I vescovi cattolici australiani cercano risposte sui miliardi di misteri legati al Vaticano

I vescovi cattolici australiani stanno valutando la possibilità di sollevare domande con l’autorità di controllo finanziario del paese sul fatto che qualche organizzazione cattolica fosse tra i destinatari di miliardi di dollari australiani in trasferimenti presumibilmente dal Vaticano.

L’AUSTRAC, l’agenzia di intelligence finanziaria australiana, ha rivelato a dicembre che l’equivalente di circa 1,8 miliardi di dollari USA era stato inviato in Australia dal Vaticano o da entità collegate al Vaticano dal 2014.

Secondo quanto riferito, il denaro è stato inviato in circa 47.000 trasferimenti separati.

I trasferimenti sono stati segnalati per la prima volta dal quotidiano The Australian dopo essere stati resi pubblici in risposta a un’interrogazione parlamentare della senatrice australiana Concetta Fierravanti-Wells.

I vescovi cattolici australiani hanno affermato di non essere a conoscenza di diocesi, enti di beneficenza o organizzazioni cattoliche nel paese che ricevono i fondi, e anche i funzionari vaticani hanno negato la conoscenza dei trasferimenti, secondo Reuters.

Un funzionario vaticano ha detto a Reuters che “quella somma di denaro e quel numero di trasferimenti non ha lasciato la Città del Vaticano” e che il Vaticano avrebbe anche chiesto maggiori dettagli alle autorità australiane.

“Non sono soldi nostri perché non abbiamo quel tipo di soldi”, ha detto a Reuters il funzionario, che ha chiesto di rimanere anonimo.

L’arcivescovo Mark Coleridge, presidente della conferenza episcopale australiana, ha detto a The Australian che sarebbe stato possibile chiedere all’AUSTRAC se le organizzazioni cattoliche fossero state le destinatarie dei fondi.

L’australiano ha anche riferito che i vescovi stavano lavorando a un appello direttamente a papa Francesco, chiedendogli di indagare sull’origine e la destinazione delle migliaia di trasferimenti vaticani.

Un altro rapporto dell’Australiano ha suggerito che i trasferimenti da “Città del Vaticano, sue entità o individui” potrebbero provenire da “conti cifrati”, che hanno nomi della Città del Vaticano ma non sono usati a beneficio del Vaticano o con denaro vaticano.

Le notizie di un trasferimento di denaro dal Vaticano all’Australia risalgono all’inizio di ottobre, quando il quotidiano italiano Corriere della Sera riferì che un presunto trasferimento di denaro faceva parte di un dossier di prove compilato dagli investigatori vaticani e dai procuratori contro il cardinale Angelo Becciu.

Il cardinale è stato costretto a dimettersi da Papa Francesco il 24 settembre, secondo quanto riferito in relazione a molteplici scandali finanziari risalenti ai suoi tempi come funzionario di secondo grado presso la Segreteria di Stato vaticana.

Si presume che circa 829.000 dollari siano stati inviati in Australia dal Vaticano durante il processo contro il cardinale George Pell.

La CNA non ha confermato la sostanza dell’accusa e il cardinale Becciu ha ripetutamente negato ogni illecito o tentativo di influenzare il processo del cardinale Pell.

A seguito dei rapporti, l’AUSTRAC ha trasmesso i dettagli dei trasferimenti alla polizia federale e statale nello stato australiano di Victoria.

Alla fine di ottobre, la polizia di stato ha dichiarato di non avere piani per ulteriori indagini sulla questione. La polizia federale ha detto che stava esaminando le informazioni ricevute e le aveva anche condivise con una commissione anti-corruzione

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo