E se la tua mente vaga nella preghiera?

Persi in pensieri tortuosi e distratti mentre preghi? Ecco un semplice suggerimento per ritrovare la concentrazione.

Incentrato sulla preghiera
Sento sempre questa domanda: “Cosa devo fare quando la mia mente vaga mentre prego?” Ho trovato un’ottima risposta in un libro scritto centinaia di anni fa.

La paternità di The Cloud of Unknowing è un mistero. Forse era un monaco, forse un prete, scrivendo in inglese – inglese medio – alla fine del XIV secolo. Dare un consiglio ad un amico più giovane sulla preghiera.

Dipendo da una traduzione di Carmen Acevedo Butcher per penetrare nel profondo della saggezza pratica di The Cloud . Come sottolinea Butcher, l’autore ha voluto rimanere anonimo per un motivo. La luce doveva essere illuminata da Dio, non da lui.

“Dio non sta chiedendo il tuo aiuto”, scrive Anonymous. “Vuole che chiudi gli occhi su di Lui e Lo lasci solo per lavorare in te. La tua parte è proteggere la porta e le finestre, tenendo fuori intrusi e mosche. “

Quegli intrusi e mosche? I nostri pensieri interrotti e sgraditi. Nella mia pratica di preghiera, quando mi siedo sul divano e chiudo gli occhi, inevitabilmente inizierò a pensare a qualcosa che devo fare al lavoro, un’e-mail da inviare, una domanda che devo porre. Intrusi e mosche davvero.

Quindi faccio qualcosa che suggerisce Anonymous, ovvero usare una sola parola per riportarmi al mio intento. “Più breve è la parola, più aiuta il lavoro dello spirito”, scrive. “ Dio o l’ amore funzionano bene. Scegli una di queste o qualsiasi altra parola che ti piace, purché sia ​​una sillaba. “

Perché solo una sillaba? Forse è così non ci facciamo prendere da qualcosa di troppo complicato, troppo bloccato nelle nostre menti. Come dice: “La mente di nessuno è abbastanza potente da capire chi è Dio. Possiamo conoscerlo solo vivendo il suo amore. “

La preghiera è un’occasione per sedersi e assaporare l’amore di Dio , per ricordare quanto sia importante. “Non possiamo pensare a Dio”, scrive l’ autore. Ma possiamo incontrare il Signore in preghiera.

“Ecco perché sono disposto ad abbandonare tutto ciò che so”, scrive, “ad amare l’unica cosa che non riesco a pensare. Può essere amato, ma non per pensiero. “

Perso in preghiera? Buon per te. Perso in pensieri tortuosi e distratti? Prova questo: concentrati su una sola breve parola potente , dillo piano a te stesso e torna alla tua preghiera.

Farai qualcosa che i credenti hanno fatto per centinaia di anni.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri