Gli orti possono combattere i cambiamenti climatici?

La coltivazione di frutta e verdura in giardino è già vista come rispettosa dell’ambiente, ma potrebbe anche essere un’arma nella lotta ai cambiamenti climatici.

Questa è stata l’esperienza di una comunità in Bangladesh, il cui raccolto di riso – la fonte del loro cibo e del loro reddito – è stato rovinato quando sono arrivate le piogge stagionali.

È stato nell’aprile 2017 che è arrivata la pioggia nella pianura alluvionale nord-orientale della divisione Sylhet, rovinando il raccolto di riso. Sarebbe dovuto venire due mesi dopo.

Gli agricoltori hanno perso la maggior parte o la totalità del loro raccolto. Non significava entrate – e non cibo sufficiente – per le loro famiglie.

Gli scienziati avvertono che i cambiamenti climatici stanno influenzando i raccolti che le persone possono coltivare e i nutrienti che ottengono nel loro cibo.

Sabine Gabrysch, professoressa per i cambiamenti climatici e la salute presso la Charité – Universitätsmedizin di Berlino e l’Istituto di ricerca sull’impatto climatico di Potsdam, ha dichiarato: “È così ingiusto perché queste persone non hanno contribuito al cambiamento climatico”.

Parlando alla BBC in una conferenza di esperti di salute e clima a Berlino, organizzata dalla Nobel Foundation , il prof. Gabrysch ha dichiarato: “Sono colpiti direttamente dai cambiamenti climatici, perché poi perdono il sostentamento e perdono i loro nutrienti. i bambini soffrono di più, perché stanno crescendo rapidamente e hanno bisogno di molti nutrienti “.

Anche prima delle prime piogge, ha detto, un terzo delle donne era sottopeso e il 40% dei bambini cronicamente malnutrito.

“Le persone sono già sull’orlo dell’esistenza dove soffrono di molte malattie e non hanno molto da respingere”, ha aggiunto il prof. Gabrysch. “Non hanno un’assicurazione.”

Sta conducendo uno studio sull’impatto delle inondazioni nella divisione Sylhet e sta lavorando con oltre 2.000 donne nei villaggi di tutta l’area,

La metà ha affermato che le loro famiglie sono state significativamente colpite dall’alluvione. Il modo più comune in cui hanno cercato di far fronte era di prendere in prestito denaro, principalmente da istituti di credito che facevano pagare alti tassi di interesse, e le famiglie si indebitavano.

Il team aveva già iniziato a educare la comunità a coltivare il proprio cibo nei loro giardini, su un terreno più elevato, dove potevano coltivare un raccolto più variato dal punto di vista nutrizionale di frutta e verdura e tenere le galline.

Il prof. Gabrysch ha dichiarato: “Non credo che possa compensare onestamente la perdita del raccolto di riso, perché è il loro sostentamento, ma almeno può aiutarli in una certa misura”.

Ma anche quando il riso – e gli altri alimenti ricchi di amido su cui le persone nei paesi in via di sviluppo fanno affidamento – crescono bene, i cambiamenti climatici possono significare che non è così nutriente come lo era.

La prof.ssa Kristie Ebi, del dipartimento di Global Health dell’Università di Washington, ha studiato i livelli di nutrienti.

Ha trovato colture come riso, grano, patate e orzo ora hanno concentrazioni più elevate di anidride carbonica. Ciò significa che hanno bisogno di meno acqua per crescere, il che non è così positivo come potrebbe sembrare, perché significa che assorbono meno micronutrienti dal terreno.

Malattie in movimento
La ricerca del team del Prof Ebi ha scoperto che le colture di riso che hanno studiato avevano, in media, una riduzione del 30% delle vitamine del gruppo B – incluso l’acido folico, cruciale per le donne in gravidanza – rispetto ai livelli normali,

Ha detto: “Anche oggi in Bangladesh, man mano che il paese diventa più ricco, tre su quattro calorie provengono dal riso.

“In molti paesi, le persone mangiano molti amidi come componente principale della loro dieta. Quindi avere meno micronutrienti potrebbe avere conseguenze molto significative.”

E lei avverte che un mondo in riscaldamento significa anche che le malattie sono in movimento.

“Ci sono grandi rischi da malattie che sono portate dalle zanzare. E c’è un rischio maggiore da malattie diarroiche e malattie infettive.

“Mentre il nostro pianeta si riscalda, queste malattie stanno cambiando la loro area geografica, le loro stagioni si allungano. C’è più trasmissione di queste malattie.

“E molti di questi riguardano principalmente i bambini. Ecco perché siamo così preoccupati di ciò che ciò significa per la salute materna e infantile, perché sono in prima linea. Sono loro che stanno vedendo le conseguenze.”

Le malattie tradizionalmente viste come tropicali si stanno spostando verso nord.

Quest’anno la Germania ha visto i primi casi di virus del Nilo occidentale , trasportato dalle zanzare.

Sabine Gabrysch ha dichiarato: “La diffusione delle malattie infettive è qualcosa che fa capire alle persone che il cambiamento climatico sta arrivando anche a noi”.

Il premio Nobel Peter Agre avverte che i cambiamenti climatici significano che le malattie si stanno muovendo – con alcuni non visti nei luoghi in cui erano stati stabiliti, e altri che appaiono in nuovi luoghi – in particolare spostandosi ad altitudini più elevate all’aumentare della temperatura, qualcosa che è stato visto in Sud America e Africa.

Ciò è importante perché le persone che vivono ai tropici hanno vissuto tradizionalmente a quote più elevate per evitare malattie.

Il prof. Agre, che ha ricevuto il premio Nobel per la chimica nel 2003, ha avvertito che non ci dovrebbe essere alcun compiacimento e poiché le temperature riscaldate si sposteranno.

“La famosa frase è ‘non può succedere qui’. Beh, può.”

Articoli correlati