Conosci il potere che hai nelle tue mani se invochi il nome di Gesù?

Il nome di Gesù è luce, cibo e medicina. È luce, quando ci viene predicato; è cibo, quando ci pensiamo; è la medicina che allevia i nostri dolori quando lo invochiamo … Perché quando pronuncio questo nome, porto davanti alla mia mente l’uomo che, per eccellenza, è mite e umile di cuore, benigno, sobrio, casto, misericordioso e pieno con tutto ciò che è buono e santo, anzi, chi è il Dio onnipotente, il cui esempio mi guarisce e la cui assistenza mi rafforza. Dico tutto questo quando dico Gesù .

La devozione al nome di Gesù può essere vista anche nella liturgia. Tradizionalmente, un sacerdote (e i chierichetti) si inchineranno quando il nome di Gesù viene pronunciato durante la Messa. Ciò dimostra la grande riverenza che dovremmo avere per questo nome potente.

Perché questo nome ha un tale potere? Nel nostro mondo moderno, non pensiamo molto ai nomi. Sono funzionali, ma non molto altro. Ma nel mondo antico, si comprendeva che un nome rappresentava fondamentalmente la persona e conoscere il nome di una persona ti dava un certo livello di controllo su quella persona: la capacità di invocare quella persona. Questo è il motivo per cui, quando gli è stato chiesto da Mosè il suo nome, Dio risponde semplicemente: “Io sono quello che sono” (Esodo 3:14). A differenza degli dei pagani, l’unico vero Dio non era all’altezza degli uomini. Aveva il controllo totale.

Eppure, con l’Incarnazione, vediamo Dio umiliarsi per assumere un nome. Ora, in un certo senso, è a nostra completa disposizione. Cristo ci dice: “Se chiedi qualcosa nel mio nome , lo farò” (Giovanni 14:14, enfasi aggiunta). Dio non è diventato un “uomo” generico, ma un uomo specifico: Gesù di Nazaret. In tal modo, ha infuso il nome di Gesù con il potere divino.

Il nome di Gesù è intimamente legato alla salvezza. Peter ha detto che è l’unico nome con cui possiamo essere salvati. In effetti, il nome significa “Yahweh è salvezza”. Pertanto, ha un ruolo centrale nell’evangelizzazione. Molti di noi, tuttavia, evitano il nome di Gesù quando parlano con gli altri. Abbiamo paura che se abbandoniamo troppo quel nome, sembreremo una noce religiosa. Temiamo di essere raggruppati come una di quelle “persone”. Tuttavia dobbiamo rivendicare il nome di Gesù e usarlo quando parliamo con gli altri del cattolicesimo

L’uso del nome di Gesù ricorda ad altri un punto importante: la conversione (o il ripristino) al cattolicesimo non è semplicemente una questione di accettare una serie di dottrine. Invece si tratta fondamentalmente di dare la vita a una persona, Gesù Cristo. Papa Benedetto XVI ha scritto: “Essere cristiani non è il risultato di una scelta etica o di un’idea nobile, ma l’incontro con un evento, una persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e una direzione decisiva”. L’uso del nome di Gesù rende questo “Incontro con una persona” tangibile. Niente è più personale del nome di qualcuno.

Inoltre, quando si parla con gli evangelici, usare il nome di Gesù può avere un effetto pratico. Quando parli con quel nome parli la loro lingua. L’ho notato quando uso il nome di Gesù quando descrivo la mia fede cattolica. Potrei dire: “Gesù ha perdonato i miei peccati nella confessione”, oppure “Il momento clou della mia settimana è quando ricevo Gesù la domenica mattina alla Messa”. Questo non è quello che si aspettano da un cattolico! Rendendo chiaro che ho una relazione con Gesù, gli evangelici arrivano a vedere che il cattolicesimo non è una religione aliena che consiste principalmente di regole e uomini con cappelli divertenti. Ciò rompe le barriere per loro di conoscere meglio la fede cattolica.

Invocare il nome di Gesù ha potere – potere che non possiamo sempre vedere o comprendere appieno. Come scrisse San Paolo, “[E] molto uno che invocherà il nome del Signore sarà salvato” (Rm 10,13). Se desideriamo che i nostri cari siano salvati, abbiamo bisogno che comprendano il potere di quel nome. Alla fine, infatti, tutti i popoli riconosceranno il potere del nome di Gesù:

Perciò Dio lo ha altamente esaltato e gli ha conferito il nome che è al di sopra di ogni nome,che nel nome di Gesù ogni ginocchio dovrebbe inchinarsi, in cielo e sulla terra e sotto la terra (Fil 2: 9-10, enfasi aggiunta).

Facciamo la nostra parte per portare quel nome in ogni angolo della nostra vita, in modo che un giorno tutti i nostri cari possano riconoscere – e sperimentare – il suo potere salvifico.

Articoli correlati