Il cardinale che ha incontrato il papa venerdì ricoverato in ospedale con COVID-19

Due importanti cardinali vaticani, uno dei quali è stato visto parlare con Papa Francesco venerdì, sono risultati positivi al COVID-19. Uno di loro è in ospedale, a combattere la polmonite.

Il cardinale polacco Konrad Krajewski, 57 anni, punto di riferimento per la carità del papa nella città di Roma, lunedì si è recato al centro sanitario del Vaticano con sintomi di polmonite. Successivamente è stato trasferito all’ospedale Gemelli di Roma.

Anche il cardinale italiano Giuseppe Bertello, 78 anni, presidente del governatorato della Città del Vaticano, è risultato positivo al coronavirus, secondo le notizie italiane.

Il Vaticano ha annunciato che tutti coloro che sono stati in contatto con Krajewski negli ultimi giorni sono in fase di test, ma non ha chiarito se questo includa Papa Francesco. I due si sono parlati durante la meditazione finale dell’Avvento, il 18 dicembre. Durante il fine settimana, a nome dei senzatetto di Roma, il cardinale polacco ha inviato i girasoli del papa per il suo compleanno.

Lo stesso giorno, ha distribuito maschere per il viso e forniture mediche di base ai più poveri della città per conto del papa.

Krajewski – conosciuto in Vaticano come “Don Corrado” – è il mandamentario pontificio, istituzione risalente ad almeno 800 anni fa che si occupa di azioni caritative nella città di Roma per conto del pontefice.

La posizione ha ricevuto una nuova importanza sotto Francesco e Krajewski è ampiamente visto come uno dei più stretti collaboratori del pontefice.

Ciò è stato particolarmente vero durante la pandemia di coronavirus, che ha colpito duramente l’Italia: quasi 70.000 persone sono morte durante la crisi e la curva dell’infezione è di nuovo in crescita, con il governo che impone il coprifuoco per Natale e Capodanno.

Da quando è iniziata la crisi, il cardinale è stato incaricato non solo di aiutare i senzatetto e i poveri in Italia, ma anche in tutto il mondo, consegnando respiratori a nome del papa dove erano più necessari, tra cui Siria, Brasile e Venezuela.

A marzo, mentre guidava centinaia di miglia al giorno per consegnare cibo donato da aziende e fabbriche ai poveri di Roma, disse a Crux che era stato testato per COVID-19 e il risultato era stato negativo.

“L’ho fatto per il bene dei poveri e delle persone che lavorano con me – devono essere al sicuro”, ha spiegato.

Il dottor Andrea Arcangeli, capo dell’Ufficio Igiene e Salute vaticano, ha annunciato la scorsa settimana che il Vaticano prevede di vaccinare i suoi dipendenti e i cittadini della città-stato, nonché le famiglie dei dipendenti laici. Anche se il Vaticano deve ancora confermare se il papa otterrà il vaccino, è opinione diffusa che dovrà essere vaccinato prima del suo viaggio programmato dal 5 all’8 marzo in Iraq.

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo