Dio è al lavoro nel mondo, dice il papa alla preghiera che chiude il 2019

Dio ha mandato il suo unigenito figlio nel mondo, dove continua ad abitare nei cuori di uomini e donne, “spingendoli a credere, a sperare nonostante tutto e ad amare lavorando per il bene di tutti”, Papa Disse Francesco.

Durante un servizio di preghiera serale il 31 dicembre, Francesco ha ripensato al 2019 e ha ringraziato tutte le persone che aveva incontrato durante l’anno che vivono il Vangelo, promuovendo la solidarietà, lottando per la giustizia e prendendosi cura degli altri.

Il servizio includeva adorazione eucaristica e benedizione, così come il canto del “Te Deum”, un inno di lode e ringraziamento a Dio, per la fine dell’anno.

Per il servizio di preghiera nella vigilia della festa di Maria, Madre di Dio, una speciale statua mariana è stata portata in Vaticano da Foggia, nel sud Italia. Secondo la leggenda, Maria apparve a un nobile nell’anno 1001 e gli mostrò la statua di legno scuro, che di solito viene chiamata Maria Madre di Dio, incoronata. Nell’apparizione, Maria disse all’uomo di costruire un santuario “senza oro o ornamenti preziosi” per la statua, motivo per cui è anche conosciuta come Maria, Madre dei Poveri.

Nell’omelia, Francesco ha osservato il 2019, in particolare nella città di Roma e nella vita dei suoi cittadini più poveri. Il sindaco della città, Virginia Raggi, era seduto in prima fila.

“In verità, Dio non ha mai smesso di cambiare la storia e il volto della nostra città attraverso i piccoli e i poveri che vivono qui”, ha detto il papa. “Li sceglie, li ispira, li motiva ad agire, li fa vivere in solidarietà, li spinge ad attivare reti, a creare legami virtuosi, a costruire ponti e non a muri”.

Celebrando la festa nell’ottava di Natale, il papa ha osservato come il Vangelo descrivesse Gesù nato a Betlemme, “una piccola città”; cresciuto a Nazaret, “una città mai menzionata nelle Scritture se non quando dice:” Può venire qualcosa di buono da Nazaret? “”; e “cacciato” dalla grande città di Gerusalemme, dove morì su una croce fuori dalle sue mura .

“Dio ha lanciato la sua tenda in città”, ha detto il papa, e continua ad agire nella vita delle persone.

“Siamo quelli che hanno bisogno di chiedere a Dio la grazia di nuovi occhi capaci di uno ‘sguardo contemplativo, uno sguardo di fede che vede Dio dimorare nelle loro case, nelle loro strade e piazze” “, ha detto, citando il suo documento del 2013 , “La gioia del Vangelo”.

Nella Bibbia, ha detto, i profeti avvertono le persone di non cedere alla tentazione di pensare che Dio sia presente solo nel tempio. “Vive in mezzo alla sua gente, cammina con loro e vive la loro vita. La sua fedeltà è concreta, è la vicinanza all’esistenza quotidiana dei suoi figli e delle sue figlie.”

“In effetti, quando Dio voleva rendere tutto nuovo tramite suo figlio, non iniziò nel tempio, ma nel grembo di una donna giovane e povera”, ha detto il papa. “Questa scelta di Dio è straordinaria. Non cambia la storia attraverso i potenti uomini delle istituzioni civili e religiose, ma a cominciare da una donna della periferia dell’impero – Maria – e con sterili sterili come quello di Elisabetta.”

Mentre Roma, come qualsiasi altra città, ha i suoi problemi di “disuguaglianza, corruzione e tensioni sociali”, ha detto Francesco, è anche un luogo dove “Dio manda la sua Parola, che attraverso lo Spirito nidifica nei cuori dei suoi abitanti”, conducendo loro di credere e di fare buone opere.

Dio “ci affida la sua Parola e ci spinge a gettarci nella mischia, a essere coinvolti nell’incontro e nella relazione con gli abitanti della città”, ha detto il papa.

“Siamo chiamati a incontrare gli altri e farci sentire delle loro vite, il loro grido di aiuto”, ha detto. “L’ascolto è già un atto d’amore!”

Francesco ha esortato i cristiani a trovare il tempo per gli altri, a parlare con loro e ad usare uno “sguardo contemplativo” per riconoscere “la presenza e l’azione di Dio nella loro vita”.

“Dai testimonianza con le azioni più che con le parole della nuova vita del Vangelo”, ha detto il papa, perché l’evangelizzazione “è veramente un’opera d’amore che cambia la realtà”.

Quando le persone condividono la buona notizia in parole e azioni, ha detto, “l’aria fresca circolerà sia in città che in chiesa”.

“Non dobbiamo avere paura o sentirci inadeguati per una missione così importante”, ha detto. “Ricordiamoci questo: Dio non ci sceglie per le nostre capacità, ma proprio perché siamo e ci sentiamo piccoli”.

Articoli correlati