Cosa c’è sotto tutte le critiche di papa Francesco?

Scismi e voci di scismi turbarono la fine dell’estate quando iniziarono i preparativi a Roma per il Sinodo dei vescovi per la regione panamazzonica, almeno tra le persone che comprendono il cosiddetto Twitter cattolico. Su quella piattaforma di tanto in tanto tormentata, i comunicati di 240 personaggi delle folle di penny Henny in tutti gli angoli dei vari blocchi culturali della chiesa hanno pesato sulle ultime notizie sullo sgretolamento interno della chiesa.

I cani da guardia autonomi dell’ortodossia ecclesiale erano preoccupati per gli scismatici che percepivano tra i seguaci della “via sinodale” della Germania o durante una cerimonia per piantare alberi che apriva il sinodo a Roma. Questa folla a sua volta divenne il bersaglio di progressisti autodescritti nella chiesa felici di sottolineare l’ipocrisia tra i compagni cattolici che durante i papati precedenti avevano poca pazienza per i critici dei “loro” papi.

Esaminando tutta la spiacevolezza, ci si può solo chiedere cosa farebbe un estraneo di questi cristiani, che, secondo i primi rapporti, sarebbero conosciuti dal loro amore reciproco.

Innanzitutto, un respiro di pulizia profonda – se non è un esercizio troppo yoga – e un gentile promemoria: non confondere la chiesa con la sua riflessione contorta sui social media. Le zone calde del combattimento ideologico in Internet non sono dove la maggior parte dei cattolici nei banchi trova un riflesso di se stessi, delle loro esperienze o delle loro preoccupazioni. Twitter cattolico, grazie al cielo, non è la Chiesa cattolica.

Ciò non significa che non ci siano questioni teologiche ed ecclesiali attuali e importanti da discutere sul futuro della chiesa. Ma vale la pena chiedersi cosa ci sia oltre – o sotto – il conflitto in superficie.

Alcune delle voci più critiche di Papa Francesco sono felici di approfondire le questioni relative al celibato sacerdotale, alla comunione per le coppie che cercano di estrarsi dai sindacati “irregolari” e alla sensibilizzazione della chiesa alle sue comunità emarginate, sia tra i villaggi indigeni lungo il Amazon o nei quartieri LGBT nelle più grandi città occidentali.

Il papa ha riconosciuto tali voci, emergenti in particolare dagli Stati Uniti, come espressioni di lite scismatica che non lo dissuaderebbero.

Dietro queste voci ci sono cattolici di preoccupazioni simpatiche e, francamente, un sacco di soldi da buttare sulle piattaforme della comunicazione contemporanea che mantengono ferme e forti le critiche a Francesco. Questi critici emergono da un nesso di potere che fin dall’inizio del suo papato ha trovato motivo di preoccuparsi di Francesco. Prima di opporsi alla sua tolleranza nei confronti dell’inculturazione indigena e dell’accesso alla comunione per i divorziati, gli individui all’interno di questa rete erano più chiaramente preoccupati per la sua cosiddetta politica.

La critica di Francesco a una cultura globale del buttare via che offre dignità umana davanti all’altare del libero mercato e la sua richiesta di porre fine al consumo eccessivo come obbligo pratico e spirituale hanno allarmato le sentinelle e i beneficiari dello status quo economico globale.

Papa Francesco ha intrapreso una riforma della curia e delle strutture di repressione all’interno della Chiesa cattolica, anche se ha richiesto una rivalutazione dell’ordine economico globale e ha sottolineato il persistente fallimento nell’adempiere ai nostri obblighi verso la creazione. Cerca uno sconvolgimento personale e sistemico che si sta dimostrando intollerabile per molti in posizioni di ricchezza e influenza.

Quindi le vivide critiche di Francis sono guidate dalla reale preoccupazione per la “confusione” tra le persone nelle panche o dalla gestione del portafoglio? Probabilmente un po ‘di entrambi. Anche i fedeli benestanti possono nutrire legittime preoccupazioni sull’ortodossia e hanno il diritto di investire, a volte pesantemente, in messaggi che vogliono trasmettere a Roma.

Ma vale la pena esplorare anche altri motivi poiché i cocktail retorici Molotov vengono lanciati attraverso le barricate dei social media. Per molti, c’è molto di più in gioco dei “mi piace” e dei retweet in questo combattimento ideologico.

Articoli correlati