellina

Madre abbraccia l'assassino del figlio e lo perdona, le sue toccanti parole

Madre abbraccia l'assassino del figlio e lo perdona, le sue toccanti parole

La mamma disse no all'aborto, Bocelli le ha dedicato una canzone (VIDEO)

La mamma disse no all'aborto, Bocelli le ha dedicato una canzone (VIDEO)

Si può tirare fuori dall'inferno un'anima con la preghiera?

Si può tirare fuori dall'inferno un'anima con la preghiera?

Cosa fare per evitare che il diavolo ci induca in tentazione

Cosa fare per evitare che il diavolo ci induca in tentazione

Cos'ha detto Padre Pio al futuro papa Giovanni Paolo II sulle stigmate

Cos'ha detto Padre Pio al futuro papa Giovanni Paolo II sulle stigmate