Gli ultimi momenti di Gesù sulla Croce rivelati dalla mistica Caterina Emmerick

La prima parola di Gesù in croce
Dopo la crocifissione dei ladroni, i carnefici raccolsero i loro strumenti e lanciarono al Signore gli ultimi insulti prima di ritirarsi.

I farisei, a loro volta, passando a cavallo davanti a Gesù gli indirizzarono alcune parole oltraggiose e poi si ritirarono anch’essi.

Cinquanta soldati romani, al comando dell’arabo Abenadar, diedero il cambio ai primi cento.

Dopo la morte di Gesù, Abenadar si fece battezzare prendendo il nome di Ctesifon. Il comandante in seconda si chiamava Cassio, e anch’egli divenne cristiano col nome di Longino.

Sopraggiunsero sul monte altri dodici farisei, dodici sadducei, dodici scribi e parecchi anziani. Tra questi ultimi si trovavano coloro che avevano chiesto a Pilato di modificare l’iscrizione e erano esasperati perché il procuratore non aveva voluto nemmeno riceverli. Quelli a cavallo fecero il giro della piattaforma e scacciarono la santa Vergine chiamandola donna perversa.

Giovanni la condusse tra le braccia di Maria Maddalena e di Marta.

I farisei, arrivati di fronte a Gesù, scuoterono la testa con disprezzo e lo beffeggiarono con queste parole:

«Vergognati, impostore! Come farai a distruggere il tempio e a ricostruirlo in tre giorni? Hai sempre voluto aiutare gli altri e non hai neppure la forza di aiutare te stesso. Se sei figlio del Dio d’Israele, discendi da quel la croce e fatti aiutare da lui!».

Anche i soldati romani lo schernivano dicendo:

«Se tu sei il re lei Giudei e il Figlio di Dio, salva te stesso!».

Gesù stava crocifisso privo di sensi. Allora Gesma disse:

«Il suo demoni l’ha abbandonato!».

Intanto un soldato romano pose sopra un bastone una spugna inzuppata di aceto e l’innalzò fino alle labbra di Gesù, il quale ne gustò un poco. Compiendo quel gesto, il sol dato fece da eco al ladrone e disse:

«Se sei il re di Giudei, aiutati da te stesso!».

Il Signore sollevò un poco la testa e disse:

«Padre, perdona loro, perché non sanno quel che fanno.

Poi proseguì la sua preghiera in silenzio.

Nell’udire qu parole, Gesma gli gridò:

«Se tu sei il Cristo, aiuta te e noi!».

E così dicendo continuò a schernirlo.

Ma Dismas, il ladrone alla destra, si commosse profondamente quando udì Gesù pregare per i suoi nemici.

Udendo la voce di suo Figlio, la Vergine Maria si precipitò verso la croce seguita da Giovanni, da Salomè e da Maria di Cleofa, incapaci di trattenerla.

Il centurione di guardia non li respinse e li lasciò passare.

Appena la Madre si avvicinò alla croce, si sentì confortata dalla preghiera di Gesù. Nello stesso momento, illuminato dalla grazia, Dismas riconobbe che Gesù e sua Madre l’avevano guarito nella sua infanzia, e con voce forte e rotta dall’emozione gridò:

«Come potete ingiuriare Gesù mentre prega per voi? Egli ha sofferto pazientemente tutte le vostre ingiurie e i vostri affronti. Costui è veramente il Profeta, il nostro Re e il Figlio di Dio».

A quelle parole di biasimo, uscite dalla bocca di un assassino sul patibolo, scoppiò un grande tumulto fra gli astanti. Molti presero delle pietre per lapidarlo, ma Abenadar non lo permise, li fece disperdere e ristabilì l’ordine.

Rivolto al suo compagno, che continuava ad ingiuriare Gesù, Dismas gli disse:

«Non temi dunque il Signore, tu che sei condannato al lo stesso supplizio? Noi ci troviamo giustamente qui per ché la pena l’abbiamo meritata con le nostre azioni, ma lui non ha fatto nulla di male, ha sempre consolato il prossimo. Pensa alla tua ultima ora e convertiti!».

Quindi, profondamente commosso, confessò a Gesù tutti i suoi peccati dicendogli:

«Signore, se tu mi condanni, è secondo giustizia; ma, ciò nonostante, abbi pietà di me!».

Gesù gli rispose:

«Tu proverai la mia misericordia!».

Così Dismas ottenne la grazia di un sincero pentimento.

Tutto quanto è stato narrato avvenne tra mezzogiorno e mezzogiorno e mezzo. Mentre il buon ladrone si pentiva, si verificavano nella natura segni straordinari che riempirono tutti di spavento.

Verso le dieci, momento in cui fu pronunziato il giudizio di Pilato, aveva grandinato a tratti, poi il cielo si era schiarito ed era uscito il sole. A mezzogiorno, nubi fitte e rossastre coprirono il cielo; a mezzogiorno e mezzo, che corrisponde alla cosiddetta ora sesta dei Giudei, vi fu l’oscuramento miracoloso del sole.

Per grazia divina «ho vissuto molti particolari di quel l’avvenimento prodigioso, ma non riesco a descriverli in modo adeguato».

Posso solo dire che fui trasportata nell’universo, dove mi ritrovai fra miriadi di vie celesti che si incrociano in un’armonia meravigliosa. La luna, simile a un globo di fuoco, apparve a oriente e si mise rapidamente davanti al sole già coperto dalle nubi.

Poi, sempre in spirito, discesi a Gerusalemme, da dove, con spavento, vidi al lato orientale del sole un corpo oscuro che presto lo coprì interamente.

Il fondo di questo corpo era giallo scuro, aureolato da un cerchio rosso come il fuoco.

Un poco alla volta, il cielo intero s’incupì e si tinse di rosso. Uomini e bestie furono afferrati dalla paura; il bestiame fuggì via e gli uccelli cercarono riparo verso le col line del Calvario. Erano così spaventati che passavano rasenti al suolo e si lasciavano catturare con le mani. Le strade della città erano avvolte in una fitta nebbia, gli abitanti cercavano il cammino a tentoni. Molti giacevano a terra con il capo coperto, altri si battevano il petto gemendo di dolore. Gli stessi farisei guardavano con timore il cielo: essi erano talmente spaventati da quelle tenebre rossastre che cessarono perfino d’ingiuriare Gesù. Tuttavia cercavano di fare intendere questi fenomeni come naturali.

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo