Giornalista cattolico cinese in esilio: i credenti cinesi hanno bisogno di aiuto!

Un giornalista, informatore e rifugiato politico dalla Cina ha criticato il segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin, per ciò che il richiedente asilo cinese afferma essere un atteggiamento sprezzante nei confronti della persecuzione odierna in Cina. Il giornalista cinese Dalù ha risposto a un’intervista del cardinale Parolin al quotidiano italiano La Stampa , condotta giorni prima che il Vaticano rinnovasse il suo accordo con la Cina il mese scorso.

Dalù ha parlato al Register il 27 ottobre, Giornata internazionale della libertà religiosa. Nell’intervista ha evidenziato la domanda del giornalista vaticano La Stampa al cardinale Parolin sulla continua persecuzione dei cristiani in Cina, nonostante l’accordo sino-vaticano firmato nel 2018, a cui ha risposto il Segretario di Stato vaticano, “ma persecuzioni, persecuzioni … Devi usare le parole correttamente. “

Le parole del cardinale hanno scioccato Dalù, che ha ricevuto lo status di rifugiato politico in Italia nel 2019 dopo la sua sfida al Partito comunitario cinese, e lo hanno fatto concludere: “I commenti del cardinale Parolin possono avere un senso. Il termine “persecuzione” non è preciso o abbastanza forte per descrivere la situazione attuale. In effetti, le autorità del PCC hanno capito che la persecuzione delle religioni necessita di metodi nuovi e innovativi per evitare una forte reazione dal mondo esterno “.

Originario di Shanghai, Dalù era una volta uno dei giornalisti più popolari nei media cinesi prima del suo reportage del 1995 per esporre la verità sul massacro di piazza Tiananmen ai suoi ascoltatori radiofonici, nonostante il tentativo del governo cinese di controllare la narrativa sull’evento. Dalù si è convertito al cattolicesimo nel 2010, il che ha detto che ha aumentato l’antagonismo del Partito comunista cinese contro di lui. Poi, nel 2012, dopo l’arresto del vescovo Ma Daquin della diocesi di Shanghai, Dalù ha utilizzato i social media per chiedere con insistenza il rilascio del vescovo, portando infine all’interrogatorio e alla persecuzione del giornalista.

Dalù ha ricevuto lo status legale di rifugiato politico in Italia nel 2019. La seguente intervista è stata modificata per chiarezza e lunghezza.

Qual è la situazione della Chiesa cattolica in Cina?

Sai, la Chiesa cinese è divisa in quella ufficiale e quella sotterranea. La Chiesa ufficiale è completamente controllata dal Partito Comunista Cinese e deve accettare la guida dell’Associazione Patriottica, mentre la Chiesa sotterranea è considerata una Chiesa illegale dal PCC perché il suo vescovo è nominato direttamente dal Vaticano. Non è ridicolo? La Chiesa è stata fondata da Gesù, non dal PCC. Gesù ha dato a Pietro la chiave del regno, non l’Associazione patriottica cinese.

Annuncio pubblicitario

Giornalista cinese Dalù
Dalù giornalista cinese esiliato (Foto: foto di cortesia)

Il Vaticano ha appena rinnovato l’accordo con la Cina, i cui dettagli devono ancora essere resi pubblici. Qual è stata la tua esperienza personale?

Il sacerdote che mi ha battezzato mi ha invitato a essere il capo del dipartimento dei media della Chiesa per diffondere le notizie e il Vangelo della Chiesa attraverso i social media. Da quando la Cina ha bloccato Internet, i credenti domestici non possono accedere al sito web di Vatican News. Ogni giorno ho inoltrato le notizie della Santa Sede e i discorsi del Papa. Ero come un soldato in prima linea.

Ho avuto l’opportunità di conoscere molti sacerdoti, tra cui padre Ma Daqin, che in seguito divenne vescovo a Shanghai. Il giorno della sua consacrazione come vescovo, il vescovo Ma ha rinunciato alla sua associazione con la “Chiesa patriottica” del PCC ed è stato immediatamente isolato da noi dall’Associazione patriottica.

Più tardi, abbiamo saputo che era stato costretto a partecipare a un programma intensivo di indottrinamento comunista. Con un impulso infantile, ho chiesto il rilascio del nostro vescovo Ma Daqin sui social media, ogni giorno. Il mio comportamento ha ricevuto una forte risposta da parte dei credenti, ma ha anche attirato l’attenzione dell’Associazione patriottica. Hanno chiesto alla polizia di sicurezza interna di minacciare me e la mia famiglia. Ho subito duri interrogatori perché ho violato la disciplina di propaganda del PCC. Mi hanno costretto a smettere di chiedere il rilascio del vescovo Ma sui social media e firmare una confessione in cui ammettevo che le mie azioni erano sbagliate e che me ne pentivo.

Questo è stato solo un piccolo episodio. Vivevo con la consapevolezza di essere costantemente monitorato per la mia vicinanza alla Chiesa e le minacce a me e alla mia famiglia erano molto frequenti. Gli interrogatori sono stati molto duri e la mia mente ha lavorato molto per rimuovere quei ricordi.

La mattina del 29 giugno 2019, circa nove ore dopo che avevo appena pubblicato i dettagli della ” Guida pastorale della Santa Sede sulla registrazione civile del clero cinese ” del cardinale Parolin sull’app cinese, piattaforma “WeChat”, ho improvvisamente ricevuto una chiamata dall’ufficio religioso di Shanghai. Mi hanno ordinato di cancellare immediatamente il documento di “Guida pastorale” della Santa Sede dalla piattaforma WeChat, altrimenti si agirà contro di me.

Il tono dell’uomo al telefono era molto forte e minaccioso. Questo documento di “Guida pastorale” è il primo documento rilasciato dalla Santa Sede alla chiesa ufficiale cinese dopo aver firmato un accordo segreto con la Cina. È stato a causa di queste azioni che ho dovuto lasciare il mio paese.

Dalù, la tua carriera di popolare conduttore radiofonico a Shanghai è stata interrotta dal regime molto tempo fa. Perché?

Sì, prima d’ora la mia carriera giornalistica violava già la disciplina di propaganda del PCC. Il 4 giugno 1995 è stato il sesto anniversario del “massacro di piazza Tiananmen”. Ero un noto conduttore radiofonico e ho reso pubblico quell’evento. Quei giovani innocenti che chiedevano democrazia nella grande piazza di Pechino sono stati massacrati dalle tracce dei carri armati e non potevo dimenticarlo. Ho dovuto dire la verità alla mia gente che non sapeva nulla di questa tragedia. La mia trasmissione in diretta è stata monitorata dall’agenzia di propaganda del PCC. Il mio spettacolo è stato interrotto immediatamente. La mia tessera stampa è stata confiscata. Sono stato costretto a scrivere una confessione, ammettendo che le mie osservazioni e azioni sbagliate violavano la disciplina del partito. Sono stato licenziato sul colpo e da quel momento ho iniziato a vivere una vita emarginata per 25 anni.

Giornalista cinese Dalù
Dalù giornalista cinese esiliato (Foto: foto di cortesia)
La mia vita è stata risparmiata perché la Cina non poteva permettersi di far sparire a Shanghai un’emittente domenicale così popolare. Stavano pensando di entrare a far parte dell’Organizzazione mondiale del commercio e dovevano sembrare un paese normale. La mia notorietà mi ha salvato la vita ma il PCC mi ha emarginato per sempre. Lo stigma politico è registrato nella mia cartella personale. Nessuno osa assumermi perché sono diventato una minaccia per il PCC.

Il cardinale Pietro Parolin è stato intervistato da Salvatore Cernuzio de La Stampa , in cui ha parlato del suo lavoro di intermediazione del rinnovato accordo con il PCC. Gli è stato chiesto, tra le altre domande, sull’aumento della persecuzione religiosa nel Paese, dopo l’accordo iniziale del 2018. Hai letto le sue risposte e ti hanno sorpreso?

Sì. Ero sorpreso. Tuttavia, mi sono calmato e ci ho pensato. Penso che i commenti del cardinale Parolin [che sembrano respingere la persecuzione in Cina] possano avere un senso. Il termine “persecuzione” non è preciso o abbastanza forte per descrivere la situazione attuale. Infatti, le autorità del PCC hanno capito che la persecuzione delle religioni necessita di metodi nuovi e innovativi per evitare una forte reazione dal mondo esterno.

Ad esempio, hanno sospeso le demolizioni delle croci e ora il nuovo ordine è quello di posizionare la bandiera nazionale sulle chiese. La chiesa tiene la cerimonia dell’alzabandiera ogni giorno e persino i ritratti di Mao Zedong e Xi Jinping sono disposti su entrambi i lati della croce dell’altare. Sorprendentemente, molti credenti non sono contrari a questo perché credono che sia un simbolo della scena della crocifissione di Gesù: anche due criminali sono stati inchiodati a sinistra ea destra.

Vale la pena ricordare che ora l’Associazione patriottica non proibisce più ai credenti di leggere la “Bibbia”. Invece, hanno manomesso la “Bibbia”, inserendo che Gesù aveva ammesso di essere anche lui un peccatore. Non sono contrari ai sacerdoti che predicano il Vangelo, ma spesso li organizzano per viaggiare o organizzare attività di intrattenimento per loro: mangiare, bere e fare regali. Nel tempo, questi sacerdoti saranno felici di interagire con il PCC.

Il vescovo Ma Daqin di Shanghai non sembra essere detenuto ora. Il PCC usa una nuova parola per questo: rieducazione. Che il vescovo si rechi nei luoghi designati per un regolare “addestramento” e che accetti la proposta di Xi Jinping: il cattolicesimo cinese dovrebbe essere gestito dagli stessi cinesi, libero dalle catene degli stranieri. Quando il vescovo Ma Daqin riceveva la “rieducazione”, alcuni dei sacerdoti che avevano combattuto contro la sua detenzione venivano spesso chiamati a “bere il tè” con la polizia cinese. “Bere il tè” è una parola molto culturale che il PCC sta ora usando come eufemismo per quelli che di solito saranno interrogatori duri e violenti. Questa paura, questo uso della nostra antica cultura e queste tattiche sono forme di tortura. Ovviamente, la vera “persecuzione” è stata celata da un packaging elegante. Proprio come la Costituzione cinese afferma anche che la Cina ha la libertà di parola, libertà di credo religioso e libertà di manifestazioni e assemblee. Ma si scopre dopo aver strappato la confezione, tutte queste “libertà” devono essere rigorosamente riviste e controllate. Se diciamo che la “democrazia in stile cinese” è solo un’altra forma di democrazia, allora suppongo che tu possa rinominare “persecuzione in stile cinese” semplicemente come un nuovo atto civile.

Sulla base di queste nuove rivelazioni, puoi ancora usare la parola “persecuzione”? Ovviamente diventa inappropriato, poiché stiamo assistendo a un’istituzione strutturata di umiliazione quotidiana. Quale parola potrebbe essere usata invece?

Da cattolico cinese, hai un messaggio a Papa Francesco e al cardinale Parolin?

Papa Francesco ha appena scritto: “Siamo una comunità globale, tutti sulla stessa barca, dove i problemi di una persona sono i problemi di tutti” ( Fratelli Tutti , 32). I problemi della Cina sono i problemi del mondo. Salvare la Cina significa salvare il mondo. Sono un credente normale, non sono qualificato per parlare con Sua Santità e il Cardinale Parolin. Quello che potrei esprimere si riassume in una parola: AIUTO!

Cosa ti ha attirato nella Chiesa cattolica nel 2010, e cosa ti tiene dentro la Chiesa mentre sei testimone di ciò che il cardinale Zen e altri hanno protestato come un profondo tradimento, persino un “omicidio” della Chiesa in Cina?

In 25 anni di vita ai margini della società, ho pensato che se la Cina non cambia, la mia vita non può essere cambiata. Molti cinesi che desiderano libertà e luce, come me, non devono affrontare la fine della loro vita in enormi campi di concentramento. I discendenti di tutti i cinesi vivranno in un mondo più oscuro e crudele di quello che sono ora. Non ho mai trovato una via d’uscita dall’oscurità finché non ho incontrato Gesù. Le sue parole mi hanno fatto sentire “mai assetato” e senza paura. Capisco una verità: l’unico modo per uscire dall’oscurità è bruciarti. In effetti, la Chiesa è un crogiolo, rendendo i credenti che credono veramente e mettono in pratica le parole di Gesù candele che illuminano il mondo.

Ho seguito molto tempo fa il cardinale Zen, un vecchio che ha osato bruciarsi. La chiesa sotterranea cinese, infatti, è stata sostenuta, assistita e contattata dal vescovo Zen dall’inizio ad oggi. Conosce molto bene la situazione passata e attuale della Chiesa sotterranea cinese. Per molto tempo si è opposto fermamente all’intervento del PCC nelle attività missionarie della Chiesa, e in varie occasioni ha ripetutamente criticato la Cina per mancanza di libertà religiosa. Ha anche fatto appello ai sostenitori dell’incidente di piazza Tiananmen e al movimento democratico di Hong Kong. Pertanto, penso che dovrebbe avere il diritto di parlare, di essere ascoltato, di offrire la sua esperienza al Papa in un momento delicato. È un contributo prezioso anche per chi non la pensa come lui.

Sei un rifugiato politico – come è successo ?

Se non fosse stato per Dio a far comparire Luca Antonietti, forse sarei stato deportato entro tre mesi. Se non fosse per questo, probabilmente oggi sarei in una prigione cinese.

Luca Antonietti non è solo un noto avvocato in Italia, ma è un devoto cattolico. Il giorno successivo, dopo essere arrivato qui, sono andato in chiesa per partecipare alla messa. Nessun cinese è mai apparso prima in questo piccolo villaggio. L’amico di Luca gli ha raccontato queste informazioni e io l’ho incontrato poco dopo, in un pomeriggio di settembre del 2019. Casualmente, Luca ha conseguito un MBA a Shanghai e conosceva la Chiesa cinese ma il suo mandarino è piuttosto scarso, quindi abbiamo potuto comunicare solo tramite un software di traduzione per telefono cellulare .

Giornalista cinese Dalù
Dalù giornalista cinese esiliato (Foto: foto di cortesia)
Dopo aver appreso della mia esperienza, ha deciso di fornirmi assistenza legale. Mise da parte tutti i suoi affari e preparò tutti i documenti legali necessari per richiedere asilo politico, lavorando per me ogni giorno. Allo stesso tempo si è preso del tempo per visitare il Santuario dell’Amore Misericordioso a Collevalenza. Ciò che mi ha commosso in particolare è stato che mi ha anche fornito un posto dove vivere. Ora sono un membro della famiglia italiano. Il mio avvocato ha accettato il rischio per la sua vita e per quella della sua famiglia per aiutarmi. Devi capire che starmi vicino, anche in un Paese come l’Italia, è ancora una croce pesante da portare: sono sotto sorveglianza.

Ero come un uomo ferito che è caduto sul ciglio della strada e ha incontrato un gentile samaritano. Da quel momento in poi, ho iniziato una nuova vita. Mi piace la vita che i cinesi dovrebbero avere il diritto di godersi: aria fresca, cibo sano e sicuro e stelle nel cielo di notte. Ancora più importante, ho un tesoro che il regime cinese ha dimenticato: la dignità.

Ti consideri un whistleblower? Perché vieni fuori adesso, e che messaggio hai?

Sono sempre stato un informatore. Nel 1968, quando avevo 5 anni, in Cina scoppiò la Rivoluzione Culturale. Ho visto mio padre picchiato sul palco. Ci sono state diverse manifestazioni di lotta di questo tipo ogni settimana. Ho scoperto che i nuovi manifesti del rally erano sempre affissi all’ingresso del luogo. Un giorno ho strappato il poster e quel giorno nessuno ha partecipato alla manifestazione.

Nel 1970, quando frequentavo la prima elementare, fui segnalato dai miei compagni di classe e interrogato dalla scuola perché accidentalmente avevo lasciato cadere per terra un ritratto del libro “Citazioni di Mao Zedong”. Quando ero uno studente delle scuole medie, ho iniziato ad ascoltare segretamente la radio a onde corte di Taiwan in violazione del divieto nazionale. Nel 1983, quando ero al college, ho chiesto la riforma dell’insegnamento attraverso la trasmissione del campus e sono stato punito dalla scuola. Sono stato squalificato dalla produzione di trasmissioni aggiuntive e scritto per un’ispezione successiva. L’8 maggio 1995 piansi alla radio la morte della cantante più famosa di Taiwan Teresa Teng e fui punito dalla stazione radio. Un mese dopo, il 4 giugno, ho violato di nuovo il divieto e ho ricordato al pubblico di non dimenticare il “massacro di Tiananmen” alla radio.

Il 7 luglio 2012, dopo che il vescovo Ma della diocesi di Shanghai è stato arrestato, sono stato torturato e interrogato dalla polizia ogni giorno quando ho chiesto il rilascio del vescovo Ma sui social media. Nell’agosto 2018, prima dell’apertura delle Olimpiadi di Pechino, ho organizzato attività di tutela dei diritti umani nella comunità in cui vivevo. La stazione radio di Taiwan “Voice of Hope” mi ha intervistato. Sono stato monitorato dalla polizia e portato di nuovo alla stazione di polizia. Non è abbastanza?

Adesso sto scrivendo un libro. Voglio dire al mondo la verità sulla Cina: la Cina, sotto il PCC, è diventata un enorme campo di concentramento invisibile. I cinesi sono stati ridotti in schiavitù per 70 anni.

Che speranza hai per il futuro lavoro in Europa per la Cina? Come possono le persone aiutare?

Vorrei aiutare le persone libere a capire come pensa la dittatura comunista e come sta silenziosamente ingannando il mondo intero. Il Partito Comunista Cinese conosce perfettamente l’Occidente. Lei, tuttavia, non sa molto delle dinamiche del regime cinese. Inoltre, vorrei tornare alla radio, come conduttore radiofonico, per parlare ai cinesi di Gesù. È un grande sogno e spero che qualcuno possa aiutarmi a pubblicare le mie memorie per guardare al futuro con realismo e speranza.

Questo è il tempo della verità. Diffondo ogni giorno il mio punto di vista sulla Cina attraverso i social media. Spero che il mondo si svegli presto. Molte “persone di buona volontà” risponderanno a questa chiamata. Non mi arrenderò mai.

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Famiglia indiana costretta a lasciare il villaggio

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"