I vescovi mirano a anticipare il dibattito sull’aborto in Argentina

Per la seconda volta in tre anni, l’Argentina, nativa di Papa Francesco, sta discutendo sulla depenalizzazione dell’aborto, che il governo vuole rendere “legale, gratuito e sicuro” in ogni centro sanitario del Paese durante le prime 14 settimane di gravidanza, mentre gli ospedali sono ancora alle prese con la pandemia COVID-19.

Era una lotta che i pro-life in Argentina sapevano sarebbe arrivata. Il presidente Alberto Fernandez aveva promesso di presentare il disegno di legge a marzo, ma ha dovuto rimandare dopo che la crisi del coronavirus lo ha costretto a chiedere alla nazione che conduce di restare a casa perché “l’economia può rialzarsi, ma una vita che si perde, non può. “

Nel 2018, quando l’allora presidente Mauricio Macri permise che l’aborto venisse discusso al Congresso per la prima volta in 12 anni, molti nel campo pro-aborto accusarono la Chiesa cattolica e i vescovi argentini di ingerenza. In quell’occasione la gerarchia ha rilasciato una manciata di dichiarazioni ma molti laici hanno protestato per quello che hanno percepito come il “silenzio” dei vescovi.

Questa volta, tuttavia, i vescovi sembrano determinati a essere più propositivi.

Una fonte vicina ai vescovi ha detto a Crux che l’intenzione della Chiesa è quella di “far partire ” il dibattito. Ha scelto specificamente questo verbo, che tecnicamente non esiste in spagnolo, ma che è stato spesso usato da Papa Francesco nella sua esortazione apostolica Evangelii gaudium e in altre occasioni.

Tradotto ufficialmente in inglese come “fare il primo passo”, il verbo significa non solo fare il primo passo, ma farlo prima di qualcosa o qualcun altro. Nell’esortazione, Francesco ha invitato i cattolici a essere missionari, a uscire dalle loro zone di comfort ed essere evangelizzatori cercando chi è in periferia.

Nel caso dell’Argentina e dell’aborto, i vescovi hanno scelto di “innescare” Fernandez intervenendo prima che il presidente presentasse ufficialmente la legge sull’aborto. Hanno rilasciato una dichiarazione il 22 ottobre, sottolineando la contraddizione di rendere l’aborto ampiamente disponibile in Argentina mentre il governo continua a chiedere alle persone di rimanere a casa per salvare le loro vite.

In quella dichiarazione, i prelati avevano criticato i piani di Fernandez di depenalizzare l’aborto definendolo “insostenibile e inappropriato”, sia da un punto di vista etico che nelle circostanze attuali.

Per cercare di prevenire le critiche dei nemici dell’aborto, il governo ha anche presentato un disegno di legge per dare un aiuto finanziario alle madri durante i primi 1.000 giorni di vita del bambino, un conto alla rovescia che inizia durante la gravidanza. In generale, la manovra sembra essersi ritorta contro. Ha causato clamore da parte dei gruppi pro-aborto, che lo vedono come un modo possibile per manipolare le donne che potrebbero desiderare un aborto per avere il bambino; I gruppi pro-vita, nel frattempo, lo considerano ironico: “Se una madre vuole il bambino, allora è un bambino … se no, che cos’è?” una ONG pro-vita ha twittato questa settimana.

Il presidente ha inviato il disegno di legge al Congresso il 17 novembre . In un video ha detto “è sempre stato mio impegno che lo Stato accompagnasse tutte le gestanti nei loro progetti di maternità e si prendesse cura della vita e della salute di chi decide di interrompere la gravidanza. Lo stato non deve ignorare nessuna di queste realtà “.

Il presidente ha anche affermato che l’aborto “avviene” in Argentina ma in “illegalità”, aumentando il numero di donne che muoiono ogni anno a causa dell’interruzione volontaria della gravidanza.

Centinaia di esperti sono stati ascoltati dal Congresso, ma solo due erano chierici: il vescovo Gustavo Carrara, ausiliare di Buenos Aires, e padre Jose Maria di Paola, entrambi membri del gruppo dei “sacerdoti delle baraccopoli”, che vivono e ministrano nelle baraccopoli di Buenos Aires.

Un’organizzazione ombrello pro-vita che riunisce cattolici, evangelici e atei sta organizzando una manifestazione a livello nazionale per il 28 novembre. Anche lì la conferenza episcopale spera che i laici prendano l’iniziativa. Ma nel frattempo continueranno a parlare attraverso dichiarazioni, interviste, redazioni di articoli e sui social media.

E più Fernandez preme per confondere la Chiesa, più i vescovi risponderanno, ha detto una fonte. Diversi osservatori hanno riconosciuto nelle ultime settimane che Fernandez preme per discutere ancora una volta che l’aborto è una distrazione dalla crescente disoccupazione e dal fatto che oltre il 60 per cento dei bambini del paese vive sotto la soglia di povertà.

Giovedì, parlando a una stazione radio dell’opposizione della Chiesa al disegno di legge, Fernandez ha detto: “Sono cattolico, ma ho bisogno di risolvere un problema di salute pubblica”.

Senza ulteriori suggerimenti, ha anche detto che nella storia della Chiesa ci sono stati diversi “punti di vista” sulla questione, e ha affermato che “o San Tommaso o Sant’Agostino hanno detto che c’erano due tipi di aborto, uno che meritava una punizione e uno che non lo fa. E hanno visto gli aborti tra i 90 ei 120 giorni come aborti non punitivi “.

Sant’Agostino, che morì nel 430 d.C., distingueva tra un feto prima o dopo “l’animazione”, con la scienza disponibile che si crede sia accaduto alla fine del primo trimestre, quando la maggior parte delle donne incinte iniziano a sentire il bambino muoversi. Eppure ha definito l’aborto un male grave, anche se non poteva, in senso strettamente morale, considerarlo un omicidio, perché la scienza del giorno, basata sulla biologia aristotelica, no.

Tommaso d’Aquino aveva un pensiero simile, parlando di “lussuriosa crudeltà”, “metodi stravaganti” per evitare gravidanze o se, senza successo, “distruggere il seme concepito in qualche modo prima della nascita, preferendo che la sua prole perisca piuttosto che ricevere vitalità; o se stava avanzando alla vita nel grembo materno, dovrebbe essere ucciso prima che nascesse. “

Secondo Fernandez, “la Chiesa ha sempre valutato l’esistenza dell’anima prima del corpo, e allora ha sostenuto che c’era un momento in cui la madre annunciava l’ingresso dell’anima nel feto, tra i giorni 90 e 120, perché sentiva il movimento nel suo grembo, i famosi piccoli calci. “

“Ho detto questo molto al [Cardinale Pietro Parolin], il Segretario di Stato [del Vaticano] quando ho visitato il Papa a febbraio, e ha cambiato argomento”, ha detto Fernandez, prima di concludere dicendo: “L’unica cosa che questo mostra è che è un dilemma del passato di un grande ramo della Chiesa “.

L’elenco dei vescovi e dei sacerdoti che si sono espressi in un modo o nell’altro sul disegno di legge è lungo, poiché l’elenco dei laici, delle organizzazioni come le università cattoliche e dei conglomerati di avvocati e medici che hanno respinto il disegno di legge è lungo e il suo contenuto ripetitivo.

L’arcivescovo Victor Manuel Fernandez di La Plata, spesso considerato uno degli scrittori di fantasmi di Papa Francesco e uno stretto alleato della conferenza episcopale argentina, ha sintetizzato le argomentazioni dicendo che i diritti umani non saranno mai pienamente difesi se negati ai bambini ancora da esserlo Nato.

“I diritti umani non saranno mai pienamente difesi se li neghiamo ai bambini che nasceranno”, ha detto durante una celebrazione del Te Deum per il 138 ° anniversario della fondazione della città di La Plata.

Nella sua omelia, Fernandez ha ricordato che Papa Francesco “propone l’apertura universale dell’amore, che non è tanto il rapporto con gli altri Paesi, ma l’atteggiamento di apertura a tutti, compresi i diversi, gli ultimi, i dimenticati, gli abbandonati. “

Eppure questa proposta papale “non si comprende se non viene riconosciuta l’immensa dignità di ogni persona umana, la dignità inviolabile di ogni persona umana indipendentemente da qualsiasi circostanza”, ha detto. “La dignità di un essere umano non scompare se una persona si ammala, se diventa debole, se invecchia, se è povera, se è disabile o anche se ha commesso un crimine”.

Ha poi detto che “tra quelli scartati da una società che discrimina, esclude e dimentica ci sono bambini non nati”.

“Il fatto che non si siano ancora completamente sviluppati non toglie nulla alla loro dignità umana. Per questo motivo, i diritti umani non saranno mai pienamente difesi se li neghiamo ai bambini non ancora nati ”, ha detto l’arcivescovo.

Il presidente Fernandez e la campagna pro-aborto sostengono che sarebbe una soluzione per le donne che vivono in povertà e non possono permettersi di abortire in una clinica privata. Tuttavia, un gruppo di mamme delle baraccopoli di Buenos Aires ha scritto una lettera a Francesco, chiedendo per lui per aiutare la loro voce.

Un gruppo di mamme delle baraccopoli, che nel 2018 ha formato una “rete di reti” nei quartieri popolari per difendere la vita, ha scritto a Papa Francesco prima di un nuovo dibattito sull’aborto e del tentativo di qualche settore di generalizzare che questa pratica è una opzione per le donne povere.

Nella lettera al pontefice, hanno sottolineato che rappresentano una rete di “donne che lavorano fianco a fianco per prendersi cura della vita di tanti vicini: il bambino che è in gestazione e sua madre oltre a quella che è nata è tra noi e ha bisogno di aiuto. “

“Questa settimana, sentendo il Presidente della Nazione presentare la sua proposta di legge che cerca di legalizzare l’aborto, un freddo terrore ci ha invaso al solo pensiero che questo progetto è rivolto agli adolescenti dei nostri quartieri. Non tanto perché la cultura degli slum pensa all’aborto come soluzione a una gravidanza inaspettata (Sua Santità conosce bene il nostro modo di assumere la maternità tra zie, nonne e vicini), ma perché mira a coltivare l’idea che l’aborto sia una possibilità in più all’interno la gamma di metodi contraccettivi e che anche le principali utilizzatrici [dell’aborto] devono essere donne povere ”, hanno detto.

“Viviamo questo nuovo stereotipo ogni giorno dal 2018 nei centri di assistenza medica installati nei nostri quartieri”, hanno scritto, niente che quando vanno da un medico in una clinica di proprietà statale, sentono cose come: “Come stanno hai intenzione di crescere un altro bambino? Nella tua situazione è irresponsabile mettere al mondo un altro bambino “o” l’aborto è un diritto, nessuno può costringerti a essere madre “.

“Pensiamo con orrore che se questo accade nelle piccole cliniche e negli ospedali di Buenos Aires senza una legge sull’aborto, cosa succederà con il disegno di legge proposto, che garantisce alle ragazze di 13 anni l’accesso illimitato a questa orrenda pratica?” le donne hanno scritto.

“La nostra voce, come quella dei bambini non nati, non viene mai ascoltata. Ci hanno classificato come una “fabbrica dei poveri”; “lavoratori dello Stato”. La nostra realtà di donne che superano le sfide della vita con i nostri figli, è messa in ombra ”da donne che affermano di“ rappresentarci senza che noi diamo il nostro consenso, soffocando le nostre vere posizioni sul diritto alla vita. Non vogliono ascoltare noi, né i legislatori né i giornalisti. Se non avessimo i preti dei bassifondi che alzano la voce per noi, saremmo ancora più soli ”, hanno ammesso.

L'elemosiniere del papa mons.  Krajewski invita a ricordarsi dei poveri durante le vaccinazioni covid

L'elemosiniere del papa mons. Krajewski invita a ricordarsi dei poveri durante le vaccinazioni covid

Due italiani del XX secolo avanzano sulla via della santità

Due italiani del XX secolo avanzano sulla via della santità

Papa Francesco si congratula con la squadra di calcio La Spezia per la vittoria contro la Roma

Papa Francesco si congratula con la squadra di calcio La Spezia per la vittoria contro la Roma

Papa Francesco al clero venezuelano: servire con 'gioia e determinazione' in mezzo alla pandemia

Papa Francesco al clero venezuelano: servire con 'gioia e determinazione' in mezzo alla pandemia

43 sacerdoti cattolici sono morti nella seconda ondata di coronavirus in Italia

43 sacerdoti cattolici sono morti nella seconda ondata di coronavirus in Italia

Sacerdote cattolico in Nigeria trovato morto dopo il rapimento

Sacerdote cattolico in Nigeria trovato morto dopo il rapimento

"Le parole possono essere baci", ma anche "spade", scrive papa in un nuovo libro

"Le parole possono essere baci", ma anche "spade", scrive papa in un nuovo libro