I quattordici santi aiutanti: i santi della peste per un tempo di coronavirus

Sebbene la pandemia COVID-19 abbia sconvolto la vita di molte persone nel 2020, non è la prima volta che la Chiesa ha subito una grave salute crisi.

A metà del XIV secolo, la peste – chiamata anche “La peste nera” – chiamata anche “La più grande catastrofe di sempre” – devastò l’Europa, uccidendo 50 milioni di persone, o circa il 60% della popolazione (un tasso di mortalità notevolmente più alto rispetto al coronavirus), entro pochi anni.

Mancando i progressi della medicina moderna oggi e mettendo a strati i cadaveri in fosse come ” lasagne con strati di pasta e formaggio “, le persone non avevano altra scelta che aggrapparsi alla loro fede.

Fu in questo momento che i Quattordici Santi Ausiliari – santi cattolici, tutti martiri tranne uno – vennero invocati dai cattolici contro la peste e altre disgrazie.

Secondo il Nuovo Movimento Liturgico , la devozione a questi 14 santi iniziò in Germania al tempo della peste e furono chiamati “Nothelfer”, che in tedesco significa “aiutanti bisognosi”.

Mentre gli attacchi di peste riaffioravano nel corso dei decenni, la devozione ai Santi Ausiliari si diffuse in altri paesi, e alla fine Nicola V dichiarò che la devozione ai santi veniva con indulgenze speciali.

Secondo il Nuovo Movimento Liturgico , questa introduzione alla festa dei Santi Ausiliari (celebrata l’8 agosto in alcuni luoghi) si trova nel Messale di Cracovia del 1483:

“La Messa dei Quattordici Santi Ausiliari, approvata da Papa Niccolò… è potente da parte loro, per quanto uno sia in grande malattia o angoscia o tristezza, o in qualunque tribolazione possa essere un uomo. È potente anche per conto dei detenuti e detenuti, per conto di mercanti e pellegrini, per coloro che sono stati condannati a morire, per coloro che sono in guerra, per le donne che stanno lottando per il parto, o con un aborto spontaneo, e per (il perdono dei) peccati e per i morti “.

La colletta per la loro festa nel Messale di Bamberga recita: “Dio Onnipotente e misericordioso, che ha adornato i tuoi santi Giorgio, Blase, Erasmo, Pantaleone, Vito, Cristoforo, Denis, Ciriaco, Acacio, Eustachio, Giles, Margherita, Barbara e Caterina con privilegi speciali sopra tutti gli altri, in modo che tutti coloro che nelle loro necessità implorano il loro aiuto, secondo la grazia della tua promessa, possano ottenere l’effetto salutare della loro supplica, concedici, ti supplichiamo, il perdono dei nostri peccati, e con i loro meriti intercedono, liberaci da tutte le avversità e ascolta gentilmente le nostre preghiere “.

Ecco un po ‘di ciascuno dei Quattordici Santi Ausiliari:

San Giorgio: sebbene si sappia definitivamente poco sulla sua vita, San Giorgio fu un martire del IV secolo sotto la persecuzione dell’imperatore Diocleziano. Un soldato dell’esercito di Diocleziano, San Giorgio si rifiutò di arrestare i cristiani e di offrire sacrifici agli dei romani. Nonostante le tangenti di Diocleziano per cambiare idea, San Giorgio rifiutò l’ordine e fu torturato e infine giustiziato per i suoi reati. Viene invocato contro le malattie della pelle e la paralisi.

St. Blase: un altro martire del IV secolo, la morte di St. Blase è molto simile a quella di San Giorgio. Vescovo in Armenia durante un periodo di persecuzione cristiana, St. Blase fu infine costretto a fuggire nella foresta per evitare la morte. Un giorno un gruppo di cacciatori trovò St. Blase, lo arrestò e lo riportò alle autorità. Ad un certo punto dopo il suo arresto, una madre con un figlio che aveva una spina di pesce pericolosamente bloccata in gola visitò St. Blase e, alla sua benedizione, l’osso si staccò e il ragazzo fu salvato. St. Blase fu ordinato dal governatore della Cappadocia di denunciare la sua fede e il suo sacrificio agli dei pagani. Ha rifiutato ed è stato brutalmente torturato e alla fine decapitato per questo reato. Viene invocato contro le malattie della gola.

Sant’Erasmo: un vescovo di Formia del IV secolo, Sant’Erasmo (noto anche come Sant’Elmo) ha affrontato la persecuzione sotto l’imperatore Diocleziano. Secondo la leggenda, fuggì per un po ‘sul Monte Libano per sfuggire alla persecuzione, dove fu nutrito da un corvo. Dopo essere stato scoperto, fu arrestato e imprigionato, ma fece più fughe miracolose con l’aiuto di un angelo. Ad un certo punto è stato torturato facendo estrarre parte del suo intestino da hot rod. Alcuni resoconti dicono che fu guarito miracolosamente da queste ferite e morì per cause naturali, mentre altri dicono che questa fu la causa del suo martirio. Sant’Erasmo è invocato da chi soffre di dolori e disturbi di stomaco e dalle donne in travaglio.

San Pantaleone: un altro martire del IV secolo perseguitato sotto Diocleziano, San Pantaleone era figlio di un ricco pagano, ma fu istruito nel cristianesimo da sua madre e un sacerdote. Ha lavorato come medico presso l’imperatore Massiminiano. Secondo la leggenda, San Pantaleone fu denunciato come cristiano all’imperatore dai suoi coetanei gelosi della sua ricca eredità. Quando si rifiutò di adorare falsi dei, San Pantaleone fu torturato e il suo omicidio fu tentato con vari metodi: torce accese sulla sua carne, un bagno di piombo liquido, gettato in mare legato a una pietra e così via. Ogni volta, è stato salvato dalla morte da Cristo, che è apparso sotto forma di sacerdote. San Pantaleone fu decapitato con successo solo dopo aver desiderato il proprio martirio. È invocato come santo patrono di medici e ostetriche.

San Vito: Anche un martire del IV secolo perseguitato da Diocleziano, San Vito era figlio di un senatore in Sicilia e divenne cristiano sotto l’influenza della sua nutrice. Secondo la leggenda, San Vito ispirò molte conversioni e compì molti miracoli, il che fece arrabbiare coloro che odiavano il cristianesimo. San Vito, la sua nutrice cristiana e suo marito, furono denunciati all’imperatore, che ordinò loro di essere messi a morte quando si rifiutarono di rinunciare alla loro fede. Come San Pantaleone, furono fatti molti tentativi per ucciderli, compreso il rilascio di loro ai leoni nel Colosseo, ma furono miracolosamente consegnati ogni volta. Alla fine sono stati messi a morte sulla rastrelliera. San Vito è invocato contro l’epilessia, la paralisi e le malattie del sistema nervoso.

San Cristoforo:Un martire del III secolo originariamente chiamato Reprobus, era figlio di pagani e aveva inizialmente promesso il suo servizio a un re pagano ea Satana. Alla fine, la conversione di un re e l’istruzione di un monaco portarono Reprobo a convertirsi al cristianesimo, e fu chiamato a usare la sua forza e i suoi muscoli per aiutare a trasportare le persone attraverso un torrente impetuoso dove non c’erano ponti. Una volta stava portando in grembo un bambino che si annunciava come Cristo e dichiarava che il Reprobo si sarebbe chiamato “Cristoforo” – o portatore di Cristo. L’incontro riempì Christopher di zelo missionario e tornò a casa in Turchia per convertire quasi 50.000. Irritato, l’imperatore Decio fece arrestare, imprigionare e torturare Cristoforo. Mentre fu liberato da molte torture, incluso essere stato colpito da frecce, Christopher fu decapitato intorno all’anno 250.

St. Denis: Ci sono resoconti contrastanti di St. Denis, con alcuni resoconti che affermano che fu convertito al cristianesimo ad Atene da St. Paul, e poi divenne il primo vescovo di Parigi nel I secolo. Altri resoconti affermano che fosse un vescovo di Parigi ma un martire del terzo secolo. Quello che si sa è che era un missionario zelante che alla fine arrivò in Francia, dove fu decapitato a Montmartre – il Monte dei Martiri – un luogo dove molti primi cristiani furono uccisi per la fede. Viene invocato contro gli attacchi demoniaci.

San Ciriaco: un altro martire del 4 ° secolo, San Ciriaco, un diacono, fu in realtà favorito dall’imperatore Diocleziano dopo aver curato la figlia dell’imperatore nel nome di Gesù, e poi l’amico dell’imperatore. Secondo il Catholicism.org e The Fourteen Holy Helpers, di p. Bonaventure Hammer, OFM, dopo la morte di Diocleziano, il suo successore, l’imperatore Massimino, aumentò la persecuzione dei cristiani e imprigionò Ciriaco, che fu torturato alla rastrelliera e decapitato per aver rifiutato di rinunciare al cristianesimo. È il patrono di coloro che soffrono di malattie agli occhi.

Sant’Acacio: un martire del IV secolo sotto l’imperatore Galerio, Sant’Acacio era un capitano dell’esercito romano quando sentì una voce che gli diceva di “invocare l’aiuto del Dio dei cristiani”, secondo la tradizione. Ha obbedito alla voce e ha subito chiesto il battesimo nella fede cristiana. Si accinse con zelo a convertire i soldati dell’esercito, ma fu presto denunciato all’imperatore, torturato e mandato davanti a un tribunale per essere interrogato, dinanzi al quale rifiutò nuovamente di denunciare la sua fede. Dopo molte altre torture, da alcune delle quali fu miracolosamente guarito, Sant’Acacio fu decapitato nell’anno 311. È il santo patrono di coloro che soffrono di emicrania.

Sant’Eustachio: poco si sa di questo martire del II secolo, perseguitato sotto l’imperatore Traiano. Secondo la tradizione, Eustachio era un generale dell’esercito che si convertì al cristianesimo dopo una visione di un Crocifisso apparso tra le corna di un cervo mentre era a caccia. Ha convertito la sua famiglia al cristianesimo e lui e sua moglie sono stati bruciati a morte dopo aver rifiutato di partecipare a una cerimonia pagana. Viene invocato contro gli incendi.

St. Giles: Uno dei successivi Santi Ausiliari e l’unico definitivamente noto per non essere un martire, St. Giles divenne un monaco del VII secolo nella zona di Atene, nonostante la sua nascita alla nobiltà. Alla fine si ritirò nel deserto per fondare un monastero sotto il dominio di San Benedetto, ed era rinomato per la sua santità e per i miracoli che compiva. Secondo Catholicism.org, una volta consigliò anche a Charles Martel, nonno di Carlo Magno, di confessare un peccato che lo aveva pesato. Giles morì pacificamente intorno all’anno 712 ed è invocato contro malattie paralizzanti.

Santa Margherita d’Antiochia: un’altra martire del IV secolo perseguitata da Diocleziano, Santa Margherita, come San Vito, si convertì al cristianesimo sotto l’influenza della sua nutrice, facendo arrabbiare suo padre e costringendolo a rinnegarla. Una vergine consacrata, Margaret un giorno si prendeva cura di greggi di pecore quando un romano la vide e cercò di farne sua moglie o concubina. Quando ha rifiutato, il romano ha fatto portare Margaret davanti a un tribunale, dove le è stato ordinato di denunciare la sua fede o morire. Ha rifiutato e le è stato ordinato di essere bruciata e bollita viva, e miracolosamente è stata risparmiata da entrambi. Alla fine, è stata decapitata. È invocata come protettrice delle donne incinte e di coloro che soffrono di malattie renali.

Santa Barbara: Sebbene si sappia poco di questa martire del III secolo, si pensa che Santa Barbara fosse la figlia di un uomo ricco e geloso che cercava di tenere Barbara fuori dal mondo. Quando lei gli confessò di essersi convertita al cristianesimo, lui la denunciò e la portò davanti alle autorità locali, che ordinarono che fosse torturata e decapitata. Secondo la leggenda, suo padre ha fatto la decapitazione, per la quale è stato colpito da un fulmine poco dopo. Santa Barbara è invocata contro gli incendi e i temporali.

Santa Caterina d’Alessandria: martire del IV secolo, Santa Caterina era la figlia della regina d’Egitto e si convertì al cristianesimo dopo una visione di Cristo e Maria. Anche la regina si convertì al cristianesimo prima della sua morte. Quando Massimino iniziò a perseguitare i cristiani in Egitto, Santa Caterina lo rimproverò e tentò di dimostrargli che i suoi dei erano falsi. Dopo aver discusso con i migliori studiosi dell’imperatore, molti dei quali si convertirono a causa delle sue argomentazioni, Caterina fu flagellata, imprigionata e infine decapitata. È la patrona dei filosofi e dei giovani studenti.

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo