Funzionari vaticani chiedono ‘solidarietà’ nel disarmo nucleare dopo la pandemia di coronavirus

L’attuale pandemia ha sottolineato la necessità di una solidarietà globale per ottenere il disarmo nucleare, ha detto mercoledì un alto diplomatico vaticano.

“COVID-19 dimostra l’urgente necessità di una globalizzazione della solidarietà e di maggiori investimenti nella sicurezza integrale e in nuovi modelli di cooperazione globale”, ha affermato mercoledì l’Arcivescovo Paul Richard Gallagher, capo della sezione per gli affari diplomatici della Segreteria di Stato della Santa Sede al lancio di un libro incentrato sul disarmo globale.

La pandemia di coronavirus, ha detto l’arcivescovo, ha offerto al mondo una lezione sulla necessità di “ridefinire il nostro concetto di sicurezza”.

La sicurezza non può essere basata su un concetto di distruzione reciprocamente assicurata, ha affermato, ma deve piuttosto essere basata su “giustizia, sviluppo umano integrale, rispetto dei diritti umani fondamentali, protezione del creato, costruzione della fiducia tra i popoli, promozione di strutture educative e sanitarie, dialogo e solidarietà “.

“È necessario andare oltre la deterrenza nucleare”, ha detto, incoraggiando le nazioni a concentrarsi invece su strategie lungimiranti come la promozione della pace e della sicurezza, e di “evitare approcci miopi”.

Gallagher è intervenuto mercoledì a un evento di libri online, promuovendo l’opuscolo “Un mondo libero dalle armi nucleari – La Conferenza vaticana sul disarmo”. L’opuscolo si ispira alla conferenza vaticana del 2017 sul disarmo.

Gli oratori di mercoledì includevano l’arcivescovo Gallagher e il cardinale Peter Turkson, prefetto del Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale.

“Parlare contro la corsa agli armamenti non sarà mai abbastanza”, ha detto il cardinale Turkson, indicando l’uso delle risorse nazionali per armi che avrebbero invece potuto essere utilizzate per lo “sviluppo umano integrale” e la cura dell’ambiente.

“Vogliamo solo riflettere sull’impatto catastrofico di tutto questo sulla nostra società umana e rinnovare l’appello del Santo Padre per un mondo libero dalle armi nucleari”, ha detto Turkson.

A ottobre, l’arcivescovo vaticano Gabriele Caccia ha dichiarato all’ONU che la teoria della deterrenza nucleare è immorale.

“Se è immorale minacciare di usare armi nucleari a scopo di deterrenza, è ancora peggio intenderle solo come un altro strumento di guerra, come propongono alcune dottrine nucleari”, ha detto.

L’enciclica Pacem in terris di Papa San Giovanni XXIII del 1963 sperava di allontanare il mondo dal “precipizio” dell’olocausto nucleare, ha detto il cardinale Turkson, e di scoraggiare gli investimenti in armi nucleari – qualcosa che purtroppo non è accaduto con l’indebolimento della non proliferazione trattati, ha detto.

Oggi, “le armi convenzionali aumentano progressivamente il loro carattere distruttivo”, ha detto Turkson.

Nel frattempo, nelle relazioni internazionali “prevale un clima di paura, sfiducia e opposizione”, ha affermato. Turkson ha notato un “uso costante di retorica aggressiva” e il continuo sviluppo di dottrine militari, nonché la minaccia rappresentata da gruppi terroristici non statali che ottengono e usano armi chimiche e biologiche.

Turkson ha ribadito l’appello della Chiesa “per un mondo libero dal nucleare” e il suo “impegno a proclamare il Vangelo della vita, proclamato da Cristo”.

Il Vaticano ha sponsorizzato l’evento, in collaborazione con il Berkley Center for Religion, Peace, and World Affairs della Georgetown University, il Kroc Institute for International Peace Studies dell’Università di Notre Dame, la Georgetown University Press e il Catholic Peacebuilding Network.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo