Il battesimo del Signore: le tre considerazioni evangeliche da fare

Dopo che tutto il popolo fu battezzato e anche Gesù fu battezzato e stava pregando, il cielo fu aperto e lo Spirito Santo discese su di lui in forma corporea come una colomba. E una voce venne dal cielo: “Sei il mio diletto Figlio; con te sono molto contento. ” Luca 3: 21-22 (Anno C)

La festa di oggi segna la conclusione della stagione natalizia e l’inizio del tempo ordinario. È una festa di passaggio dalla vita nascosta di Gesù a quella del suo ministero pubblico. Inoltre, fa eco al tema dell’Epifania in quanto il Battesimo del Signore è un’altra manifestazione che annuncia la divinità di Gesù a tutti i suoi primi seguaci e ai discepoli di Giovanni Battista.

Prima di tutto, bisogna sottolineare che Gesù non aveva bisogno del battesimo di Giovanni. Giovanni stava battezzando come una chiamata e un segno di pentimento interiore. Gesù non aveva bisogno di pentirsi. Tuttavia, viene da John. All’inizio Giovanni resiste ma Gesù insiste. Perché ha ricevuto il battesimo?

Innanzitutto, accettando il battesimo di Giovanni, Gesù afferma tutto ciò che Giovanni ha detto e fatto e afferma il suo sacro ruolo di preparare la via per Gesù e per una nuova era di grazia. Pertanto, il Battesimo di Gesù funge da ponte tra i profeti dell’Antico Testamento (di cui Giovanni era l’ultimo) e l’era di grazia e verità del Nuovo Testamento.

In secondo luogo, è stato detto che quando Gesù entrò nelle acque del battesimo, non fu battezzato dalle acque, anzi, il suo battesimo fu uno in cui tutte le acque create di questo mondo furono, in un certo senso, “battezzate” da lui. Entrando nelle acque, Gesù ha santificato l’acqua e ha effuso la sua grazia rendendo tutta l’acqua la futura fonte di salvezza.

Terzo, il battesimo di Gesù fu un’epifania. È stato un momento di manifestazione. Quando emerse dalle acque, “Il cielo fu aperto e lo Spirito Santo discese su di lui in forma corporea come una colomba. E una voce venne dal Cielo: “Sei il mio amato Figlio; con te sono molto contento ‘”. Questa manifestazione della filiazione e della divinità di Gesù avvenne in una forma fisica, udibile e visibile in modo che tutti i presenti sapessero, senza dubbio, che Gesù era il Figlio del Padre. Pertanto, il Suo battesimo è un modo in cui il Padre ha introdotto la missione di Suo Figlio e suo Figlio nel mondo.

Mentre ci prepariamo per iniziare il Tempo Ordinario, rifletti, oggi, su queste parole del Padre nel Battesimo di Gesù. Ascolta il Padre che ti parla della divinità di Suo Figlio. Volgi gli occhi su Gesù e preparati a seguirLo e ad ascoltare ogni parola che parla. È stato mandato in questo mondo per attirarci al Padre, consentirgli di compiere quella missione nella tua stessa vita.

Signore, io credo che tu sei il Figlio dell’Eterno Padre e il Salvatore del mondo. Credo che tu abbia portato a una nuova era di grazia e verità e che sono chiamato a seguirti ovunque tu conduca. Mentre iniziamo questa stagione liturgica del Tempo Ordinario, possa essere un momento di straordinaria grazia in cui ascolto quotidianamente la tua voce. Gesù io credo in te.

Articoli correlati