I ricercatori studiano il ministero e la vita degli esorcisti cattolici

Un gruppo di accademici europei ha iniziato a svolgere nuove limitate ricerche sul ministero degli esorcisti cattolici, con la speranza di ampliare la portata del loro studio in futuro.

Un membro del gruppo di ricerca, Giovanni Ferrari, ha stimato che il gruppo è il “primo al mondo” a svolgere questo livello di ricerca sul ministero dell’esorcismo nella Chiesa cattolica, che spesso non è ben documentato dai ricercatori accademici. Ha aggiunto che gli studiosi vogliono continuare quello che hanno iniziato ed espandersi in più paesi.

A causa della delicatezza dell’argomento e della necessaria privacy delle persone coinvolte, le statistiche nazionali e internazionali sul ministero dell’esorcismo, come quanti esorcisti cattolici ci sono nel mondo, in gran parte non esistono.

Il gruppo di ricercatori, appartenente all’Università di Bologna e al GRIS (gruppo di ricerca sull’informazione socio-religiosa) ha realizzato il proprio progetto dal 2019 al 2020, con il supporto dell’Istituto Sacerdos, che è collegato al Pontificio Istituto Regina Apostolorum.

L’obiettivo dello studio era identificare la presenza di esorcisti nelle diocesi cattoliche, concentrandosi sui paesi di Irlanda, Inghilterra, Svizzera, Italia e Spagna. I dati sono stati raccolti tramite questionario.

I risultati della ricerca sono stati presentati durante un webinar del 31 ottobre dell’Istituto Sacerdos.

Anche se alcune diocesi non hanno risposto o hanno rifiutato di condividere informazioni sul numero di esorcisti, è stato possibile raccogliere alcune informazioni limitate e hanno mostrato che nei paesi esaminati la maggioranza delle diocesi aveva la presenza di almeno un esorcista.

Il progetto ha avuto qualche intoppo, ha detto il ricercatore Giuseppe Frau, indicando la natura delicata della materia e il fatto che il gruppo è stato “pioniere” in una nuovissima area di ricerca. È stato notato che i tassi di risposta ai sondaggi erano piuttosto alti, ma in alcuni casi la diocesi non ha risposto o è stata male informata sul ministero degli esorcismi in generale.

In Italia, il gruppo ha contattato 226 diocesi cattoliche, di cui 16 non hanno risposto o hanno rifiutato di partecipare. Attendono ancora di ricevere le risposte di 13 diocesi.

Centosessanta diocesi italiane hanno risposto affermativamente al sondaggio, affermando di avere almeno un esorcista designato, e 37 hanno risposto di non avere un esorcista.

Dalle risposte è emerso anche che il 3,6% delle diocesi italiane ha personale specializzato intorno al ministero dell’esorcismo ma che il 2,2% ha una pratica illecita del ministero da parte di sacerdoti o di laici.

Il coordinatore dell’Istituto Sacerdos p. Luis Ramirez ha detto il 31 ottobre che il gruppo vuole continuare la ricerca iniziata e ha ricordato ai telespettatori del webinar l’importanza di evitare una mentalità di superstizione o di esaltazione.

La ricercatrice Francesca Sbardella ha affermato di aver trovato interessante guardare al rapporto tra le autorità ecclesiastiche e la prassi quotidiana dell’esorcismo in una diocesi.

Ha anche detto che un’area che necessita di ulteriori studi è la delimitazione tra gli esorcisti diocesani nominati e stabili e quelli nominati caso per caso.

Sbardella ha detto che il progetto iniziale è un inizio per delineare alcune informazioni e per decidere dove concentrare i prossimi passi. Mostra anche le lacune esistenti nei ministeri diocesani di esorcismo.

Sacerdote domenicano ed esorcista p. Francois Dermine ha presentato brevemente durante il webinar, sottolineando l’isolamento e la mancanza di sostegno che un sacerdote esorcista può sentire all’interno della sua diocesi.

A volte, dopo che un vescovo ha nominato un esorcista nella sua diocesi, il sacerdote viene lasciato solo e senza supporto, ha detto, sottolineando che l’esorcista ha bisogno dell’attenzione e della cura della gerarchia della Chiesa.

Mentre i ricercatori hanno affermato che alcune diocesi e singoli esorcisti hanno riferito che i casi di oppressione diabolica, vessazione e possessione sono rari, Dermine ha affermato che la sua esperienza è che “i casi non sono scarsi, sono molto numerosi”.

Esorcista in Italia da oltre 25 anni, Dermine ha spiegato che di coloro che si presentano a lui, i possedimenti demoniaci sono i meno comuni, con casi di vessazione, oppressione o attacchi del diavolo sono eventi molto più frequenti.

Dermine ha anche sottolineato l’importanza di un esorcista che abbia “vera fede”. Avere facoltà dal vescovo non è sufficiente, ha affermato.

L’Istituto Sacerdos organizza ogni anno un corso di esorcismo e preghiere di liberazione per i sacerdoti e per coloro che li assistono. La 15a edizione, prevista per questo mese, è stata sospesa a causa di COVID-19.

Credere significa affidarsi a Dio.

Credere significa affidarsi a Dio.

Regole di Dio per vivere meglio.

Regole di Dio per vivere meglio.

Angelo custode: perché ci viene donato ?

Angelo custode: perché ci viene donato ?

I Santi in cielo non sanno degli affari sulla terra? scoprilo!

I Santi in cielo non sanno degli affari sulla terra? scoprilo!

L'aborto e la pedofilia due grandi ferite per la Chiesa cattolica

L'aborto e la pedofilia due grandi ferite per la Chiesa cattolica

Religione: le donne non sono considerate seriamente dalla società

Religione: le donne non sono considerate seriamente dalla società

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus

La polizia britannica interrompe il battesimo nella chiesa di Londra per le restrizioni sul coronavirus