Devozione alle anime del Purgatorio da fare ogni giorno

Per questo pia devozione ci si può servire di una comune corona di cinque poste o decine,

percorrendola tutta due volte, per formare il centinaio di Requiem.

S’incomincia col recitare un Pater noster,

e poi una decina di Requiem sui dieci grani piccoli della corona,

infine della quale si dirà sul grano grosso la seguente giaculatoria:

Gesù mio, misericordia delle Anime del Purgatorio,

e specialmente dell’Anima di N. N. e dell’Anima più abbandonata.

Terminate le dieci decine (ossia il centinaio) di Requiem, si dice il De profundis:

Dal profondo a Te grido, Signore,
Signore ascolta la mia voce!
Siano i tuoi orecchi attenti
alla voce della mia preghiera.

Se consideri i peccati, Signore,
Signore, chi potrà sussistere ?
Ma presso di Te è il perdono,
e avremo il tuo timore.

Io spero nel Signore,
l’anima mia spera nella sua parola,
l’anima mia attende il Signore
più che le sentinelle l’aurora.

Israele attenda il Signore,
perché presso il Signore è la misericordia
e grande presso di lui la redenzione.

Il Signore redimerà Israele
da tutte le sue colpe.

Articoli correlati