Il direttore sanitario del Vaticano definisce i vaccini Covid “l’unica possibilità” per uscire dalla pandemia

Si prevede che nei prossimi giorni il Vaticano inizi a distribuire il vaccino Pfizer-BioNTech a cittadini e dipendenti, dando priorità al personale medico, a quelli con malattie specifiche e agli anziani, compresi i pensionati.

I dettagli del lancio rimangono scarsi, anche se negli ultimi giorni sono state fornite alcune indicazioni.

Parlando al quotidiano italiano Il Messaggero la scorsa settimana, Andrea Arcangeli, direttore dell’ufficio salute e igiene del Vaticano, ha detto che “è questione di giorni” prima che arrivino le dosi di vaccino e possano iniziare le distribuzioni.

“Tutto è pronto per iniziare immediatamente la nostra campagna”, ha detto, dicendo che il Vaticano seguirà le stesse linee guida del resto della comunità internazionale, compresa l’Italia, offrendo il vaccino prima alle persone “in prima linea, come medici e assistenza sanitaria. personale, seguito da persone di pubblica utilità. “

“Poi ci saranno cittadini vaticani che soffrono di patologie specifiche o invalidanti, poi anziani e fragili e via via tutti gli altri”, ha detto, rilevando che il suo dipartimento ha deciso di offrire il vaccino anche alle famiglie dei dipendenti vaticani.

Il Vaticano ha circa 450 residenti e circa 4.000 dipendenti, circa la metà dei quali ha una famiglia, il che significa che si aspettano di fornire quasi 10.000 dosi.

“Abbiamo abbastanza per coprire i nostri bisogni interni”, ha detto Arcangeli.

Spiegando il motivo per cui ha scelto il vaccino Pfizer piuttosto che il vaccino Moderna, che è stato approvato per l’uso dalla Commissione Europea il 6 gennaio, Arcangeli ha detto che era una questione di tempismo, dal momento che Pfizer era “l’unico vaccino approvato e disponibile”.

“In seguito, se ce n’è bisogno, possiamo anche usare altri vaccini, ma per ora stiamo aspettando Pfizer”, ha detto, aggiungendo che ha intenzione di ottenere il vaccino da solo, perché “è l’unico modo in cui abbiamo per uscirne questa tragedia globale. “

Alla domanda se papa Francesco, uno dei più schietti sostenitori di un’equa distribuzione dei vaccini, sarà vaccinato, Arcangeli ha detto “immagino che lo farà”, ma ha detto che non può offrire alcuna garanzia poiché non è il medico del papa.

Tradizionalmente, il Vaticano ha preso la posizione che la salute del papa è una questione privata e non fornisce informazioni sulla sua cura.

Notando che c’è una vasta porzione “no-vax” della società globale che resiste ai vaccini, o per sospetto di essere affrettati e potenzialmente pericolosi, o per ragioni morali legate al fatto che in varie fasi di sviluppo e test dei vaccini sono state utilizzate cellule staminali linee derivate a distanza da feti abortiti,

Arcangli ha detto che capisce perché potrebbero esserci esitazioni.

Tuttavia, ha insistito sul fatto che i vaccini “sono l’unica possibilità che abbiamo, l’unica arma a nostra disposizione per tenere sotto controllo questa pandemia”.

Ciascun vaccino è stato ampiamente testato, ha detto, osservando che mentre in passato ci sono voluti anni per sviluppare e sperimentare un vaccino prima di metterlo fuori, l’investimento collettivo della comunità globale in mezzo alla pandemia di coronavirus significava che “le prove potevano essere eseguita più rapidamente. “

L’eccessiva paura per i vaccini è “il frutto della disinformazione”, ha detto, criticando i social media per aver amplificato “le parole di persone che non hanno competenza per poter fare affermazioni scientifiche e questo finisce per seminare paure irrazionali”.

“Personalmente, ho molta fiducia nella scienza e sono più che convinto che i vaccini disponibili siano sicuri e non comportino rischi”, ha detto, aggiungendo: “La fine della tragedia che stiamo vivendo dipende dalla diffusione del vaccini.”

Nel dibattito in corso tra i fedeli cattolici, compresi i vescovi, sulla moralità dei vaccini COVID-19, il 21 dicembre Vaticano ha emesso un chiarimento che dà il via libera all’uso dei vaccini Pfizer e Moderna, nonostante siano stati sviluppati utilizzando linee cellulari derivate feti abortiti negli anni ’60.

La ragione di ciò, ha detto il Vaticano, è che non solo la cooperazione all’aborto originale è così remota da non costituire un problema in questo caso, ma quando non è disponibile un’alternativa “eticamente irreprensibile”, vaccini che utilizzano cellule di feti abortiti. è ammissibile in presenza di una “grave minaccia” per la salute e la sicurezza pubblica, come COVID-19.

Anche l’Italia stessa è nel bel mezzo della propria campagna di vaccini. Il primo ciclo di dosi del vaccino Pfizer è arrivato nel Paese il 27 dicembre, andando prima al personale sanitario ea chi vive nelle case di riposo.

Attualmente, sono state vaccinate circa 326.649 persone, il che significa che poco meno del 50% delle 695.175 dosi erogate è già stato somministrato.

Nei prossimi tre mesi l’Italia riceverà altri 1,3 milioni di dosi, di cui 100.000 in arrivo a gennaio, 600.000 a febbraio e ulteriori 600.000 a marzo, con priorità data ai cittadini over 80, ai disabili e ai loro caregiver, nonché alle persone. soffrendo di varie malattie.

Parlando al quotidiano italiano La Reppublica , l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita del Vaticano e capo della commissione del governo italiano per la cura degli anziani in mezzo al coronavirus, ha fatto eco al frequente appello di Francesco per un’equa distribuzione dei vaccini in tutto il mondo.

A dicembre, la task force del coronavirus del Vaticano e la Pontificia Accademia per la Vita hanno pubblicato una dichiarazione congiunta che sollecita una maggiore collaborazione internazionale nell’assicurare la distribuzione dei vaccini COVID-19 non solo nelle nazioni ricche occidentali, ma anche nei paesi poveri che non possono permetterselo.

Paglia ha chiesto uno sforzo per superare quella che ha definito “qualsiasi logica di ‘nazionalismo vaccinale’, che pone gli stati in antagonismo per affermare il proprio prestigio e trarne vantaggio a spese dei paesi più poveri”.

La priorità, ha detto, “dovrebbe essere quella di vaccinare alcune persone in tutti i paesi piuttosto che tutte le persone in alcuni paesi”.

Riferendosi alla folla dei no-vax e alle loro riserve sul vaccino, Paglia ha detto che farsi vaccinare in questo caso è “una responsabilità che ognuno deve assumersi. Ovviamente secondo le priorità definite dalle autorità competenti. “

“La protezione non solo della propria salute, ma anche della salute pubblica è in gioco”, ha detto. “La vaccinazione, infatti, riduce da un lato la possibilità di contagiare persone che non potranno riceverla a causa di condizioni di salute già precarie per altri motivi e dall’altro il sovraccarico dei sistemi sanitari”.

Alla domanda se la Chiesa cattolica si schieri dalla parte della scienza nel caso dei vaccini, Paglia ha detto che la Chiesa “è dalla parte dell’umanità, facendo un uso critico anche dei dati scientifici”.

“La pandemia ci rivela che siamo fragili e interconnessi, come persone e come società. Per uscire da questa crisi dobbiamo unire le forze, chiedere alla politica, alla scienza, alla società civile, un grande sforzo comune “, ha detto, aggiungendo:” La Chiesa, da parte sua, ci invita a lavorare per il bene comune, [che è] più che mai indispensabile. “

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

Ivan Jurkovic: un sostegno alimentare nei paesi poveri

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

La famiglia: incontro tra Governo e Vaticano

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Papa Francesco: Iraq, il viaggio da fare!

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Amazon cancella il libro evangelico

Amazon cancella il libro evangelico