U ghjornu di u ricordu, quella parrocchia chì hà salvatu 15 zitelli ebree

Radio Vatican - Vatican News festighjà u Ghjornu di u ricordu cù una storia video scuperta da i tempi di u terrore nazista in Roma, quandu in uttrovi di u 1943 un gruppu di zitelli ebree truvaru a scappata trà un cunventu è una parrocchia cunnessa da un passaghju sicretu.

E celebra cù l'imaghjini di Papa Francesco quellu mutu è cù u capu chjusu vaga trà i viaghji di Campu di sterminiu di Auschwitz in a 2016.

A storia svelata parla di stu gruppu di ragazze ebree chì disegnò tuttu u tempu ch'elli eranu furzati à rifuggiassi in un tunnel strettu è scuru sottu u campanile di Santa Maria ai Monti per distraevi da u rumore di stivali di i suldati nantu à i ciottoli, durante l'orribile ottobre di u 1943.

Soprattuttu disegnavanu facci : quelli di e mamme è di i babbi per ùn lassà micca u terrore o u tempu annebbianu a so memoria, quelli di i pupi persi in u volu, u visu di a regina Ester chì tene in manu una kalla, u pane di l’offerta.

A stanza induve e zitelle nascoste manghjavanu i so pranzi.

Scrivanu i so nomi è i so cognomi, Matilde, Clelia, Carla, Anna, Aida. Avianu quindici anni, u più chjucu avia 4 anni. Si sò salvati piattendu in un spaziu di sei metri di lunghezza è dui metri di larghezza à u puntu più altu di issa chjesa di u XVImu seculu in u core di l’antica Suburra, à pochi passi da u Colosseu. Ci era ore distressing chì qualchì volta si trasformanu in ghjorni. Trà mura è archi si muvianu cum'è ombre per scappà suldati è informatori.

Aiutatu da e monache "cappellone" è da u parroco tandu, Don Guido Ciuffa, scappatu roundups è morte certa in l'abissu di i campi di cuncintrazioni chì inghjustu a vita di e so famiglie. E stesse chì avianu u cori d’affidà à e Figlie di a Carità ind’è allora u Cunventu di i Neofiti. Mischiati cù studienti è novi, à u primu segnu di periculu, sò stati purtati à a parrocchia per una porta di cumunicazione.

I scritti è i disegni nantu à i muri di e zitelle.

Sta porta oghje hè un muru di cimentu in a sala di catechismu. "Specu sempre à i zitelli ciò chì hè accadutu quì è sopratuttu ciò chì ùn deve più succede", disse à Vatican News don Francescu Pesce, parroco di Santa Maria ai Monti dapoi dodici anni. Novantacinque gradini su una scala a spirale scura. E zitelle andavanu sopra è falà à a torra, sola, à u turnu, per ricuperà l’alimentu è a robba è a porta à i so cumpagni, chì aspittavanu nant’à a cupola di cimentu chì copre l’abside.

U listessu utilizatu com'è attrazione in i rari mumenti di ghjocu, quandu i canti di a messa affucanu i rumori. "Qui avemu toccu l'altezza di u dulore ma ancu l'altezza di l'amore", dice u parroco.

"Una sala sana hè stata occupata è micca solu i cristiani cattolici, ma ancu i fratelli di l'altri religioni chì si tacenu è cuntinueghjanu à u travagliu di carità. In questu vecu una anticipazione di i Fratelli tutti ". Eranu tutti salvati. Da l'adulti, à a mamma, à e moglie, à e nanne, anu cuntinuatu à visità a pieve. Unu sin'à uni pochi d'anni fà, cullà sin'à u refuggiu finu à ch'ellu li permette e so gammi. Da vechja si firmò davanti à a porta di a sacristia in ghjinochji è pienghje. Cum'è 80 anni fà.

Articuli rilativi