Festa di Santo Stefano primo martire della Chiesa, meditazione del Vangelo

Lo cacciarono fuori dalla città e cominciarono a lapidarlo. I testimoni deposero i mantelli ai piedi di un giovane di nome Saul. Mentre stavano lapidando Stefano, egli gridò: “Signore Gesù, ricevi il mio spirito”. Atti 7: 58–59

Che contrasto scioccante! Ieri la nostra Chiesa ha celebrato la gioiosa nascita del Salvatore del mondo. Oggi onoriamo il primo martire cristiano, Santo Stefano. Ieri, il mondo era fissato su un bambino umile e prezioso che giaceva in una mangiatoia. Oggi siamo testimoni del sangue versato da Santo Stefano per aver professato la sua fede in questo bambino.

In un certo senso, questo giorno di festa aggiunge un dramma immediato alla nostra celebrazione di Natale. È un dramma che non sarebbe mai dovuto accadere, ma è un dramma che è stato permesso da Dio poiché Santo Stefano ha reso la più grande testimonianza di fede a questo neonato Re.

Forse ci sono molte ragioni per includere la festa del primo martire cristiano nel calendario della Chiesa il secondo giorno dell’Ottava di Natale. Uno di questi motivi è ricordarci immediatamente le conseguenze del dare la nostra vita a Colui che è nato bambino a Betlemme. Le conseguenze? Dobbiamo dargli tutto, senza trattenere nulla, anche se significa persecuzione e morte.

All’inizio, questo potrebbe sembrare che ci privasse della nostra gioia natalizia. Potrebbe sembrare un freno a questa stagione festiva. Ma con gli occhi della fede, questo giorno di festa non fa che aumentare la gloriosa solennità di questa celebrazione del Natale.

Ci ricorda che la nascita di Cristo richiede tutto da noi. Dobbiamo essere pronti e desiderosi di dare la nostra vita a Lui completamente e senza riserve. La nascita del Salvatore del mondo significa che dobbiamo ridare priorità alle nostre vite e impegnarci a sceglierlo sopra ogni altra cosa, anche al di sopra delle nostre vite. Significa che dobbiamo essere pronti e disposti a sacrificare tutto per Gesù, vivendo altruisticamente e fedelmente alla Sua santissima volontà.

“Gesù è il motivo della stagione”, sentiamo spesso. Questo è vero. È la ragione della vita e la ragione per dare la nostra vita senza riserve.

Rifletti, oggi, sulla richiesta che ti è stata imposta dalla nascita del Salvatore del mondo. Da una prospettiva terrena, questa “richiesta” può apparire travolgente. Ma dal punto di vista della fede, riconosciamo che la sua nascita non è altro che un’opportunità per noi di entrare in una nuova vita. Siamo chiamati ad entrare in una nuova vita di grazia e di totale donazione. Lasciati abbracciare da questa celebrazione del Natale osservando i modi in cui sei chiamato a donarti in modo più completo. Non aver paura di dare tutto a Dio e agli altri. È un sacrificio che vale la pena dare ed è reso possibile da questo prezioso Bambino.

Signore, mentre continuiamo la gloriosa celebrazione della tua nascita, aiutami a capire l’effetto che la tua venuta tra noi deve avere sulla mia vita. Aiutami a percepire chiaramente il Tuo invito a dedicarmi completamente alla Tua gloriosa volontà. Possa la Tua nascita instillare in me la volontà di rinascere in una vita di donazione altruistica e sacrificale. Possa io imparare a imitare l’amore che Santo Stefano aveva per Te ea vivere quell’amore radicale nella mia vita. Santo Stefano, prega per me. Gesù io credo in te.

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?