I vescovi francesi lanciano un secondo appello legale per ripristinare le messe pubbliche per tutti

La Conferenza episcopale francese ha annunciato venerdì che presenterà un altro appello al Consiglio di Stato, chiedendo un limite di 30 persone proposto per le messe pubbliche durante l’Avvento “ inaccettabile.”

In una dichiarazione rilasciata il 27 novembre, i vescovi hanno affermato di “avere il dovere di garantire la libertà di culto nel nostro Paese” e quindi depositeranno un’altra “référé liberté” presso il Consiglio di Stato in merito alle ultime restrizioni governative sul coronavirus alla partecipazione alla Messa. .

Una “référé liberté” è un procedimento amministrativo urgente che viene presentato come petizione a un giudice per la tutela dei diritti fondamentali, in questo caso, il diritto alla libertà di culto. Il Consiglio di Stato consiglia e giudica il governo francese sulla sua conformità con la legge.

I cattolici francesi sono stati senza messe pubbliche dal 2 novembre a causa del rigoroso secondo blocco della Francia. Il 24 novembre, il presidente Emmanuel Macron ha annunciato che il culto pubblico potrebbe riprendere il 29 novembre ma sarà limitato a 30 persone per chiesa.

L’annuncio ha suscitato una forte reazione da parte di molti cattolici, tra cui diversi vescovi.

“È una misura totalmente stupida che contraddice il buon senso”, ha detto il 25 novembre l’arcivescovo Michel Aupetit di Parigi, secondo il quotidiano francese Le Figaro.

L’arcivescovo, che ha praticato la medicina per più di 20 anni, ha continuato: “Trenta persone in una piccola chiesa del villaggio, si capisce, ma a Saint-Sulpice è ridicolo! Duemila parrocchiani vengono in certe parrocchie di Parigi e noi ci fermeremo a 31 … È ridicolo “.

Saint-Sulpice è la seconda chiesa cattolica più grande di Parigi dopo la Cattedrale di Notre-Dame de Paris.

Una dichiarazione rilasciata dall’arcidiocesi di Parigi il 27 novembre ha affermato che le misure del governo avrebbero potuto “facilmente consentire la ripresa della Messa in pubblico per tutti, applicando un rigoroso protocollo sanitario e garantendo la protezione e la salute di tutti”.

Oltre a presentare la “référé liberté”, una delegazione di vescovi francesi incontrerà anche il primo ministro il 29 novembre. La delegazione includerà l’arcivescovo Éric de Moulins-Beaufort, presidente della Conferenza episcopale francese.

L’appello iniziale dei vescovi francesi all’inizio di questo mese è stato respinto dal Consiglio di Stato il 7 novembre. Ma in risposta, il giudice ha specificato che le chiese sarebbero rimaste aperte e che i cattolici avrebbero potuto visitare una chiesa vicino alle loro case, indipendentemente dalla distanza, se hanno svolto le pratiche burocratiche necessarie. Ai sacerdoti sarebbe stato anche permesso di visitare le persone nelle loro case e ai cappellani sarebbe stato permesso di visitare gli ospedali.

La Francia è stata duramente colpita dalla pandemia di coronavirus, con oltre due milioni di casi registrati e oltre 50.000 morti al 27 novembre, secondo il Johns Hopkins Coronavirus Resource Center.

A seguito della decisione del Consiglio di Stato, i vescovi hanno proposto un protocollo di riapertura delle liturgie pubbliche a un terzo della capacità di ciascuna chiesa, con un maggiore allontanamento sociale.

La dichiarazione della conferenza episcopale ha chiesto ai cattolici francesi di attenersi alle regole del governo in attesa dell’esito della loro sfida legale e dei negoziati.

Nelle ultime settimane i cattolici sono scesi in piazza nelle principali città del Paese per protestare contro il divieto pubblico di messa, pregando insieme fuori dalle loro chiese.

“Possa l’uso della legge aiutare a calmare gli spiriti. È chiaro a tutti noi che la Messa non può diventare un luogo di lotta… ma rimanere un luogo di pace e di comunione. La prima domenica di Avvento dovrebbe portarci pacificamente al Cristo che viene ”, hanno detto i vescovi

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo