A preghiera per esse recitata u Sàbbatu Santu per dumandà l'aiutu putente di Ghjesù

Sò veramente u Diu di a mo vita, Signore.
U ghjornu di un gran silenziu, cum'è u sabbatu santu, vogliu abbandunà si di i ricordi. Prima di tuttu, mi ricorderaghju di u centurione rumanu, un omu di diversa mentalità, inconsapevule di a Legge è di i Profeti, un omu concret è attente, chì à a fine di u terribile dramma di Golgota esclamò: "In verità, questu omu hè u Figliolu di Diu". Questu centurione hà capitu chì Diu hè amore. Hà capitu chì Ghjesù Cristu, l'omu di un dolore indispettibile, era Diu. Solo l'amore pò fà ci un sacrificiu vivente, santu è piacevule à Diu. Mi ricorderaghju i discepuli chì si apressu à dumandà à Pilatu u corpu di Ghjesù. preda di avvolti. Diu ùn deve esse abbandunatu in e mani di volti, di quelli chì ùn l'anu micca amatu, di quelli chì ùn credenu micca in ellu, di quelli chì u cundannanu è chì u neganu. Ci hè un sepulcru in u quali deve esse posti. Hè u tabernaculu di u core di l'omu chì pò è deve accoglie u grande Martiri chì s'hè offrittu cum'è u prezzu di a nostra ransom. Mi ricurdaraghju di a Mamma. Sta donna forte, piena di grazia, a sempre Vergine, trasfissa da a lancia, cumpagnu di Cristu, u Figliolu, chì à a fine hà rializatu u restu di a so missione: abbracciò quellu Figliolu, hà abbracciatu i zitelli redimessi da quellu sangue, andò. campà in case di novi zitelli. Ùn hè necessariu copre tuttu cù a tomba, perchè a petra deve esse sguassata è l'omi deve esse risuscitatu cù u "mortu per l'amore". Serà l'amore, u forte cum'è quellu di Diu, u totale cum'è quellu di Ghjesù, l'infinitu cum'è quellu di u Spìritu Santu, l'umile cum'è quellu di Maria, a forza chì deve trasfurmà tutti per ghjunghje "cunformità" cù l'omu. Diu, a nostra sola scala ascensional, è a "cunfurmità" cù e trè Persone divine.
Ti dumandu aiutu, Mamma di a Parola Incarnata, Mamma di l'Agnellu immolatu, Mamma di u Risuscitatu.

PREGENZA PER SÀBITU SANTU

O Ghjesù, fà paità pensativu à i piedi di a croce:
Ancu aghju custruitu cù i mo peccati!
A vostra battezza, chì ùn hè micca difendutu
e lascia ellu crucifissu, hè un misteru
chì mi supera è mi move profundamente.
Signore, sì venutu in u mondu per mè,
à circà mi,
per davvi l'avvicinamentu di u Babbu.
Sì a faccia di a buntà
è misericordia:
per questu vi vulete salvà!
Ci hè bughjone in mè:
venite cù a vostra luce chjara.
Ci hè assai egoismo in me:
vene cù a vostra carità senza limiti.
Dentru di mè ci hè resentimentu è malizia:
venite cù a vostra mudezza è a vostra umiltà.
Signore, u peccatore per esse salvatu hè mè:
u figliolu prodigio chì ha da vultà, hè me!
Signore, concedimi u rigalu di lacrime
per truvà a libertà è a vita,
pace cun voi è gioia in tè. Amen.