san valentino innamorati

Chi era San Valentino? Tra storia e leggenda del Santo più invocato dagli innamorati

La storia di San Valentino – e la storia del suo santo patrono – è avvolta nel mistero. Sappiamo che febbraio è stato a lungo celebrato come un mese di romanticismo e che il giorno di San Valentino, come lo conosciamo oggi, contiene vestigia sia della tradizione cristiana che dell’antica tradizione romana. Ma chi era San Valentino, e come si è associato a questo antico rito? La Chiesa cattolica riconosce almeno tre diversi santi chiamati Valentino o Valentinus, tutti martirizzati. Una leggenda sostiene che Valentino fosse un prete che prestò servizio durante il terzo secolo a Roma. Quando l’imperatore Claudio II decise che gli uomini single erano soldati migliori di quelli con mogli e famiglie, mise fuori legge il matrimonio per i giovani. Valentino, rendendosi conto dell’ingiustizia del decreto, sfidò Claudio e continuò a celebrare matrimoni per giovani amanti in segreto. Quando le azioni di Valentino furono scoperte, Claudio ordinò che fosse messo a morte. Altri ancora insistono sul fatto che fosse San Valentino da Terni, un vescovo, il vero omonimo della festa. Anche lui fu decapitato da Claudio II fuori Roma. Altre storie suggeriscono che Valentino potrebbe essere stato ucciso per aver tentato di aiutare i cristiani a fuggire dalle dure prigioni romane, dove venivano spesso picchiati e torturati. Secondo una leggenda, un Valentino imprigionato in realtà inviò il primo “San Valentino” a salutare se stesso dopo essersi innamorato di una giovane ragazza – forse la figlia del suo carceriere – che lo aveva visitato durante la sua prigionia. Prima della sua morte, si presume le abbia scritto una lettera firmata “Dal tuo Valentino”, un’espressione che è ancora in uso oggi. Sebbene la verità dietro le leggende di San Valentino sia oscura, tutte le storie enfatizzano il suo fascino come figura comprensiva, eroica e, soprattutto, romantica. Nel Medioevo , forse grazie a questa fama, Valentino sarebbe diventato uno dei santi più popolari in Inghilterra e in Francia.

Origini di San Valentino: una festa pagana a febbraio
Mentre alcuni credono che il giorno di San Valentino venga celebrato a metà febbraio per commemorare l’anniversario della morte o della sepoltura di San Valentino, che probabilmente avvenne intorno al 270 d.C., altri affermano che la chiesa cristiana potrebbe aver deciso di collocare la festa di San Valentino nel mezzo del Febbraio nel tentativo di “cristianizzare” la celebrazione pagana di Lupercalia . Celebrato alle Idi di febbraio, o il 15 febbraio, Lupercalia era un festival della fertilità dedicato a Fauno, il dio romano dell’agricoltura, nonché ai fondatori romani Romolo e Remo. Per iniziare la festa, i membri dei Luperci, un ordine di sacerdoti romani, si riunivano in una grotta sacra dove si credeva che i bambini Romolo e Remo, i fondatori di Roma, fossero stati accuditi da una lupa o lupa. I sacerdoti avrebbero sacrificato una capra, per la fertilità, e un cane, per la purificazione. Quindi spogliavano la pelle di capra in strisce, le immergevano nel sangue sacrificale e scendevano in strada, schiaffeggiando delicatamente sia le donne che i campi coltivati ​​con la pelle di capra. Lungi dall’essere paurose, le donne romane hanno accolto con favore il tocco delle pelli perché si credeva che le rendesse più fertili nel prossimo anno. Nel corso della giornata, secondo la leggenda, tutte le giovani donne della città avrebbero posto i loro nomi in una grande urna. Gli scapoli della città avrebbero scelto ciascuno un nome e sarebbero stati accoppiati per l’anno con la donna prescelta.

I Lupercalia sopravvissero all’iniziale ascesa del cristianesimo ma furono messi fuori legge – in quanto ritenuti “non cristiani” – alla fine del V secolo, quando papa Gelasio dichiarò il 14 febbraio San Valentino. Fu solo molto più tardi, tuttavia, che il giorno fu definitivamente associato all’amore. Durante il Medioevo, si credeva comunemente in Francia e in Inghilterra che il 14 febbraio fosse l’inizio della stagione degli amori degli uccelli, il che ha aggiunto l’idea che la metà di San Valentino dovrebbe essere un giorno per il romanticismo. Il poeta inglese Geoffrey Chaucer è stato il primo a registrare il giorno di San Valentino come un giorno di celebrazione romantica nella sua poesia del 1375 “Parliament of Foules”, scrivendo: “Per questo è stato inviato il giorno di San Valentino / Whan ogni fallo viene a scegliere il suo compagno. ” I saluti di San Valentino erano popolari fin dal Medioevo, anche se la scritta San Valentino non iniziò ad apparire fino a dopo il 1400. Il più antico San Valentino conosciuto ancora esistente era una poesia scritta nel 1415 da Carlo, duca d’Orléans, a sua moglie mentre fu imprigionato nella Torre di Londra dopo la sua cattura nella battaglia di Agincourt . (Il saluto fa ora parte della collezione di manoscritti della British Library di Londra, Inghilterra.) Diversi anni dopo, si ritiene che il re Enrico V abbia assunto uno scrittore di nome John Lydgate per comporre un biglietto di San Valentino a Caterina di Valois.

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa