I vescovi giapponesi sollecitano la solidarietà mentre i suicidi aumentano sotto le ricadute del COVID

Mentre il numero di suicidi in Giappone aumenta tra le continue ricadute della pandemia di coronavirus, i vescovi del paese hanno rilasciato una dichiarazione per l’anniversario di un anno dalla visita di Papa Francesco lo scorso anno, chiamando, tra le altre cose, la solidarietà con i poveri e la fine della discriminazione contro gli infetti.

Alla luce di COVID-19, “Dobbiamo riconoscerci l’un l’altro come fratelli e sorelle e costruire le nostre relazioni quotidiane, società, politiche e sistemi sociali basati sulla fraternità, il dialogo e la fratellanza”, hanno affermato i vescovi giapponesi in una dichiarazione firmata dall’arcivescovo Joseph. Takami di Nagasaki, che guida la Conferenza episcopale giapponese.

Pubblicata il 23 novembre in coincidenza con il primo anno dell’arrivo di Papa Francesco in Giappone lo scorso anno, la dichiarazione dei vescovi ha osservato che il mondo moderno è pieno di un catalogo di idee e azioni che “negano o distruggono le relazioni fraterne”.

Questi atteggiamenti, hanno detto, “includono l’indifferenza all’egoismo e al bene comune, il controllo attraverso la logica del profitto e del mercato, il razzismo, la povertà, la disuguaglianza dei diritti, l’oppressione delle donne, i rifugiati e la tratta di esseri umani”.

Di fronte a questa situazione, i vescovi hanno sottolineato la necessità di essere “buoni vicini ai sofferenti e ai deboli come il buon Samaritano nella parabola di Gesù”.

Per fare questo, hanno detto, “dobbiamo imitare l’amore di Dio ed uscire da noi stessi per rispondere alla speranza degli altri per una vita migliore, perché anche noi siamo povere creature che ricevono la misericordia di Dio”.

La dichiarazione dei vescovi ha coinciso con l’anniversario di un anno della visita di Papa Francesco in Giappone dal 23 al 36 novembre, che faceva parte di un più ampio viaggio in Asia dal 19 al 26 novembre che includeva anche una sosta in Thailandia. Mentre era in Giappone, Francesco visitò le città di Nagasaki e Hiroshima, che furono colpite dalle bombe atomiche nell’agosto 1945 durante la seconda guerra mondiale.

Nella loro dichiarazione, i vescovi giapponesi hanno ricordato il tema della visita del papa, che era “Proteggere tutta la vita”, e hanno suggerito di fare di questo motto “una linea guida per la vita”.

Oltre a chiedere l’abolizione dell’arsenale nucleare globale e sottolineare l’importanza della cura dell’ambiente, i vescovi hanno anche indicato diversi temi emersi durante la visita del papa, tra cui il martirio, i disastri naturali, la discriminazione e il bullismo e lo scopo della vita.

Parlando di catastrofi naturali, i vescovi hanno insistito sulla necessità che le vittime ricevano cibo e riparo, e hanno espresso la loro solidarietà con “i poveri che soffrono di inquinamento ambientale, coloro che sono costretti a vivere come rifugiati, coloro che non hanno cibo per la giornata e coloro che sono vittime della disparità economica “.

L’appello alla solidarietà con gli affamati e coloro che soffrono di difficoltà economiche è particolarmente potente per il Giappone, visti i crescenti tassi di suicidio della nazione negli ultimi mesi, che molti esperti sostengono sia collegato alle ricadute del bilancio finanziario della pandemia COVID-19.

Secondo un recente rapporto dell’ufficio di Tokyo della CNN, solo nel mese di ottobre sono state uccise più vite per suicidio in Giappone che per COVID-19 durante l’intero anno. Ad ottobre sono stati segnalati 2.153 suicidi, contro il numero totale di coronavirus del Paese di 2.087.

Il Giappone è uno dei pochi paesi che non ha avuto un blocco nazionale e, rispetto ad altri paesi, l’impatto del coronavirus è stato relativamente basso, un fatto che ha fatto temere ad alcuni esperti l’impatto a lungo termine del COVID sui paesi che hanno resistito restrizioni più lunghe e più rigorose.

Un paese che tradizionalmente si colloca tra i più alti al mondo per quanto riguarda il suicidio, il Giappone negli ultimi dieci anni ha visto un calo del numero di persone che si tolgono la vita: fino a COVID.

Ora, lo stress delle lunghe ore di lavoro, la pressione della scuola, i lunghi periodi di isolamento e lo stigma culturale che circonda coloro che sono stati infettati o che hanno lavorato a fianco degli infetti hanno avuto un impatto, in particolare sulle donne, che tipicamente costituiscono la maggior parte del forza lavoro in lavori con pesanti licenziamenti legati al coronavirus come hotel, servizi di ristorazione e vendita al dettaglio, ha rilevato la CNN.

Le donne che hanno mantenuto il lavoro hanno dovuto affrontare una riduzione dell’orario di lavoro o, per quelle che sono madri, hanno sopportato lo stress aggiuntivo di destreggiarsi tra il lavoro e le esigenze di assistenza all’infanzia e di apprendimento a distanza.

I giovani stessi costituiscono gran parte dei suicidi in Giappone e l’isolamento sociale e la pressione derivante dal rimanere indietro a scuola hanno solo aggravato l’ansia che molti giovani potrebbero già provare.

Alcune organizzazioni si sono attivate per offrire aiuto a coloro che soffrono di depressione o ansia, offrendo assistenza tramite messaggi di testo o una linea di assistenza telefonica, oltre a lavorare per rompere lo stigma che circonda le lotte di salute mentale. Tuttavia, con i numeri COVID ancora in aumento a livello globale, ci sono migliaia che potrebbero essere ancora a rischio.

Nella loro dichiarazione, i vescovi giapponesi hanno affermato che la pandemia ha costretto a rendersi conto di quanto “fragile sia la vita umana e di quante persone contiamo per vivere”.

“Dobbiamo rendere grazie per la grazia di Dio e il sostegno degli altri”, hanno detto, e hanno criticato coloro che discriminano le persone infettate dal virus, le loro famiglie e gli operatori sanitari che cercano di salvare vite.

“Dovremmo piuttosto essere vicini a coloro che soffrono, per sostenerli e incoraggiarli”, hanno detto

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo