Come trovare il tuo guerriero interiore

Quando affrontiamo grandi sfide, tendiamo a concentrarci sui nostri limiti, non sui nostri punti di forza. Dio non la vede così.

Come trovare il tuo guerriero interiore

Ti concentri sui tuoi punti di forza o sui tuoi limiti? La risposta è cruciale nel raggiungimento dei nostri obiettivi e nel successo alle nostre condizioni. Non dovremmo ignorare i nostri limiti poiché c’è sempre spazio per miglioramenti. Ma quando superiamo i nostri difetti e ci concentriamo sui nostri punti di forza, possiamo realizzare molto di più nella nostra vita.

C’è una storia nella Bibbia su Gideon , un uomo che si concentrava esclusivamente sulle sue debolezze anziché sull’opportunità che gli era stata concessa da Dio, e si avvicinò alla mancanza della vocazione della sua vita. Gedeone non era un re né un profeta, ma un contadino operoso che viveva in un tempo di grande angoscia e oppressione per il popolo di Dio. Un giorno, Gideon stava facendo i suoi affari come al solito quando gli apparve un angelo con un messaggio di Dio che gli chiedeva di salvare la gente dai loro nemici. L’angelo lo vide come un “potente guerriero”, ma Gideon non riusciva a vedere oltre i propri limiti.

Gideon non è stato in grado di vedere la sua capacità di condurre il suo popolo alla vittoria. Disse all’angelo che la sua famiglia era la più debole della tribù e lui il meno della sua famiglia. Ha permesso a queste etichette sociali di definire la sua capacità di adempiere alla missione conferitagli. La sua energia era focalizzata sui vincoli percepiti anziché su ciò che era in grado di fare realmente. Non si considerava un “potente guerriero”, ma un contadino sconfitto. Il modo in cui ci vediamo è molto diverso da come Dio ci vede. Gedeone andava avanti e indietro con l’angelo prima di poter accettare di essere davvero un potente guerriero.

Ti sei mai sentito non qualificato per un nuovo incarico di lavoro o posizione di leadership? Ho in molte occasioni. Dio vede la nostra grande capacità, i nostri talenti e il nostro potenziale per fare cose straordinarie. La storia di Gideon ci mostra che dobbiamo spostare la nostra attenzione dai nostri limiti, reali o percepiti, ai nostri punti di forza per avere successo.

Gideon rispose alla sua vocazione di potente guerriero con un piccolo esercito e vinse la guerra. Non dobbiamo lasciare che fallimenti passati, storia familiare negativa e lotte personali definiscano il nostro destino e il nostro successo. Come direbbe il coach John Wooden, “Non lasciare che ciò che non puoi fare interferisca con ciò che puoi fare”. Credi di avere ciò che serve e, con l’aiuto di Dio , tutto è possibile.

Articoli correlati