Dossier scientifico sui veggenti di Medjugorje: la perizia conclusiva

Il fenomeno delle apparizioni di Medjugorje in Jugoslavia, studiato in diversi periodi dell’anno 1984 su 5 veggenti, si rivela scientificamente inspiegabile. L’osservazione clinica e strumentale condotta dall’equipe francese permette di affermare che questi giovani sono normali, sani di corpo e di mente.
Gli studi clinici e paraclinici minuziosi realizzati prima, durante e dopo le estasi conducono alla conclusione che scientificamente non esiste nessuna modificazione patologica dei parametri oggettivi studiati: elettroencefalogramma, elettrooculogramma, elettrocardiogramma, potenziali uditivi.
Quindi:
– non si tratta di epilessia, lo dimostrano gli elettroencefalogrammi
– non si tratta di sonno o di sogno, perché anche questo lo dimostrano gli elettroencefalogrammi
– non si tratta di allucinazione nel senso patologico del termine.
Non è una allucinazione uditiva o visiva legata ad un’anomalia a livello dei recettori sensoriali periferici (poiché le vie uditive e visive sono normali).
Non è una allucinazione parossistica: lo dimostrano gli elettroencefalogrammi.
Non è una allucinazione di tipo onirico come possono essere osservate nelle confusioni mentali acute o nel corso dell’evoluzione delle demenze atrofiche.
– non si tratta di isteria, di nevrosi o di estasi patologica, perché i veggenti non hanno alcun sintomo di queste affezioni in tutte le loro forme cliniche.
– non si tratta di catalessi, perché durante l’estasi i muscoli della mimica non sono inibiti ma funzionano normalmente.
I movimenti di attenzione del globo oculare dei ragazzi cessano simultaneamente all’inizio dell’estasi e riprendono immediatamente alla fine. Durante il fenomeno estatico gli sguardi convergono e c’è come un faccia a faccia tra i veggenti e la persona che è oggetto delle loro visioni.
Questi giovani hanno sempre un comportamento non patologico e ogni sera alle ore 17.45 essi cadono in uno «stato di preghiera» e di comunicazione interpersonale. Essi non sono degli emarginati, sognatori, stanchi della vita, angosciati: sono liberi e felici, ben inseriti nel proprio paese e nel mondo moderno.
A Medjugorje le estasi non sono patologiche e non c’è imbroglio. Nessuna denominazione scientifica pare adatta a designare questi fenomeni.
Si potrebbero definire come uno stato di preghiera intensa, separata dal mondo esterno, uno stato di contemplazione e di comunicazione coerente e sana, con una persona distinta che essi solo vedono, odono e possono toccare.

22 febbraio festa della Divina Misericordia: la vera rivelazione di Gesù

22 febbraio festa della Divina Misericordia: la vera rivelazione di Gesù

Incrollabile devozione a Gesù Cristo: perché amarlo!

Incrollabile devozione a Gesù Cristo: perché amarlo!

Cos'è il mercoledì delle ceneri? Perché i cristiani lo celebrano

Cos'è il mercoledì delle ceneri? Perché i cristiani lo celebrano

Miracolo Eucaristico: dall'ostia i raggi di Gesù Misericordioso (foto inedita)

Miracolo Eucaristico: dall'ostia i raggi di Gesù Misericordioso (foto inedita)

Il commento alla liturgia del giorno 6 Febbraio 2021 di don Luigi Maria Epicoco

Il commento alla liturgia del giorno 6 Febbraio 2021 di don Luigi Maria Epicoco

Sacerdote distribuisce bottigliette di acqua santa per combattere il Covid

Sacerdote distribuisce bottigliette di acqua santa per combattere il Covid

La devozione che in questo periodo ti dà tante grazie

La devozione che in questo periodo ti dà tante grazie