Ex nunzio in Francia condannato a 8 mesi di carcere con sospensione della pena

Mercoledì un tribunale penale di Parigi ha condannato un ex nunzio in Francia a una pena detentiva di 8 mesi sospesa per violenza sessuale.

Il tribunale ha ritenuto l’arcivescovo Luigi Ventura colpevole di aver posto le mani sulle natiche di cinque uomini mentre svolgeva le sue pubbliche funzioni diplomatiche.

È stato condannato a pagare 13.000 euro ($ 15.800) a quattro degli uomini e 9.000 euro ($ 10.900) in spese legali, secondo AFP.

L’avvocato di Ventura, Solange Doumic, ha detto al quotidiano francese Le Figaro che l’arcivescovo italiano stava considerando un appello.

Ventura era assente per il processo, che si è svolto il 10 novembre. Un medico ha detto che era troppo pericoloso per Ventura, 76 anni, che vive a Roma, recarsi a Parigi mentre il coronavirus era in aumento in Francia. Non era presente per il verdetto.

Doumic aveva sostenuto il mese scorso che le accuse contro il suo cliente erano minori ed erano state esagerate per diventare “il processo del Vaticano, dell’omosessualità nascosta in Vaticano”.

Ha detto che Ventura ha toccato i fianchi o la schiena degli uomini, ma i gesti sono durati solo pochi secondi e non sono mai stati sessuali nell’intenzione. Ha anche detto che potrebbe non essersi reso conto che sarebbero stati considerati inappropriati. Ha aggiunto che dopo che Ventura è stato operato per un tumore al cervello nel 2016, ha avuto alcuni problemi comportamentali.

Il procuratore Alexis Bouroz ha chiesto una pena di detenzione sospesa di 10 mesi per Ventura. In Francia, l’aggressione sessuale può essere punita fino a cinque anni di carcere e una multa fino a 75.000 euro (circa $ 88.600).

L’arcivescovo è stato accusato per la prima volta all’inizio del 2019 di aver toccato in modo inappropriato un membro dello staff in un ricevimento del 17 gennaio 2019 per il discorso di Capodanno del sindaco di Parigi Anne Hidalgo. L’accusa è stata poi indagata dalle autorità parigine per diversi mesi.

Nel febbraio 2019, un secondo dipendente del Comune di Parigi ha sporto denuncia contro Ventura, riguardante un incidente avvenuto nel gennaio 2018.

Altre due denunce sono state presentate alle autorità, una relativa a un ricevimento in un hotel di lusso a Parigi e un’altra, da parte di un seminarista, collegata a una messa, entrambe avvenute nel dicembre 2018.

Le Figaro ha riferito che un quinto uomo, un impiegato statale, ha denunciato un episodio senza sporgere denuncia.

Il Vaticano ha revocato l’immunità diplomatica di Ventura nel luglio 2019, aprendo la strada a un processo nei tribunali francesi.

Si è dimesso da nunzio in Francia nel dicembre 2019 all’età di 75 anni, dopo aver prestato servizio per 10 anni.

Ventura è stato ordinato sacerdote della Diocesi di Brescia nel 1969. È entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede nel 1978 ed è stato di stanza in Brasile, Bolivia e Regno Unito. Dal 1984 al 1995 è stato nominato per servire presso la Segreteria di Stato in la Sezione per i rapporti con gli Stati.

Dopo la sua consacrazione episcopale nel 1995, Ventura ha servito come nunzio in Costa d’Avorio, Burkina Faso, Niger, Cile e Canada. È stato nominato nunzio apostolico in Francia nel settembre 2009.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo