I leader mondiali non devono usare la pandemia per guadagni politici, dice il papa

I leader governativi e le autorità non devono sfruttare la pandemia COVID-19 per screditare i rivali politici, ma invece mettere da parte le differenze per trovare “soluzioni praticabili per il nostro popolo”, ha detto Papa Francesco.

In un videomessaggio del 19 novembre ai partecipanti a un seminario virtuale sulla pandemia di coronavirus in America Latina, il papa ha affermato che i leader non dovrebbero “incoraggiare, approvare o utilizzare meccanismi che rendano questa grave crisi uno strumento di natura elettorale o sociale”.

“Screditare l’altro riesce solo a distruggere la possibilità di trovare accordi che aiutino ad alleviare gli effetti della pandemia nelle nostre comunità, soprattutto sui più esclusi”, ha detto il papa.

“Chi paga (il prezzo) per questo processo di discredito?” chiese. “La gente paga per questo; progrediamo nello screditare l’altro a spese dei più poveri, a spese della gente “.

Funzionari eletti e dipendenti pubblici, ha aggiunto, sono chiamati a “essere al servizio del bene comune e non mettere il bene comune al servizio dei loro interessi”.

“Conosciamo tutti le dinamiche della corruzione che si verifica in questo settore. E questo vale anche per gli uomini e le donne della chiesa ”, ha detto il papa.

La corruzione all’interno della chiesa, ha detto, è “una vera lebbra che ammala e uccide il Vangelo”.

Il seminario virtuale del 19-20 novembre, intitolato “America Latina: Chiesa, Papa Francesco e scenari della pandemia”, è stato sponsorizzato dalla Pontificia Commissione per l’America Latina, così come dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali e dalla Conferenza episcopale latinoamericana, comunemente noto come CELAM.

Nel suo messaggio, il papa ha espresso l’auspicio che iniziative come il seminario “ispirino percorsi, risvegliano processi, creano alleanze e promuovono tutti i meccanismi necessari per garantire una vita dignitosa al nostro popolo, soprattutto ai più esclusi, attraverso l’esperienza di fraternità e la costruzione dell’amicizia sociale. “

“Quando dico i più esclusi, non intendo (allo stesso modo) dire di fare l’elemosina ai più esclusi, o un gesto di carità, no, ma una chiave di ermeneutica”, ha detto.

Le persone più povere sono la chiave per interpretare e comprendere la colpa o il beneficio di qualsiasi risposta, ha detto. “Se non partiamo da lì, commetteremo degli errori”.

Gli effetti della pandemia COVID-19, ha proseguito, si faranno sentire per molti anni a venire e la solidarietà deve essere al centro di ogni proposta per alleviare le sofferenze delle persone.

Qualsiasi iniziativa futura dovrebbe essere “basata sul contributo, la condivisione e la distribuzione, non sul possesso, sull’esclusione e sull’accumulo”, ha detto il papa.

“Ora più che mai è necessario riprendere coscienza della nostra comune appartenenza. Il virus ci ricorda che il modo migliore per prenderci cura di noi stessi è imparare a prenderci cura e proteggere coloro che ci circondano “, ha detto.

Notando che la pandemia ha “amplificato” i problemi socioeconomici e le ingiustizie esistenti in America Latina, il Papa ha affermato che a molte persone, soprattutto ai più poveri della regione, non sono garantite “le risorse necessarie per attuare le misure minime di protezione contro COVID-19”.

Tuttavia, Papa Francesco ha detto che nonostante “questo panorama cupo”, il popolo dell’America Latina “ci insegna che sono persone con un’anima che sanno affrontare le crisi con coraggio e sanno generare voci che gridano nel deserto per spianare la strada per il Signore “.

“Per favore, non permettiamo a noi stessi di essere derubati della speranza!” ha esclamato. “La strada della solidarietà oltre che della giustizia è la migliore espressione di amore e vicinanza. Da questa crisi possiamo uscire meglio, ed è quello che hanno testimoniato tante nostre sorelle e fratelli nella donazione quotidiana della loro vita e nelle iniziative che il popolo di Dio ha generato

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico