Chi è San Francesco d’Assisi? I segreti del Santo più famoso d’Italia

St. Francis of Assisi is depicted in a stained-glass display at St. Francis of Assisi Church in New York City. He is the patron of animals and the environment and his feast is celebrated Oct. 4. (CNS photo/Gregory A. Shemitz)

San Francesco d’Assisi ha abbandonato una vita di lusso per una vita dedicata al cristianesimo dopo aver sentito la voce di Dio, che gli ha comandato di ricostruire la chiesa cristiana e vivere in povertà. È il santo patrono degli ecologisti.

Chi era San Francesco d’Assisi?
Nato in Italia intorno al 1181, San Francesco d’Assisi era famoso per bere e festeggiare in gioventù. Dopo aver combattuto in una battaglia tra Assisi e Perugia, Francesco fu catturato e imprigionato per il riscatto. Trascorse quasi un anno in prigione – aspettando il pagamento di suo padre – e, secondo la leggenda, iniziò a ricevere visioni da Dio. Dopo il suo rilascio dalla prigione, Francesco ha sentito la voce di Cristo, che gli ha detto di riparare la Chiesa cristiana e vivere una vita di povertà. Di conseguenza, abbandonò la sua vita di lusso e divenne un devoto della fede, la sua reputazione si diffuse in tutto il mondo cristiano.

Più tardi nella vita, secondo quanto riferito, Francesco ricevette una visione che lo lasciò con le stimmate di Cristo – segni che ricordano le ferite che Gesù Cristo subì quando fu crocifisso – rendendo Francesco la prima persona a ricevere tali ferite sante. Fu canonizzato come santo il 16 luglio 1228. Durante la sua vita sviluppò anche un profondo amore per la natura e gli animali ed è conosciuto come il santo patrono dell’ambiente e degli animali; la sua vita e le sue parole hanno avuto una risonanza duratura con milioni di seguaci in tutto il mondo. Ogni ottobre, molti animali in tutto il mondo vengono benedetti nel giorno della sua festa.

Primi anni di lusso
Nato intorno al 1181 ad Assisi, ducato di Spoleto, Italia, San Francesco d’Assisi, sebbene oggi venerato, iniziò la sua vita come peccatore confermato. Suo padre era un ricco mercante di stoffe che possedeva terreni agricoli intorno ad Assisi e sua madre era una bellissima francese. Francesco non era nel bisogno durante la sua giovinezza; era viziato e si concedeva buon cibo, vino e feste sfrenate. All’età di 14 anni, aveva lasciato la scuola e divenne noto come un adolescente ribelle che spesso beveva, festeggiava e infrangeva il coprifuoco cittadino. Era anche noto per il suo fascino e la sua vanità.

In questi ambienti privilegiati, Francesco d’Assisi apprese le abilità del tiro con l’arco, del wrestling e dell’equitazione. Ci si aspettava che seguisse suo padre nell’azienda tessile di famiglia, ma era annoiato dalla prospettiva di vivere nel commercio di tessuti. Invece di pianificare un futuro da mercante, iniziò a sognare ad occhi aperti un futuro da cavaliere; i cavalieri erano eroi d’azione medievali, e se Francis aveva qualche ambizione, doveva essere un eroe di guerra come loro. Non passerà molto tempo prima che l’opportunità di fare la guerra si avvicini.

Nel 1202 scoppiò la guerra tra Assisi e Perugia, e Francesco prese con entusiasmo il suo posto alla cavalleria. Non sapeva allora, la sua esperienza con la guerra lo avrebbe cambiato per sempre.

Guerra e reclusione
Francesco e gli uomini di Assisi furono attaccati duramente e, di fronte a numeri superiori, presero il volo. L’intero campo di battaglia fu presto ricoperto dai corpi di uomini massacrati e mutilati, che urlavano in agonia. La maggior parte delle truppe di Assisi sopravvissute furono immediatamente messe a morte.

Non qualificato e senza esperienza di combattimento, Francis fu rapidamente catturato dai soldati nemici. Vestito come un aristocratico e con indosso una nuova e costosa armatura, era considerato degno di un riscatto decente, ei soldati decisero di risparmiargli la vita. Lui e le altre ricche truppe furono presi come prigionieri, condotti in una cella sotterranea umida. Francis avrebbe trascorso quasi un anno in condizioni così miserabili – aspettando il pagamento di suo padre – durante il quale potrebbe aver contratto una grave malattia. Inoltre durante questo periodo, avrebbe riferito in seguito, iniziò a ricevere visioni da Dio.

Dopo la guerra
Dopo un anno di trattative, il riscatto di Francesco fu accettato e fu rilasciato dal carcere nel 1203. Quando tornò ad Assisi, però, Francesco era un uomo molto diverso. Al suo ritorno, era gravemente malato sia nella mente che nel corpo, una vittima della guerra affaticata dalla battaglia.

Un giorno, come vuole la leggenda, mentre cavalcava un cavallo nelle campagne locali, Francis incontrò un lebbroso. Prima della guerra, Francesco sarebbe fuggito dal lebbroso, ma in questa occasione il suo comportamento era molto diverso. Considerando il lebbroso come un simbolo di coscienza morale – o come Gesù in incognito, secondo alcuni studiosi religiosi – lo abbracciò e lo baciò, descrivendo in seguito l’esperienza come una sensazione di dolcezza in bocca. Dopo questo incidente, Francesco ha sentito una libertà indescrivibile. Il suo precedente stile di vita aveva perso tutto il suo fascino.

Successivamente, Francis, ora poco più che ventenne, iniziò a concentrarsi su Dio. Invece di lavorare, trascorreva sempre più tempo in un remoto rifugio di montagna e in vecchie e tranquille chiese intorno ad Assisi, pregando, cercando risposte e aiutando i lebbrosi. Durante questo periodo, mentre pregava davanti a un antico crocifisso bizantino nella chiesa di San Damiano, Francesco avrebbe sentito la voce di Cristo, che gli disse di ricostruire la Chiesa cristiana e di vivere una vita di estrema povertà. Francesco obbedì e si dedicò al cristianesimo. Iniziò a predicare intorno ad Assisi e presto fu raggiunto da 12 fedeli seguaci.

Alcuni consideravano Francesco un pazzo o uno sciocco, ma altri lo consideravano uno dei più grandi esempi di come vivere l’ideale cristiano dai tempi di Gesù Cristo stesso. Sia che fosse davvero toccato da Dio, o semplicemente un uomo che interpretava male le allucinazioni causate da malattie mentali e / o cattive condizioni di salute, Francesco d’Assisi divenne rapidamente famoso in tutto il mondo cristiano.

Devozione al cristianesimo
Dopo la sua epifania nella chiesa di San Damiano, Francesco ha vissuto un altro momento decisivo della sua vita. Per raccogliere fondi per ricostruire la chiesa cristiana, ha venduto un pezzo di stoffa dal negozio di suo padre, insieme al suo cavallo. Suo padre divenne furioso dopo aver appreso delle azioni di suo figlio e successivamente trascinò Francis davanti al vescovo locale. Il vescovo disse a Francis di restituire i soldi di suo padre, cosa che la sua reazione fu straordinaria: si tolse i vestiti e, insieme a loro, restituì i soldi a suo padre, dichiarando che Dio era ora l’unico padre che riconosceva. Questo evento è accreditato come la conversione finale di Francesco e non vi è alcuna indicazione che Francis e suo padre abbiano mai parlato di nuovo in seguito.

Il vescovo diede a Francesco una rozza tunica e vestito con questi nuovi umili abiti, Francesco lasciò Assisi. Sfortunatamente per lui, le prime persone che ha incontrato per strada sono state un gruppo di pericolosi ladri, che lo hanno picchiato duramente. Nonostante le sue ferite, Francis era euforico. D’ora in poi avrebbe vissuto secondo il Vangelo.

L’abbraccio di Francesco alla povertà simile a Cristo era una nozione radicale all’epoca. La chiesa cristiana era tremendamente ricca, proprio come le persone che la diressero, cosa che riguardava Francesco e molti altri, che sentivano che gli ideali apostolici di lunga data erano stati erosi. Francesco ha intrapreso una missione per restaurare i valori originali di Gesù Cristo nella chiesa ora decadente. Con il suo incredibile carisma, ha attirato a lui migliaia di seguaci. Ascoltarono i sermoni di Francesco e si unirono al suo modo di vivere; i suoi seguaci divennero noti come frati francescani.

Spingendosi continuamente nella ricerca della perfezione spirituale, Francesco iniziò presto a predicare in un massimo di cinque villaggi al giorno, insegnando un nuovo tipo di religione cristiana emotiva e personale che le persone comuni potevano comprendere. È arrivato persino a predicare agli animali, il che ha raccolto critiche da parte di alcuni e gli è valso il soprannome di “sciocco di Dio”. Ma il messaggio di Francesco è stato diffuso in lungo e in largo e migliaia di persone sono rimaste affascinate da ciò che hanno sentito.

Secondo quanto riferito, nel 1224 Francesco ricevette una visione che lo lasciò con le stimmate di Cristo – segni che ricordavano le ferite che Gesù Cristo subì quando fu crocifisso, attraverso le sue mani e la ferita aperta della lancia nel fianco. Questo fece di Francesco la prima persona a ricevere le sante ferite delle stimmate. Sarebbero rimasti visibili per il resto della sua vita. A causa del suo precedente lavoro nel trattamento dei lebbrosi, alcuni credono che le ferite fossero in realtà sintomi di lebbra.

Perché san Francesco è il patrono degli animali?
Oggi, San Francesco d’Assisi è il santo patrono degli ecologisti, un titolo che onora il suo sconfinato amore per gli animali e la natura.

Morte ed eredità
Mentre Francesco si avvicinava alla sua morte, molti predissero che fosse un santo in divenire. Quando la sua salute iniziò a peggiorare più rapidamente, Francis tornò a casa. Furono inviati cavalieri da Assisi per proteggerlo e per assicurarsi che nessuno dei paesi vicini lo portasse via (il corpo di un santo era visto, all’epoca, come una reliquia estremamente preziosa che avrebbe portato, tra le molte cose, gloria a il paese dove si è riposato).

Francesco d’Assisi morì il 3 ottobre 1226, all’età di 44 anni, ad Assisi, in Italia. Oggi, Francis ha una risonanza duratura con milioni di seguaci in tutto il mondo. Fu canonizzato come santo solo due anni dopo la sua morte, il 16 luglio 1228, dal suo ex protettore, Papa Gregorio IX. Oggi, San Francesco d’Assisi è il santo patrono degli ecologisti, un titolo che onora il suo sconfinato amore per gli animali e la natura. Nel 2013 il cardinale Jorge Mario Bergoglio ha scelto di onorare san Francesco prendendo il suo nome, diventando Papa Francesco.

Prima Comunione, perché è importante festeggiare

Prima Comunione, perché è importante festeggiare

Perché bisogna essere caritatevoli ?

Perché bisogna essere caritatevoli ?

3 risposte sugli Angeli Custodi che devi sapere

3 risposte sugli Angeli Custodi che devi sapere

4 cose di fede da ricordare quando hai paura

4 cose di fede da ricordare quando hai paura

I miracoli di Madre Teresa, approvati da Chiesa

I miracoli di Madre Teresa, approvati da Chiesa

Natuzza Evolo e Padre Pio: il loro primo incontro

Natuzza Evolo e Padre Pio: il loro primo incontro

Padre Pio: lo scandalo del Banchiere di Dio

Padre Pio: lo scandalo del Banchiere di Dio