San Benedetto e santa Scolastica

Chi era Benedetto e Scolastica divenuti Santi?

Chi era Benedetto e Scolastica divenuti santi? Questo è il racconto Cristina una testimonianza che riguarda un legame di amicizia, ascoltiamo insieme. Ho ricevuto il dono dello Spirito Santo quando avevo nove anni. Ci sono voluti molti mesi di catechismo per prepararsi a ricevere il sacramento della Santa Cresima nella Chiesa cattolica. C’erano dozzine di domande su dottrina e fede da studiare, come: Cos’è un sacramento? Un sacramento è un segno esteriore fatto da Cristo per dare la grazia. Cos’è la grazia? La grazia è un dono di Dio. Quante persone ci sono in Dio? Ci sono tre Persone in Dio.

Testimonianza, San Benedetto e Santa Scolastica: scelta del nome

….e così via. C’erano decine di preghiere e credi da memorizzare, mesi di CCD ogni mercoledì pomeriggio e ore di interrogatorio da parte dei miei genitori di notte, ma la ricompensa per una bambina di nove anni era l’opportunità di scegliere il nome di un santo come mio secondo secondo nome. Tutto da solo. Questo è stato un grosso problema. Sembrava una cosa così grande da fare, scegliere il MIO nome. Ho scelto il nome Christine, non perché sapessi qualcosa di St. Christine, ma perché il nome era così carino per me. Jodi Marie Christine.

San Benedetto

Mia nonna era così orgogliosa della mia cresima che mi ha chiamato Christine tutto il giorno. I miei genitori mi hanno regalato un libro illustrato delle “Vite dei santi” per commemorare l’occasione e, come farebbe qualsiasi bambino di nove anni, la prima cosa che ho fatto è stata cercare il mio compleanno. Sono rimasto subito deluso. L’illustrazione sembrava così cupa: un uomo con un cappuccio, un uccello dall’aspetto spaventoso e un nome buffo che avevo associato solo a Benedict Arnold, un famoso traditore americano. Dopo aver ottenuto un nome così bello come Christine, che tipo di fortuna ho avuto per avere un ragazzo di nome Benedetto per il mio compleanno ?! 11 luglio, San Benedetto, abate, diceva. Ho letto spesso le pagine su San Benedetto, pensando che avrei dovuto avere qualche legame con quest’uomo come mio santo patrono, ma poi mi sono dimenticato di lui fino a …

Pregare

Avanti veloce di 30 anni quando ho trovato la mia strada per il Centro San Benedetto, non per il nome o perché ricordavo qualcosa che avevo letto su San Benedetto, ma perché avevo un desiderio di preghiera e silenzio . E in un ritiro silenzioso, ho incontrato una donna di nome Colleen che sarebbe diventata come una sorella per me, un Anam Cara o un’amica dell’anima. Una volta mi ha dato un biglietto che diceva: “Siamo come sorelle con madri diverse”. Ci siamo collegati a livello spirituale: abbiamo pregato insieme, letto libri spirituali e avremmo potuto parlare per ore del nostro viaggio spirituale.

E quello che ho scoperto l’anno in cui è morta approfondisce ulteriormente la nostra connessione. Il suo compleanno è il 10 febbraio e il suo santo patrono è la sorella gemella di San Benedetto, Santa Scolastica. Avevano una stretta relazione, anche se non potevano passare molto tempo insieme, ed erano entrambi impegnati con Dio.

Chi era Benedetto e Scolastica?

Ecco la storia di Santa Scolastica dai libri dei Dialoghi di San Gregorio Magno:“ Scolastica, la sorella di San Benedetto, era stata consacrata a Dio fin dai suoi primi anni. Era abituata a visitare suo fratello una volta all’anno. Sarebbe sceso per incontrarla in un posto nella proprietà del monastero, non lontano dal cancello.

Un giorno venne come al solito e il suo santo fratello andò con alcuni dei suoi discepoli; passavano l’intera giornata lodando Dio e parlando di cose sacre. Al calar della notte cenarono insieme. La loro conversazione spirituale continuò e l’ora si fece tardi. La santa suora disse al fratello: “Ti prego, non lasciarmi stasera; andiamo avanti fino al mattino a parlare dei piaceri della vita spirituale “. “Sorella”, rispose, “cosa stai dicendo? Semplicemente non posso stare fuori dalla mia cella. “

Il racconto

Quando sentì il fratello rifiutare la sua richiesta, la santa donna unì le mani sul tavolo, vi appoggiò la testa e cominciò a pregare. Mentre 0035sollevava la testa dal tavolo, ci furono lampi così brillanti, tuoni così grandi e un scroscio di pioggia così forte che né Benedict né i suoi fratelli potevano muoversi oltre la soglia del luogo in cui erano stati seduti. Con tristezza iniziò a lamentarsi: “Che Dio ti perdoni, sorella. Cos’hai fatto?” “Bene”, lei rispose, “te l’ho chiesto e tu non mi ascolti; così ho chiesto al mio Dio e lui mi ha ascoltato. Quindi ora vattene, se puoi, lasciami e torna al tuo monastero. “

Riluttante com’era a restare di sua volontà, rimase contro la sua volontà. Così avvenne che rimasero svegli tutta la notte, assorti nella loro conversazione sulla vita spirituale. Non sorprende che fosse più efficace di lui , poiché come dice John, Dio è amore, era assolutamente giusto che lei potesse fare di più, poiché amava di più.

Tre giorni dopo, Benedict era nella sua cella. Alzando gli occhi al cielo, vide l’anima di sua sorella lasciare il suo corpo sotto forma di colomba e volare verso i luoghi segreti del paradiso. Rallegrandosi per la sua grande gloria, ha ringraziato Dio onnipotente con inni e parole di lode. Quindi mandò i suoi fratelli a portare il suo corpo al monastero e a deporlo nella tomba che aveva preparato per sé. Le loro menti erano sempre state unite in Dio; i loro corpi dovevano condividere una fossa comune “. Le lezioni che ho imparato da San Benedetto e Santa Scolastica, dalla mia amicizia con Colleen e altri amici dell’anima , sono molte. Sono sicuro che ce ne saranno altri in arrivo, ma ecco alcuni di ciò che ho imparato finora:

Le amicizie

Le amicizie spirituali non finiscono mai. Né la morte né la distanza possono separarci dall’amore di un altro. Non esiste amare troppo. Le amicizie spirituali sono un dono di Dio. Ci sosteniamo a vicenda nel mettere in pratica lo scopo di Dio nella nostra vita. Le connessioni spirituali con gli amici arricchiscono la propria vita di preghiera e guidano l’altro a Dio quando uno è temporaneamente perso. Trascorrere del tempo insieme è importante, ma l’amicizia risiede nel cuore. Preghiamo per e insieme. Piangiamo l’uno con l’altro. Ridiamo insieme. Ascoltiamo, pianifichiamo, ci confortiamo e ci sfidiamo a vicenda. Ci siamo grati l’uno per l’altro e lo diciamo. “Le nostre menti sono unite in Dio”.

Ringrazio Dio per l’esempio di tutti i santi e per aver appreso di San Benedetto da bambino, per la mia esperienza oblata per saperne di più su San Benedetto e la sua Regola (e sull’Abate incappucciato e il suo uccello spaventoso). Per le vite e le storie di San Benedetto e Santa Scolastica. Ringrazio Dio per le amicizie spirituali .

.

Poliziotto legge la Bibbia a una donna che vuole suicidarsi e la salva

Poliziotto legge la Bibbia a una donna che vuole suicidarsi e la salva

"Per la Grazia di Dio", bimbo di 7 anni salva la vita al padre e alla sorellina

"Per la Grazia di Dio", bimbo di 7 anni salva la vita al padre e alla sorellina

Madre abbraccia l'assassino del figlio e lo perdona, le sue toccanti parole

Madre abbraccia l'assassino del figlio e lo perdona, le sue toccanti parole

La mamma disse no all'aborto, Bocelli le ha dedicato una canzone (VIDEO)

La mamma disse no all'aborto, Bocelli le ha dedicato una canzone (VIDEO)

Si può tirare fuori dall'inferno un'anima con la preghiera?

Si può tirare fuori dall'inferno un'anima con la preghiera?

Cosa fare per evitare che il diavolo ci induca in tentazione

Cosa fare per evitare che il diavolo ci induca in tentazione

Cos'ha detto Padre Pio al futuro papa Giovanni Paolo II sulle stigmate

Cos'ha detto Padre Pio al futuro papa Giovanni Paolo II sulle stigmate