Come avere fede in ciò che “gli occhi non hanno visto”

“Ma come è scritto, ciò che nessun occhio ha visto, nessun orecchio ha udito e nessun cuore umano ha concepito, Dio ha preparato queste cose per coloro che lo amano”. – 1 Corinti 2: 9
Come credenti della fede cristiana, ci viene insegnato a riporre la nostra speranza in Dio per il risultato della nostra vita. Non importa quali prove e tribolazioni dobbiamo affrontare nella vita, siamo incoraggiati a mantenere la fede e ad aspettare pazientemente la liberazione di Dio. Il Salmo 13 è un ottimo esempio della liberazione di Dio dal dolore. Proprio come l’autore di questo passaggio, David, le nostre circostanze possono portarci a mettere in discussione Dio. A volte possiamo persino chiederci se è veramente dalla nostra parte. Tuttavia, quando scegliamo di aspettare il Signore, in tempo, vediamo che non solo mantiene le Sue promesse, ma usa tutte le cose per il nostro bene. In questa vita o nella prossima.

Aspettare è una sfida però, non conoscere il tempismo di Dio, né come sarà il “migliore”. Questo non sapere è ciò che mette veramente alla prova la nostra fede. Come farà Dio a risolvere le cose questa volta? Le parole di Paolo in 1 Corinzi rispondono a questa domanda senza dirci effettivamente il piano di Dio. Il passaggio chiarisce due idee chiave su Dio: nessuno può dirti la piena portata del piano di Dio per la tua vita,
e nemmeno tu conoscerai mai il piano completo di Dio. Ma quello che sappiamo è che qualcosa di buono è all’orizzonte. La frase “gli occhi non hanno visto” indica che nessuno, incluso te stesso, può vedere visibilmente i piani di Dio prima che si realizzino. Questa è un’interpretazione letterale e metaforica. Parte del motivo per cui le vie di Dio sono misteriose è perché non comunica tutti i dettagli intricati della nostra vita. Non sempre ci dice passo dopo passo come risolvere un problema. O come realizzare prontamente le nostre aspirazioni. Entrambi richiedono tempo e spesso impariamo nella vita mentre progrediamo. Dio rivela nuove informazioni solo quando vengono fornite e non in anticipo. Per quanto scomodi, sappiamo che le prove sono necessarie per edificare la nostra fede ( Romani 5: 3-5 ). Se sapessimo tutto delineato per la nostra vita, non avremmo bisogno di fidarci del piano di Dio. Tenerci all’oscuro ci porta a fare più affidamento su di Lui. Da dove viene la frase “Gli occhi non hanno visto”?
L’apostolo Paolo, lo scrittore di 1 Corinzi, dà la sua proclamazione dello Spirito Santo alle persone nella Chiesa di Corinto. Prima del nono versetto in cui usa la frase “gli occhi non hanno visto”, Paolo chiarisce che c’è una differenza tra la sapienza che gli uomini dichiarano di avere e la sapienza che viene da Dio. Paolo considera la saggezza di Dio come un “mistero”, mentre afferma che la saggezza dei governanti arriva al “nulla”.

Se l’uomo avesse sapienza, indica Paolo, Gesù non avrebbe avuto bisogno di essere crocifisso. Tuttavia, tutto ciò che l’umanità può vedere è ciò che è presente nel momento, non essendo in grado di controllare o conoscere il futuro con certezza. Quando Paolo scrive “gli occhi non hanno visto”, indica che nessun uomo può prevedere gli atti di Dio. Nessuno conosce Dio tranne lo Spirito di Dio. Possiamo prendere parte alla comprensione di Dio grazie allo Spirito Santo dentro di noi. Paolo promuove questa idea nella sua scrittura. Nessuno capisce Dio ed è in grado di dargli consigli. Se Dio potesse essere istruito dall’umanità, allora Dio non sarebbe onnipotente o onnisciente.
Camminare nel deserto senza un limite di tempo per uscirne sembra un destino sfortunato, ma tale è stato il caso degli israeliti, il popolo di Dio, per quarant’anni. Non potevano fare affidamento sui loro occhi (nelle loro capacità) per risolvere la loro calamità, e invece richiedevano una fede raffinata in Dio per salvarli. Anche se non potevano dipendere da se stessi, la Bibbia chiarisce che gli occhi sono importanti per il nostro benessere. Scientificamente parlando, usiamo i nostri occhi per elaborare le informazioni che ci circondano. I nostri occhi riflettono la luce dandoci una capacità naturale di vedere il mondo che ci circonda in tutte le sue varie forme e colori. Vediamo cose che ci piacciono e cose che ci spaventano. C’è un motivo per cui abbiamo termini come “linguaggio del corpo” usati per descrivere come elaboriamo la comunicazione di qualcuno in base a ciò che percepiamo visivamente. Nella Bibbia ci viene detto che ciò che i nostri occhi vedono influisce su tutto il nostro essere.

“L’occhio è la lampada del corpo. Se i tuoi occhi sono sani, tutto il tuo corpo sarà pieno di luce. Ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà pieno di oscurità. Quindi, se la luce dentro di te è l’oscurità, quanto è profonda quell’oscurità! ” ( Matteo 6: 22-23 ) I nostri occhi riflettono la nostra focalizzazione e in questo versetto delle Scritture vediamo che la nostra focalizzazione influisce sul nostro cuore. Le lampade sono usate per guidare. Se non siamo guidati dalla luce, che è Dio, allora camminiamo nelle tenebre separati da Dio. Possiamo accertare che gli occhi non sono necessariamente più significativi del resto del corpo, ma invece contribuiscono al nostro benessere spirituale. La tensione esiste nell’idea che nessun occhio vede il piano di Dio, ma anche i nostri occhi vedono una luce che ci guida. Questo ci porta a capire che vedere la luce, cioè vedere Dio, non equivale a comprendere appieno Dio. Invece, possiamo camminare con Dio con le informazioni che conosciamo e speriamo attraverso la fede che Egli ci guidi attraverso qualcosa di più grande.C ome fidarsi di ciò che non abbiamo visto
Prendi nota della menzione dell’amore in questo capitolo. I grandi piani di Dio sono per coloro che Lo amano. E quelli che Lo amano usano i loro occhi per seguirlo, anche se imperfettamente. Che Dio riveli o meno i suoi piani, seguirlo ci spingerà ad agire secondo la sua volontà. Quando le prove e le tribolazioni ci trovano, possiamo stare tranquilli sapendo che anche se potremmo soffrire, la tempesta volge al termine. E alla fine della tempesta c’è una sorpresa che Dio ha pianificato, e che non possiamo vedere con i nostri occhi. Tuttavia, quando lo faremo, che gioia ci sarà. Il punto finale di 1 Corinzi 2: 9 ci conduce sulla via della saggezza e guardatevi dalla saggezza mondana. Ricevere saggi consigli è una parte importante dell’essere nella comunità cristiana. Ma Paolo espresse che la saggezza dell’uomo e quella di Dio non sono la stessa cosa. A volte le persone parlano per se stesse e non per Dio. Per fortuna, lo Spirito Santo intercede a nostro favore. Ogni volta che abbiamo bisogno di saggezza, possiamo presentarci con coraggio davanti al trono di Dio, sapendo che nessuno ha visto il nostro destino, tranne Lui. E questo è più che sufficiente.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri