Cosa significa la parola grazia nella Bibbia?

Cosa significa la parola grazia nella Bibbia? È semplicemente il fatto che a Dio piacciamo?

Molte persone della chiesa parlano della grazia e ne cantano persino delle canzoni. Sanno che è venuto attraverso Gesù Cristo (Giovanni 1:14, 17), ma pochi conoscono la sua vera definizione! È la libertà, secondo la Bibbia, di fare ciò che desideriamo?

Quando Paolo scrisse le parole “… per te non sei sotto la legge ma sotto la grazia” (Romani 6:14) usò la parola greca charis (Strong’s Concordance # G5485). Dio ci salva da questo charis . Poiché questa è la modalità della salvezza di un cristiano, è di fondamentale importanza e qualcosa che il diavolo sta facendo del suo meglio per confondere il vero significato della grazia!

Le scritture dicono che Gesù è cresciuto in charis (Luca 2:52), che è tradotto come “favore” nel KJV. Molte note marginali mostrano “grazia” come traduzione alternativa.

Se grazia significa perdono immeritato in Luca 2, in contrapposizione a favore o grazia, come potrebbe Gesù, che non ha mai peccato, crescere in perdono immeritato? La traduzione qui di “favore” è ovviamente quella corretta. È facile capire come Cristo sia cresciuto in favore di suo Padre e dell’uomo.

In Luca 4:22 il popolo rimase stupito dalle parole di grazia (favorevoli agli uomini) che uscivano dalla sua bocca. Qui la parola greca è anche charis .

In Atti 2:46 – 47 troviamo i discepoli “avere carisma con tutto il popolo”. In Atti 7:10 lo troviamo consegnato a Giuseppe agli occhi del faraone. Il KJV ha tradotto charis come “favore” qui, in contrapposizione alla grazia, come in altri luoghi (Atti 25: 3, Luca 1:30, Atti 7:46). Non è chiaro il motivo per cui ad alcuni non piace questa traduzione. Implica che non importa cosa fai una volta che hai accettato Gesù Cristo come tuo Salvatore. Tuttavia, molti credenti sanno che importa cosa fanno i cristiani! Ci viene detto che dobbiamo osservare i comandamenti (Atti 5:32).

L’uomo riceve favore per due diversi motivi. In primo luogo, Gesù è morto per noi mentre eravamo ancora peccatori (Romani 5: 8). Quasi tutta la cristianità sarebbe d’accordo sul fatto che questa è la grazia di Dio in azione (vedere Giovanni 3:16).

La cancellazione della pena di morte su di noi è la prima parte del processo di salvezza. Un cristiano è giustificato (peccati passati pagati) dalla morte di Cristo. I cristiani non possono fare nulla per i loro peccati se non accettare questo sacrificio. La domanda è perché l’uomo riceva questo fantastico favore in primo luogo.

Il nostro Padre celeste non ha favorito con salvezza gli angeli che hanno peccato e non offre loro la possibilità di diventare figli (Ebrei 1: 5, 2: 6 – 10). Dio ha favorito l’uomo perché siamo a sua immagine. La progenie di ogni essere sembra il padre in natura (Atti 17:26, 28-29, 1Gv 3: 1). Coloro che non credono che l’uomo sia a immagine del suo Creatore non possono nemmeno capire perché riceviamo carità o grazia alla giustificazione.

L’altra ragione per cui riceviamo favore è che risolve l’argomentazione tra grazia e opere. Come si cresce a favore di qualsiasi capo? Mantiene le sue direttive o i suoi comandi!

Una volta che abbiamo creduto nel sacrificio di Gesù per pagare i nostri peccati (infrangere la legge), pentirci (osservare i comandamenti) e essere battezzati, riceviamo lo Spirito Santo. Ora siamo i figli dell’Eterno per la presenza del suo spirito. Abbiamo il Suo seme in noi (vedere 1Gv 3: 1 – 2, 9). Ora siamo cresciuti in favore (grazia) nei Suoi occhi!

I veri cristiani sono sotto il grande favore o grazia di Dio e devono essere perfetti. Egli veglia su di noi come qualsiasi buon padre veglia sui suoi figli e li favorisce (1Pietro 3:12, 5:10 – 12; Matteo 5:48; 1Gv 3:10). Li favorisce persino con il castigo quando necessario (Ebrei 12: 6, Apocalisse 3:19). Pertanto osserviamo i suoi comandamenti nella Bibbia e rimaniamo a suo favore.

Articoli correlati