Come perdonare qualcuno che ti ha ferito

Il perdono non significa sempre dimenticare. Ma significa andare avanti.

Perdonare gli altri può essere difficile, specialmente quando siamo stati feriti, respinti o offesi da qualcuno di cui ci fidiamo. In una chiesa in cui ho prestato servizio in passato, ricordo un membro, Sophia, che mi raccontava della sua personale battaglia con il perdono.

Quando Sophia era giovane, suo padre abbandonò la famiglia. Hanno affrontato molte difficoltà e la sua rabbia nei suoi confronti è cresciuta. Alla fine, Sophia si è sposata e ha avuto dei figli, ma non è stata ancora in grado di risolvere i suoi problemi di abbandono e ha risentito ancora di più suo padre.

Sophia ha continuato a spiegare come si è iscritta a un programma di studio biblico di sei settimane basato su abitudini, riattacchi e ferite. Il programma ha fatto riaffiorare i suoi problemi irrisolti con suo padre. Durante una delle sessioni, il facilitatore ha notato che il perdono libera le persone dal peso creato da altri.

Ha detto al gruppo che nessuno dovrebbe essere tenuto prigioniero dal dolore che altri hanno causato. Sophia si chiese: “Come potrei liberarmi dal dolore che mio padre mi ha causato?” Suo padre non era più vivo, ma il ricordo delle sue azioni impediva a Sophia di andare avanti.

Il pensiero di perdonare suo padre sfidò Sophia. Significherebbe che aveva bisogno di accettare ciò che lui aveva fatto a lei e alla sua famiglia, e di star bene. In una delle sessioni di classe, il facilitatore ha suggerito di scrivere una lettera alla persona che li aveva feriti. Sophia decise di farlo; era tempo di lasciarlo andare.

Scrisse di tutto il dolore e la rabbia che suo padre aveva causato. Ha condiviso come il suo rifiuto e l’abbandono abbiano influenzato la sua vita. Finì scrivendo che ora era pronta a perdonarlo e andare avanti.

Dopo aver completato la lettera, la lesse ad alta voce su una sedia vuota che rappresentava suo padre. Questo è stato l’inizio del suo processo di guarigione. Durante l’ultima lezione, Sophia ha condiviso con il gruppo che scrivere la lettera è stata una delle cose migliori che abbia mai fatto. Si sentiva libera dal dolore e pronta ad andare avanti.

Quando perdoniamo gli altri, ciò non significa che dimentichiamo ciò che hanno fatto, anche se in alcuni casi le persone lo fanno. Ciò significa che non siamo più emotivamente e spiritualmente tenuti in ostaggio dalle loro azioni. La vita è troppo breve; dobbiamo imparare a perdonare. Se non con il nostro potere, possiamo con l’aiuto di Dio .

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri