Come chiedere perdono a Dio

See related images:

Ho sofferto e sono stato ferito molte volte nella mia vita. Non solo le azioni degli altri mi hanno influenzato, ma nel mio peccato, ho lottato con amarezza e vergogna, risultando in una riluttanza a perdonare. Il mio cuore è stato battuto, ferito, lasciato con segni di vergogna, rimpianto, ansia e macchie di peccato. Ci sono state molte volte in cui il peccato e il dolore che ho causato a qualcun altro mi hanno lasciato vergogna, e ci sono state molte volte in cui situazioni non di mia competenza mi hanno lasciato arrabbiato e amareggiato con Dio.

Nessuna di queste emozioni o scelte da parte mia è salutare, e nessuna di esse mi conduce alla vita abbondante di cui parla Gesù in Giovanni 10:10 : “Il ladro viene solo per rubare, uccidere e distruggere. Sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza. “

Il ladro viene per rubare, uccidere e distruggere, ma Gesù offre una vita abbondante. La domanda è come? In che modo riceviamo questa vita in abbondanza e come facciamo a far uscire questa amarezza, la rabbia contro Dio e il dolore infruttuoso che è così prevalente in mezzo al dolore?

In che modo Dio ci perdona?
Il perdono di Dio è la risposta. Potresti già chiudere la scheda su questo articolo e andare avanti, credendo che il perdono sia un fardello troppo grande, troppo da sopportare, ma devo chiederti di ascoltarmi. Non scrivo questo articolo da un posto con un cuore alto e potente. Ho lottato solo ieri per perdonare qualcuno che mi ha ferito. Conosco molto bene il dolore di essere devastato e ancora bisogno di essere perdonato e perdonare. Il perdono non è solo qualcosa che dobbiamo raccogliere la forza per dare, ma è prima dato gratuitamente in modo che possiamo essere guariti.

Dio avvia il perdono dall’inizio alla fine
Quando Adamo ed Eva erano nel giardino – i primi esseri umani creati da Dio – camminavano in perfetta relazione con Lui. Non ci furono lacrime, né duro lavoro, né lotta fino alla caduta, quando rifiutarono il dominio di Dio. Immediatamente dopo la loro disobbedienza, dolore e vergogna entrarono nel mondo e il peccato venne con tutta la sua forza. Adamo ed Eva possono aver rigettato il loro creatore, ma Dio è rimasto fedele nonostante la loro disobbedienza. Uno dei primi atti di Dio registrati dopo la caduta è quello del perdono, poiché Dio ha fatto il primo sacrificio per coprire il loro peccato, senza che loro lo chiedessero mai ( Genesi 3:21). Il perdono di Dio non è mai iniziato da noi, è sempre prima iniziato da Lui. Dio ha ripagato il nostro male con la sua misericordia. Fornì grazia su grazia, perdonandoli per il primo peccato iniziale e promettendo che un giorno avrebbe messo a posto tutte le cose attraverso il sacrificio e Salvatore finale, Gesù.

Gesù perdona prima e infine
La nostra parte nel perdono è un atto di obbedienza, ma non è mai nostro compito radunarci e iniziare. Dio portò il peso del peccato di Adamo ed Eva dal giardino in poi, proprio come sopporta il peso del nostro peccato. Gesù, il Santo Figlio di Dio, fu deriso, tentato, minacciato, tradito, dubitato, frustato e lasciato morire da solo su una croce. Si è permesso di essere ridicolizzato e crocifisso, senza giustificazione. Gesù ricevette ciò che Adamo ed Eva meritavano nel giardino e ricevette la piena ira di Dio mentre si prendeva la punizione per il nostro peccato. L’atto più doloroso nella storia umana è avvenuto sull’uomo Perfetto, allontanandolo da Suo Padre per amore del nostro perdono. Come dice Giovanni 3:16 -18, questo perdono è offerto gratuitamente a tutti coloro che credono:

“Perché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unico e unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non muoia ma abbia la vita eterna. Perché Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma per salvare il mondo attraverso di lui. Chi crede in lui non è condannato, ma chi non crede è già condannato perché non ha creduto nel nome dell’unico e unico Figlio di Dio “.

Gesù offre entrambi il perdono liberamente mediante la fede nel Vangelo e, in un certo senso, mette a morte tutto ciò che deve essere perdonato ( Romani 5:12 –21, Filippesi 3: 8 –9, 2 Corinzi 5: 19–21). Gesù, sulla croce, non è semplicemente morto per il singolo peccato o il peccato passato con cui combatti, ma offre il perdono completo e alla fine quando è risorto dalla grave sconfitta, peccato, Satana e morte per sempre. La sua risurrezione fornisce sia la libertà di essere perdonati sia la vita abbondante che ne deriva.

Come riceviamo il perdono di Dio?
Non ci sono parole magiche che dobbiamo dire affinché Dio ci perdoni. Riceviamo semplicemente la misericordia di Dio in umiltà ammettendo di essere peccatori bisognosi della sua grazia. In Luca 8:13 (AMP), Gesù ci dà un’immagine di come appare la preghiera per il perdono di Dio:

“Ma il pubblicano, stando a una certa distanza, non alzava nemmeno gli occhi al cielo, ma si batteva il petto [con umiltà e pentimento], dicendo: ‘Dio, sii misericordioso e gentile con me, il peccatore [particolarmente malvagio] [che io sono]!'”

Ricevere il perdono di Dio inizia con l’ammissione del nostro peccato e la richiesta della Sua grazia. Lo facciamo in un atto di fede salvifica, poiché crediamo per la prima volta nella vita, morte e risurrezione di Gesù e come atto continuo di obbedienza nel pentimento. Giovanni 1: 9 dice:

“Se diciamo di essere senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi. Se confessiamo i nostri peccati, è fedele e giusto per perdonarci i nostri peccati e purificarci da ogni ingiustizia “.

Sebbene siamo perdonati e giustificati completamente credendo nel Vangelo sulla salvezza, il nostro peccato non ci lascia miracolosamente per sempre. Combattiamo ancora con il peccato e lo faremo fino al giorno in cui Gesù tornerà. A causa di questo periodo di tempo “quasi, ma non ancora” in cui viviamo, dobbiamo continuare a portare la nostra confessione a Gesù e pentirci di tutti i peccati. Stephen Wellum, nel suo articolo, Se tutti i miei peccati sono perdonati, perché devo continuare a pentirmi? , lo dice in questo modo:

“Siamo sempre completi in Cristo, ma siamo anche in una vera relazione con Dio. Per analogia, nei rapporti umani sappiamo qualcosa di questa verità. Come genitore, ho una relazione con i miei cinque figli. Poiché sono la mia famiglia, non verranno mai scacciati; la relazione è permanente. Tuttavia, se peccano contro di me, o io contro di loro, la nostra relazione è tesa e deve essere ripristinata. La nostra relazione di alleanza con Dio funziona in modo simile. È così che possiamo dare un senso alla nostra piena giustificazione nell’insegnamento di Cristo e delle Scritture secondo cui abbiamo bisogno di perdono continuo. Chiedendo a Dio di perdonarci, non aggiungiamo nulla all’opera perfetta di Cristo. Invece, stiamo riapplicando ciò che Cristo ha fatto per noi come nostro capo dell’alleanza e Redentore “.

Per aiutare il nostro cuore a non gonfiarsi di orgoglio e ipocrisia dobbiamo continuare a confessare i nostri peccati e chiedere perdono in modo da poter vivere in una relazione ristabilita con Dio. Il pentimento del peccato è sia per il peccato una tantum che per i modelli ripetuti di peccato nella nostra vita. Dobbiamo chiedere perdono per una bugia una tantum, proprio come chiediamo perdono per una dipendenza continua. Entrambi richiedono la nostra confessione ed entrambi richiedono lo stesso tipo di pentimento: rinunciare alla vita del peccato, voltarsi verso la croce e credere che Gesù è migliore. Combattiamo il peccato essendo onesti con le nostre lotte e combattiamo il peccato confessando a Dio e agli altri. Guardiamo alla croce ammirando tutto ciò che Gesù ha fatto per perdonarci, e lasciamo che ciò alimenti la nostra obbedienza nella fede a Lui.

Il perdono di Dio offre la vita e la vita in abbondanza
Attraverso la grazia iniziatica e salvifica di Dio riceviamo una vita ricca e trasformata. Ciò significa che “ siamo stati crocifissi con Cristo . Non sono più io che vivo, ma Cristo che vive in me. E la vita che ora vivo nella carne la vivo mediante la fede nel Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me ”( Galati 2:20 ).

Il perdono di Dio ci chiama a ” spogliarci del vostro vecchio io, che appartiene al vostro vecchio modo di vivere ed è corrotto attraverso desideri ingannevoli, e di essere rinnovati nello spirito della vostra mente, e di rivestirvi del nuovo sé, creato a somiglianza di Dio in vera giustizia e santità ”( Efesini 4: 22-24 ).

Tramite il Vangelo, ora siamo in grado di perdonare gli altri perché Gesù ci ha perdonato per primo ( Efesini 4:32 ). Essere perdonati dal Cristo risorto significa che ora abbiamo il potere di combattere la tentazione del nemico ( 2 Corinzi 5: 19-21 ). Ricevere il perdono di Dio solo per grazia, solo per fede, solo in Cristo ci offre l’amore, la gioia, la pace, la pazienza, la gentilezza, la bontà, la gentilezza, la fedeltà e l’autocontrollo di Dio ora e per l’eternità ( Giovanni 5:24 , Galati 5: 22-23). È da questo spirito rinnovato che cerchiamo continuamente di crescere nella grazia di Dio ed estendere la grazia di Dio agli altri. Dio non ci lascia mai soli per capire il perdono. Ci fornisce i mezzi per il perdono tramite Suo figlio e offre una vita trasformata che fornisce pace e comprensione mentre cerchiamo di perdonare anche gli altri.

Cosa significa "Bibbia" e come ha preso quel nome?

Cosa significa "Bibbia" e come ha preso quel nome?

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

20 potenti versetti della Bibbia per aiutarti a essere paziente

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Bibbia: qual è il rapporto tra il Padre e il Figlio?

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Perché è così importante ricordare la Pasqua a Natale

Come chiedere perdono a Dio

Come chiedere perdono a Dio

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

5 cose che impariamo dalla fede di Giuseppe a Natale

Ogni momento della nostra vita condiviso con Dio attraverso la Bibbia

Ogni momento della nostra vita condiviso con Dio attraverso la Bibbia