È stato perseguitato, imprigionato e torturato e ora è un prete cattolico

“È incredibile che, dopo così tanto tempo”, dice padre Raphael Nguyen, “Dio mi abbia scelto come sacerdote per servire lui e gli altri, specialmente i sofferenti”.

“Nessuno schiavo è più grande del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche te “. (Giovanni 15:20)

Padre Raphael Nguyen, 68 anni, ha servito come parroco nella diocesi di Orange, in California, dalla sua ordinazione nel 1996. Come padre Raphael, molti sacerdoti della California meridionale sono nati e cresciuti in Vietnam e sono venuti negli Stati Uniti come rifugiati in una serie di ondate dopo la caduta di Saigon ai comunisti del Vietnam del Nord nel 1975.

Padre Raphael è stato ordinato sacerdote dal vescovo di Orange Norman McFarland all’età di 44 anni, dopo una lotta lunga e spesso dolorosa. Come molti immigrati cattolici vietnamiti, ha sofferto per la sua fede per mano del governo comunista del Vietnam, che ne ha proibito l’ordinazione nel 1978. È stato felicissimo di essere ordinato sacerdote ed è stato sollevato di servire in un paese libero.

In questo momento in cui il socialismo / comunismo è visto favorevolmente da molti giovani americani, è utile ascoltare la testimonianza del padre e ricordare la sofferenza che aspetterebbe l’America se un sistema comunista venisse negli Stati Uniti

Padre Raphael è nato nel Vietnam del Nord nel 1952. Per quasi un secolo l’area era stata sotto il controllo del governo francese (allora noto come “Indocina francese”), ma fu abbandonata ai giapponesi durante la seconda guerra mondiale. I nazionalisti filocomunisti impedirono i tentativi di riaffermare l’autorità francese nella regione e nel 1954 i comunisti presero il controllo del Vietnam del Nord.

Meno del 10% della nazione è cattolico e, insieme ai ricchi, i cattolici sono stati oggetto di persecuzione. Padre Raphael ricordava, ad esempio, come queste persone fossero sepolte vive fino al collo e poi decapitate con attrezzi agricoli. Per sfuggire alla persecuzione, il giovane Raphael e la sua famiglia sono fuggiti nel sud.

Nel Vietnam del Sud godevano della libertà, anche se ha ricordato che la guerra che si è sviluppata tra Nord e Sud “ci ha sempre fatto preoccupare. Non ci siamo mai sentiti al sicuro. ” Ha ricordato di essersi svegliato alle 4 del mattino all’età di 7 anni per servire la Messa, una pratica che ha contribuito a innescare la sua vocazione. Nel 1963 è entrato nel seminario minore della diocesi di Long Xuyen e nel 1971 nel seminario maggiore di Saigon.

Mentre era in seminario, la sua vita era in costante pericolo, poiché i proiettili nemici esplodevano nelle vicinanze quasi quotidianamente. Spesso insegnava catechismo ai bambini piccoli e li faceva immergere sotto i banchi quando le esplosioni si avvicinavano troppo. Nel 1975, le forze americane si erano ritirate dal Vietnam e la resistenza meridionale era stata sconfitta. Le forze del Vietnam del Nord presero il controllo di Saigon.

“Il paese è crollato”, ha ricordato padre Raphael.

I seminaristi accelerarono i loro studi e il padre fu costretto a completare tre anni di studi di teologia e filosofia in un anno. Iniziò quello che doveva essere un tirocinio di due anni e, nel 1978, doveva essere ordinato sacerdote.

I comunisti, tuttavia, hanno posto severi controlli sulla Chiesa e non hanno permesso che padre Raphael o i suoi compagni seminaristi fossero ordinati. Ha detto: “Non avevamo libertà di religione in Vietnam!”

Nel 1981, il padre fu arrestato per aver insegnato illegalmente religione ai bambini e fu imprigionato per 13 mesi. Durante questo periodo, mio ​​padre fu mandato in un campo di lavoro forzato in una giungla vietnamita. Era costretto a lavorare per lunghe ore con poco cibo e veniva picchiato duramente se non portava a termine il lavoro che gli era stato assegnato per la giornata, o per qualsiasi infrazione minore alle regole.

“A volte lavoravo in piedi nella palude con l’acqua fino al petto, e gli alberi fitti bloccavano il sole in alto”, ricorda padre Raphael. Serpenti d’acqua velenosi, sanguisughe e cinghiali erano un pericolo costante per lui e per gli altri prigionieri.

Gli uomini dormivano sui pavimenti di baracche traballanti, gravemente sovraffollate. I tetti laceri offrivano poca protezione dalle piogge. Padre Raphael ha ricordato il trattamento brutale delle guardie carcerarie (“erano come animali”), e ha ricordato tristemente come uno dei loro brutali pestaggi ha tolto la vita a uno dei suoi amici intimi.

C’erano due sacerdoti che celebravano la messa e ascoltavano segretamente le confessioni. Padre Raphael ha aiutato a distribuire la Santa Comunione ai prigionieri cattolici nascondendo le ostie in un pacchetto di sigarette.

Padre Raphael fu rilasciato e nel 1986 decise di fuggire dalla “grande prigione” che era diventata la sua terra natia vietnamita. Con gli amici si assicurò una piccola barca e si diresse verso la Thailandia, ma con il mare agitato il motore si guastò. Per sfuggire all’annegamento, sono tornati sulla costa vietnamita, solo per essere catturati dalla polizia comunista. Padre Raphael è stato nuovamente imprigionato, questa volta in una prigione di una grande città per 14 mesi.

Questa volta le guardie hanno presentato a mio padre una nuova tortura: la scossa elettrica. L’elettricità ha inviato un dolore atroce attraverso il suo corpo e lo ha fatto svenire. Al risveglio, sarebbe rimasto in stato vegetativo per alcuni minuti, senza sapere chi o dove fosse.

Nonostante i suoi tormenti, padre Raphael descrive il tempo trascorso in prigione come “molto prezioso”.

“Ho pregato tutto il tempo e ho sviluppato una stretta relazione con Dio. Questo mi ha aiutato a decidere sulla mia vocazione “.

La sofferenza dei prigionieri ha suscitato compassione nel cuore di padre Raphael, che ha deciso un giorno di tornare in seminario.

Nel 1987, uscito di prigione, si assicurò di nuovo una barca per fuggire verso la libertà. Era lungo 33 piedi e largo 9 piedi e avrebbe trasportato lui e altre 33 persone, compresi i bambini.

Partirono con mare mosso e si diressero verso la Thailandia. Lungo la strada, hanno incontrato un nuovo pericolo: i pirati thailandesi. I pirati erano brutali opportunisti, rapinavano le barche dei profughi, a volte uccidevano gli uomini e violentavano le donne. Una volta che una barca di profughi fosse arrivata sulla costa thailandese, i suoi occupanti avrebbero ricevuto protezione dalla polizia thailandese, ma in mare erano in balia dei pirati.

Due volte padre Raphael e i suoi compagni fuggitivi incontrarono i pirati dopo il tramonto e furono in grado di spegnere le luci della barca e di superarli. Un terzo e ultimo incontro si è verificato durante il giorno in cui la barca era in vista della terraferma thailandese. Con i pirati che li piombavano addosso, padre Raphael, al timone, girò la barca e tornò in mare. Con i pirati all’inseguimento, ha guidato la barca in un cerchio di circa 100 iarde di diametro tre volte. Questa tattica respinse gli aggressori e la piccola imbarcazione si lanciò con successo verso la terraferma.

Al sicuro a terra, il suo gruppo è stato trasferito in un campo profughi thailandese a Panatnikhom, vicino a Bangkok. Ha vissuto lì per quasi due anni. I rifugiati hanno presentato domanda di asilo in diversi paesi e hanno aspettato risposte. Nel frattempo, gli occupanti avevano poco cibo, alloggi ristretti e gli era stato proibito di lasciare il campo.

“Le condizioni erano terribili”, ha osservato. “La frustrazione e la miseria sono diventate così gravi che alcune persone sono diventate disperate. Ci sono stati circa 10 suicidi durante la mia permanenza lì “.

Padre Raphael ha fatto il possibile, organizzando incontri di preghiera regolari e sollecitando cibo per i più bisognosi. Nel 1989 è stato trasferito in un campo profughi nelle Filippine, dove le condizioni sono migliorate.

Sei mesi dopo, è venuto negli Stati Uniti. Ha vissuto per la prima volta a Santa Ana, in California, e ha studiato informatica in un college comunitario. È andato da un prete vietnamita per la direzione spirituale. Ha osservato: “Ho pregato molto per conoscere la strada da percorrere”.

Fiducioso che Dio lo stesse chiamando ad essere sacerdote, ha incontrato il direttore diocesano delle vocazioni, mons. Daniel Murray. Mons. Murray ha commentato: “Sono rimasto molto colpito da lui e dalla sua perseveranza nella sua vocazione. Di fronte alle difficoltà che ha sopportato; molti altri si sarebbero arresi “.

Mons. Murray ha anche notato che altri sacerdoti e seminaristi vietnamiti della diocesi hanno subito un destino simile a quello che ha avuto padre Raphael al governo comunista del Vietnam. Uno dei pastori di Orange, per esempio, era stato un professore di seminario di padre Raphael in Vietnam.

Padre Raphael è entrato nel Seminario di San Giovanni a Camarillo nel 1991. Sebbene conoscesse un po ‘di latino, greco e francese, l’inglese era una lotta per lui da imparare. Nel 1996 è stato ordinato sacerdote. Ha ricordato: “Ero molto, molto felice”.

A mio padre piace la sua nuova casa negli Stati Uniti, anche se ci è voluto del tempo per adattarsi allo shock culturale. L’America gode di maggiore ricchezza e libertà rispetto al Vietnam, ma gli manca la cultura tradizionale vietnamita che mostra un maggiore rispetto per gli anziani e il clero. Dice che gli immigrati vietnamiti più anziani sono turbati dalla morale lassista e dal mercantilismo d’America e dai suoi effetti sui loro figli.

Pensa che la forte struttura familiare vietnamita e il rispetto per il sacerdozio e l’autorità abbiano portato a un numero sproporzionato di sacerdoti vietnamiti. E, citando il vecchio adagio “sangue di martiri, seme di cristiani”, pensa che la persecuzione comunista in Vietnam, come nella situazione della Chiesa in Polonia sotto il comunismo, abbia portato a una fede più forte tra i cattolici vietnamiti.

È stato felice di servire come sacerdote. Ha detto: “È sorprendente che, dopo così tanto tempo, Dio abbia scelto me per essere un sacerdote per servire lui e gli altri, specialmente i sofferenti”.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID