Cosa significa veramente pregare “Sia santificato il tuo nome”

Comprendere correttamente l’inizio della preghiera del Signore cambia il modo in cui preghiamo.

Pregare “sia santificato il tuo nome”
Quando Gesù insegnò ai Suoi primi seguaci a pregare, disse loro di pregare (nelle parole della Versione di Re Giacomo), “Santificato dal Tuo Nome”.

Che cosa?

È la prima richiesta in The Lord’s Prayer , ma cosa stiamo veramente dicendo quando preghiamo quelle parole ? È una frase tanto importante da comprendere quanto facile da fraintendere, anche perché varie traduzioni e versioni della Bibbia la esprimono diversamente:

“Sostieni la santità del tuo nome.” (Common English Bible)

“Lascia che il tuo nome sia mantenuto santo.” (Traduzione della Parola di Dio)

“Possa il tuo nome essere onorato.” (Traduzione di JB Phillips)

“Possa il tuo nome essere sempre santo.” (New Century Version)

È possibile che Gesù stesse facendo eco al Kedushat HaShem, un’antica preghiera che è stata tramandata nei secoli come la terza benedizione dell’Amidah, le benedizioni quotidiane recitate dagli ebrei osservanti. All’inizio delle loro preghiere serali, gli ebrei diranno: “Sei santo e il tuo nome è santo e i tuoi santi ti lodano ogni giorno. Beato te, Adonai, il Dio che è santo ”.

In tal caso, però, Gesù rese l’affermazione del Kedushat HaShem come una petizione. Ha cambiato “Sei santo e il tuo nome è santo” in “Possa il tuo nome essere mantenuto santo”.

Secondo l’autore Philip Keller:

Ciò che vorremmo dire nel linguaggio moderno è qualcosa del genere: “Che tu sia onorato, riverito e rispettato per quello che sei. Possa la tua reputazione, il tuo nome, la persona e il personaggio essere intatti, incontaminati, incontaminati. Non si può fare nulla per debase o diffamare il tuo record.

Quindi, nel dire “sia santificato il tuo nome”, se siamo sinceri, accettiamo di proteggere la reputazione di Dio e proteggere l’integrità e la santità di “HaShem”, il Nome. “Santificare” il nome di Dio, quindi, significa almeno tre cose:

1) Fiducia
Una volta, quando il popolo di Dio stava vagando nel deserto del Sinai dopo la loro liberazione dalla schiavitù in Egitto, si lamentarono per la mancanza di acqua. Quindi Dio disse a Mosè di parlare alla faccia di una scogliera dove si erano accampati, promettendo che l’acqua sarebbe fluita dalla roccia. Invece di parlare alla roccia, tuttavia, Mosè la colpì con il suo bastone, che aveva avuto un ruolo in numerosi miracoli in Egitto.

Dio in seguito disse a Mosè e ad Aaronne: “Perché non hai creduto in Me, per sostenermi come santo agli occhi del popolo di Israele, perciò non porterai questa assemblea nel paese che io ho dato loro” (Numeri 20 : 12, ESV). Credere in Dio – fidarsi di Lui e prenderlo in parola – “santifica” il suo nome e difende la sua reputazione.

2) Obbedire
quando Dio diede i suoi comandamenti al suo popolo, disse loro: “Quindi osserverai i miei comandamenti e li adempirai: io sono il Signore. E tu non profanerai il mio santo nome, affinché io sia santificato tra il popolo di Israele ”(Levitico 22: 31–32, ESV). In altre parole, uno stile di vita di sottomissione e obbedienza a Dio “santifica” il suo nome, non un puritanesimo legalistico, ma una ricerca accattivante e quotidiana di Dio e delle sue vie.

3) Gioia
Quando il secondo tentativo di David di restituire a Gerusalemme l’arca dell’alleanza – il simbolo della presenza di Dio con il suo popolo – ebbe successo, fu così sopraffatto dalla gioia che gettò via le sue vesti regali e ballò con abbandono nella santa processione . Sua moglie, Michal, tuttavia, rimproverò suo marito perché, ha detto, “si è esposto come uno sciocco alla vista delle donne servitrici dei suoi funzionari!” Ma David rispose: “Stavo ballando per onorare il Signore, che mi ha scelto invece di tuo padre e della sua famiglia per farmi diventare il capo del suo popolo Israele. E continuerò a ballare per onorare il Signore ”(2 Samuele 6: 20–22, GNT). La gioia – nell’adorazione, nella prova, nei dettagli della vita quotidiana – onora Dio. Quando le nostre vite trasudano “la gioia del Signore” (Neemia 8:10), il nome di Dio viene santificato.

“Sia santificato il tuo nome” è una richiesta e un atteggiamento simile a quello di una mia amica, che ogni mattina manderebbe i suoi figli a scuola con l’ammonizione, “Ricorda chi sei”, ripetendo il cognome e chiarendo che loro ci si aspettava che portassero onore, non vergogna, a quel nome. Questo è ciò che diciamo quando preghiamo: “Sia santificato il tuo nome”

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo